Pubblicità

verona città del medioevo

È stata approvata ieri dal consiglio comunale una norma che impegna Verona a finanziare associazioni e progetti anti-aborto.

di Amanda Margiaria
|
05 ottobre 2018, 8:33am

Immagine via Non Una Di Meno

Inutile girarci intorno o edulcorare la pillola: come riportato dall'associazione a favore dei diritti delle donne Non Una Di Meno, ieri a Verona è stata approvata (con 21 voti a favore e 6 contrari) una mozione che, dichiarando "Verona città della vita", si propone di finanziare attività di sensibilizzazione contro l'aborto.

In termini pratici, l'approvazione della mozione 434 impegna l’amministrazione comunale ad aggiungere nel prossimo assestamento di bilancio una nuova voce per il finanziamento di associazioni e progetti a favore della maternità operanti sul territorio veronese.

Inoltre, la maggioranza non ha ottenuto l'aggiunta di una seconda proposta all'ordine del giorno, nella quale si sarebbe votato per la sepoltura automatica del feto, anche contro il volere della genitrice.

La mozione 434 è stata contestata da alcune esponenti del movimento Non Una Di Meno, che si sono presentate in sala indossando tuniche rosse e copricapi bianchi, a ricordare le ancelle del romanzo distopico Il Racconto dell'Ancella di Margaret Atwood. Il consiglio comunale non ha preso particolarmente bene l'intervento, allontanandole tempestivamente dall'aula della votazione.

A rendere la notizia ancor più triste è la motivazione addotta dai promotori della norma: l'anniversario della legge 194, avvenuto il 22 maggio 2018. Secondo il firmatario principale del documento Alberto Zegler (Lega Nord), infatti, le ragioni che hanno spinto alla legalizzazione dell'aborto andrebbero oggi riviste da un punto di vista "sociale e culturale," a causa di un eccessivo ricorso da parte delle donne a tale pratica, come si legge nella mozione stessa.

Superfluo commentare tale presa di posizione retrograda, misogina e anacronistica, ma il fatto resta: con questo passo, Verona diventa ufficialmente città del Medioevo, non città della vita.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Non solo notizie negative, però: