Pubblicità

come assumiamo droga oggi?

Quali droghe prende la gente, quanto spesso e dove le comprano? Abbiamo incontrato il dottor Adam Winstock, lo psichiatra che si occupa del Global Drug Survey, per scoprire come è cambiato al giorno d'oggi il modo di assumere droga.

di Dean Kissick
|
23 novembre 2015, 11:15am

"Sei bloccato su un'isola deserta e ci sono funghi allucinogeni, erba, cocaina e MDMA, a quale di queste droghe rinuncereste in cambio di provarne una nuova?" chiede il dottor Adam Winstock, psichiatra e fondatore del più grande sondaggio mondiale sull'uso della droga. Il sondaggio del 2015 è basato su un campione di oltre 100,000 persone che fanno un uso ricreativo di droghe - gente come me e te, ad esempio, che occasionalmente ingerisce sostanze illecite per piacere, ma che in realtà rappresentano il più grande gruppo di drogati del pianeta. Il sondaggio del 2016, in collaborazione con The Guardian e The Huffington Post, è stato invece pubblicato online questa settimana. Il dottor Winstock prosegue con la sua missione volta ad individuare quale uso viene fatto delle droghe più in voga nel mondo, ma anche ad educare riguardo alle sostanze che assumiamo.

Ritornando all'immagine dell'isola deserta, il dottor Winstock crede che la maggior parte delle persone rimanga fedele alle droghe che conosce, come i funghi allucinogeni, l'erba, la cocaina e l'MDMA, perché offrono un'esperienza molto più appagante rispetto ai nuovi miscugli sintetici apparsi recentemente. "Guardare le news mondiali lascia sbigottiti e i documentari di Vice mostrano i drogati nelle strade delle maggiori città che si distruggono come i ragazzini nel ghetto delle favelas," spiega. "Sto iniziando a pensare che i surrogati dell'erba possano aver finalmente trovato il loro posto nel mercato odierno - il dimenticatoio." Winstock sta certamente parlando delle misture di erba di alcuni marchi come Blueberry Kush o K2 o Spice che spesso possono essere comprate in maniera totalmente legale. Per il terzo anno consecutivo il Global Drug Survey ha mostrato che questi cannabinoidi sintetici lasciavano più di altri la necessità di cure mediche rispetto a qualsiasi altro gruppo di droghe considerate (anche se le droghe pesanti come eroina, meth e crack non rientravano tra le droghe prese in considerazione dal sondaggio). Nel 2015 il 3.5% di chi faceva uso di cannabinoidi sintetici si è ritrovato ad avere bisogno di cure, alzando così la percentuale a uno sconcertante 12.5% di quelli che ne hanno fatto uso 100 o più volte in quest'anno - un rischio 30 volte più alto rispetto a quello che corrono coloro che assumono cannabis. "Di norma più la droga è economica, più è rischiosa," conclude il dottor Winstock.

Una delle scoperte più importanti del 2015 è stata che molti non scelgono le droghe sintetiche perché sono legali e perché credono siano sicure - anche se spesso questo è quanto è detto. No, le scelgono perché sono dannatamente economiche. Se la maggior parte delle persone avesse a disposizione un vasto assortimento tra cui scegliere e tasche senza fondo piene di soldi opterebbero per le droghe con cui potersi sballare con i minimi effetti collaterali, ma spesso è impossibile. La gente a cui piace "divertirsi in questo modo" non è idiota, si tratta di persone povere o di gente davvero disperata.

Il consumo di altri psicoattivi sintetici, di pillole e polveri, di "sostanze chimiche utilizzare per la ricerca" con marche come Mexedrone, M&M e Sparkle che intendono imitare gli effetti delle sostanze illegali - e pericolose - è fortunatamente in declino nel Regno Unito, passando da oltre il 20% nel 2012 all'8.6% nel 2015 secondo quanto stimato dai dati del sondaggio mondiale sulla droga. Perché? Il motivo è che il Regno Unito è ancora pieno zeppo di MDMA di alta qualità e anche cocaina, se sei disposto a sganciare. Nel 2015 la cocaina è ancora la droga più costosa, grammo dopo grammo; ciò che è cambiato è che ora i produttori ne stanno smerciando di due tipologie differenti: di bassa e alta qualità. Nel Regno Unito il costo medio di un grammo di bassa qualità è £52.43, mentre un grammo di alta qualità costa £75.82. Ma più la purezza è maggiore, più aumenta il rischio. Perché è facile assumere un eccesso di prodotto puro per sbaglio piuttosto che uno tagliato. Come spiega il dottor Winstock, "Le droghe di migliore qualità possono causare più danni rispetto a quelle meno pregiate, specialmente se non sai che cosa stai assumendo."

Aumentare la purezza è un trend che sta crescendo nel mondo della droga. Oggi il costo medio di una pillola di ecstasy è £8.79, anche se la sostanza è più forte che mai e la percentuale di chi ne fa uso e ha bisogno di assistenza medica è passata, anno dopo anno, dal 0.3% del 2013 al 0.9% del 2015. Nel 2015 a volte le pillole contengono anche 200mg in eccesso, o perfino 300mg di MDMA che risulta essere, rispettivamente, il doppio e il triplo del dosaggio raccomandato da prendere in una volta. L'editor di Vice Thijs Roes, dopo aver intervistato alcuni dei produttori olandesi di ecstasy che riforniscono il mercato mondiale, spiega, "Stanno cercando di avere la meglio l'uno sull'altro giocando sporco. Mi è stato detto che si tratta di una competizione tra i produttori, gareggiano tra di loro. Qualcun altro mi ha descritto la sua pillola di 330mg come un prodotto importante, come un modo di farsi conoscere nella scena."

La cosa preoccupante è che in Gran Bretagna c'è quest'abitudine di prendere una dose maggiore di MDMA durante le proprie serate fuori, cosa che non accade in nessun'altra nazione (il dosaggio medio nel mondo è di 250mg, mentre gli inglesi lo alzano ai 420mg per notte). "Gli inglesi hanno questa predisposizione a eccedere, non riescono a farlo con moderazione," osserva il dottor Winstock. "In Gran Bretagna la gente pensa che 'più droga' sia sinonimo di 'esperienza migliore', ed è questo che bisogna cambiare - assumere più droghe non vuol dire passare serate migliori. Si tratta di assumere la giusta misura di droga, sostenibile dal tuo corpo, al tempo giusto, nel posto giusto."

Il sondaggio mondiale sulla droga del 2015 ha inoltre evidenziato che il modo in cui si assumono le droghe sta cambiando. Quando è apparsa sulla scena alla fine degli anni '80, l'MDMA era una droga da rave, ma la cultura giovanile cambia costantemente e oggi non ci sono così tanti club edonistici come prima. Oggi si è più inclini a ingoiare una pillola ad un festino in casa o sul divano con la fidanzata piuttosto che farlo sulla pista da ballo. Lo stesso capita con la cocaina. Troppo spesso oggi, piuttosto che prediligere le uscite al pub, si preferisce stare tristemente svegli fino all'alba a sniffare strisce nel soggiorno di qualcuno. Il dottor Adam Winstock riflette su questo trend, "L'abuso di droghe nel 2015 per alcune persone è diventato fine a se stesso, come se distruggersi fosse lo scopo dell'assumere droghe. Mi manca il gusto della scena dei club degli anni '80 e dei primi anni '90, quando l'uso di droghe serviva ad invogliare la gente ad uscire - ma spesso oggi distruggersi sembra essere l'obiettivo, e non saprei come tutto questo possa cambiare..."

Per partecipare al sondaggio mondiale sulla droga visitate globaldrugsurvey.com

Crediti


Testo Dean Kissick
Foto Jamie