stonehenge ha 5.000 anni, ma è più contemporaneo che mai

E infatti Jeremy Deller lo ha scelto come soggetto della sua nuova mostra in collaborazione con il brand Aries e David Sims, appena arrivata in Italia.

di Federica Tattoli
|
20 aprile 2019, 9:17am

Wiltshire Before Christ è, in perfetto mood contemporaneo, una mostra corale e multidisciplinare che fonde in un solo, magnifico calderone arte contemporanea, moda e fotografia. I protagonisti sono l’artista vincitore di un Turner Prize Jeremy Deller, il brand streetwear Aries e la sua mente creativa Sofia Prantera, più il fotografo di moda David Sims (che un paio di mesi fa ha scattato per il numero di i-D "The Homegrown Issue" l'editoriale sulla storia di Palace).

Video, installazioni, lightbox, oggetti, capi di abbigliamento e una pubblicazione dedicata invaderanno gli spazi del Centro Pecci di Prato, dopo essere stati al The Store X di Londra lo scorso gennaio.

Fulcro di questo progetto caleidoscopio e immersivo è il mitologico, nonché incantato, sito preistorico di Stonehenge nel Wiltshire, già protagonista di un celebre lavoro di Deller, Sacrilege, il gonfiabile in scala 1:1 del sito archeologico che forse molti di voi ricorderanno di aver visto un anno fa a Milano sotto le torri di CityLife grazie a Fondazione Trussardi.

jeremy deller david sims aries mostra prato museo pecci
Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims, Wiltshire Before Christ, 2018. © Jeremy Deller

Mitologia, ironia e spostamento di senso: il 3.000 a. C. viene catapultato ai giorni nostri e reso protagonisti, oltreché di video ed editoriali di moda, anche di capi streetstyle iper-contemporanei. Simboli pagani, magia e luoghi mistici come Stonehenge esercitano da sempre un’attrazione inspiegabile sull'essere umano. E Deller&Co. vanno proprio a scandagliare questi concetti radicati nell'animo di tutte le popolazioni che sono identità, appartenenza al proprio tempo e spazio. A rendere interessante la loro ricerca, tuttavia, è il non risultare mai noiosi, mantenendo una chiave intrigante e pop.

A questo proposito Deller afferma: “Stonehenge potrebbe essere un logo tra i più famosi al mondo. La sua silhouette è più riconoscibile di qualsiasi altra cosa in Gran Bretagna, tolta forse la Regina”. E cosa c’è di più pop e universale di questi simboli?

Prima dell’opening abbiamo avuto modo di fare quattro chiacchiere con Sofia Prantera, la Direttrice Creativa e Fondatrice di Aries, che per Wiltshire Before Christ ha dato vita a una capsule collection che è parte integrante e seminale del progetto, formata da 30 t-shirt, felpe, calze, sticker e altri item raffiguranti opere uniche di Deller. Sofia ci racconta così la genesi della linea: “Sono amica da anni sia di Jeremy Deller che di David Sims, che prima di Wiltshire Before Christ non avevano mai lavorato insieme."

jeremy deller david sims aries mostra prato museo pecci
Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims

E continua poi: "Jeremy è da sempre affascinato dal prodotto moda, come dal merchandising, e stava collaborando con l’ English Heritage in occasione dei 100 anni di apertura al pubblico del sito archeologico di Stonehenge. Parlando è nata l’idea di realizzare una t-shirt a tema usando simboli e grafismi neolitici. Realizzate le t-shirt c’era bisogno però di fotografarle, volevamo farlo con un estetica che fosse quella della moda, e qui entra in scena David Sims, che ha subito accettato, vista anche l’opportunità di scattare a Stonehenge, che è un luogo in cui il pubblico non può entrare."

Dall'arrivo di Sims alla creazione di un vero e proprio shooting il passo è stato breve: "Hanno partecipato anche Jane How ed Emma Cook, rispettivamente costumista e fashion designer, per un progetto corale che ha dato vita alle immagini del libro e della mostra, a cui si sono poi aggiunte installazioni di druidi e segnali stradali a tema sociale e alcuni pezzi originali dell’epoca neolitica [esposti nell’allestimento londinese, NdR]. Insomma, siamo partiti dall’idea di una maglietta da vendere come merchandising, ma poi ci siamo ritrovati per le mani un progetto complesso e stratificato che è sfociato in una mostra che da Londra si è poi spostata nelle sale del Centro Pecci di Prato. A Londra la collezione di t-shirt era acquistabile direttamente nell’installazione, come l’ha chiamata Jeremy: Shopxhibition. A Prato invece la collezione e il libro saranno disponibili nello shop del Centro."

E come si approccia tutto questo con l'industria della moda? " Wiltshire Before Christ inverte l'idea tradizionale della moda e rende il prodotto il catalizzatore, piuttosto che focus totalizzante. Abbiamo una fascinazione per i simboli antichi, che sono sempre apparsi nella grafiche di Aries... I simboli oggi sono utilizzati come modo di comunicazione semplice e diretto, ma allo stesso tempo profondo: il simbolo diventa brand e il brand, come le religioni ancestrali, diventa aggregatore sociale. Il lavoro di Jeremy si concentra su temi simili, sviluppando il prodotto e poi esponendolo. Come società potremmo aver perso la religione, ma un ritorno al paganesimo e alla spiritualità sembra essere oggi un nuovo, possibile modo di connettersi con gli altri che spero che questo progetto possa esplorare e incentivare."

Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims

A fare da corollario a questa operazione multi-livello non poteva mancare l’aspetto editoriale, e infatti Wiltshire Before Christ è anche un libro, pubblicato da The Store X, una inconsueta guida ai siti Neolitici della Gran Bretagna, dove tuttavia lo stile quasi accademico della pubblicazione è intervallato da 50 splendidi scatti di David Sims.

Un progetto imperdibile come in Italia se ne vedono pochi, un’immersione totale in un ambiente ancestrale e contemporaneo, che vale sicuramente un viaggio in Toscana… E perché no, un’escursione nel Wiltshire a visitare l’esoterica Stonehenge.

"Wiltshire Before Christ" approda in Italia al Centro Luigi Pecci di Prato dal 19 aprile al 21 luglio 2019. Tutte le informazioni le trovi qui.

Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, veduta della mostra a The Store X, Londra.   Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, veduta della mostra a The Store X, Londra. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, veduta della mostra a The Store X, Londra. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims
Wiltshire Before Christ, 2018, catalogo. Courtesy Jeremy Deller, Sofia Prantera, David Sims

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti


Testo di Federica Tattoli
Immagini su gentile concessione dell'Ufficio Stampa Pickles PR

Non siete a Prato ma cercate qualcosa da fare durante il weekend? Qui trovate sicuramente qualche spunto:

Tagged:
arte
Aries
Jeremy Deller
david sims
sofia prantera
mostre d'arte in italia
cosa fare
Wiltshire Before Christ
Centro Luigi Pecci