Immagini courtesy di Balenciaga 

Resell, premi e collaborazioni: cosa sta succedendo nel mondo della moda?

La capsule Miu Miu, la nostra ossessione per QUEL completo Gucci e il Fashion Trust Arabia. Ecco alcune fashion news che potresti avere perso in queste ultime settimane.

di Mahoro Seward, Tom George, e Carolina Davalli
|
10 novembre 2021, 10:53am

Immagini courtesy di Balenciaga 

Wow, che settimane! Tra la sfilata hollywoodiana di Gucci, la campagna ultraterrena Balenciaga, la capsule per le serate courtesy di Miu Miu e l’ascesa di una nuova capitale della moda (leggi: Doha) ci sono molte news dal mondo della moda da spacchettare. Tra collaborazioni, debutti, premi prestigiosi e un tuffo nel mondo visionario e iconoclasta di Diesel, siamo qui per fare chiarezza sulle novità che il vorticoso e dinamico mondo della moda ci regala quotidianamente.

Ecco dunque alcune fashion news che potresti aver perso nelle ultime settimane

Il completo Gucci di Gwyneth

Ok, ammettiamolo, la news delle ultime settimane è stata la sfilata Gucci, con il suo spettacolo in stile La La Land organizzato in occasione del suo 100esimo anniversario. Una sfilata come tutte le altre per la maison fiorentina, che ha solamente chiuso l’intera Hollywood Boulevard per presentare i propri 115 look a una pletora di “divinità pagane”—epiteto con cui Alessandro Michele ha descritto l’orda di attori e attrici che alimentano la più grande dream factory del globo. E un buon numero di questi semidei ha indossato pezzi d’archivio in occasione della sfilata. Su tutti e tutte, Gwyneth Paltrow che ha sfoggiato quel completo in velluto rosso che Michele ha riproposto per la collezione Gucci Aria, scavando direttamente negli archivi dell’era Tom Ford quando era alle redini del brand. Il look originale, firmato Ford, era stato infatti indossato dall’attrice in occasione dei VMA del 1996, esattamente 25 anni fa. Ed è rimasto iconico. Per avere una visione d’insieme di tutta la collezione, leggi qui la nostra review a riguardo! MS

La campagna S/S 22 di Balenciaga

Il cortometraggio per la campagna S/S 2022 del brand ci trasporta in un susseguirsi di stanze immersive, ambienti a metà tra realtà digitale e fisica. Nel fashion film di 2 minuti firmato dallo studio creativo con sede a Copenaghen Morph, si vedono infatti muse dell’ambiente domestico camminare attraverso una serie pressoché infinita di pareti bianche, con viste modificabili, intercambiabili e personalizzabili. In quella che sembra essere una debole eco al lookbook della collezione A/W 21 della maison—un collage di video in cui abbiamo visto i talent fuoriuscire da proiezioni dei monumenti più famosi di tutto il mondo—in questo caso gli incombenti skyline di New York e Shanghai hanno lasciato il posto a idilli tropicali, boschi inquietanti e persino la Terra vista dalla luna. Abbastanza fuori, vero? Beh, non così fuori come il lookbook per la campagna di questa stagione, che puoi guardare sul profilo Instagram di Balenciaga. Qui le cose si fanno un po’ cyborg, con i talent vestiti di "abiti esoscheletrici" fantascientifici e "coperture per il viso cibernetiche" realizzare dall'artista e designer basato a Tokyo, Ikeuchi Hiroto. Il futuro è ufficialmente qui. SM

Night out con Miu Miu

Miu Miu Night campaign
Fotografia di Mert Alas & Marcus Piggott. Styling Lotta Volkova. Immagine courtesy of Miu Miu
Miu Miu Night campaign
Fotografia di Mert Alas & Marcus Piggott. Styling Lotta Volkova. Immagine courtesy of Miu Miu

Serata fuori? Non indugiare, perché a vestirti ci pensa la nuova capsule Miu Miu, Miu Miu Nuit. Attingendo al provocante vocabolario dell'abbigliamento da sera, si tratta di una collezione ricca di tutto il brivido e desiderio che contraddistingue una moda tipicamente notturna. Abiti sottoveste ricamati con paillettes dalla vestibilità sinuosa? Check. Completi larghi in sontuoso velluto nero? Double check. Un capo interamente ricoperto di strass di cristallo con scollo sulla schiena? Ovviamente, check!

Miu Miu Night campaign
Fotografia di Mert Alas & Marcus Piggott. Styling Lotta Volkova. Immagine courtesy of Miu Miu

E se questo non è abbastanza per convincerti a indossare questa capsule alla tua prossima night out allora goditi la campagna che accompagna questo progetto, ideata dalla Senior Fashion Editor at Large di i-D Lotta Volkova e scattata da due dei più famosi image maker della moda, Mert Alas e Marcus Piggott. Popolata da Ever Anderson, Ciara Bravo e KiKi Layne, la campagna vede gli attori assumere pose provocanti in luoghi associati alla vita notturna—"un bar deserto, un'anticamera, l'ingresso illuminato di un club esclusivo", si legge nel comunicato stampa—risultando in immagini “cariche del ricordo di celebrazioni appena concluse, o della promessa di quelle che stanno ancora per iniziare.” Sì, è tutto così seducente e misterioso! Beh, con questi vestiti sarai anche tu, seducente e misterioso. SM

Da Machine-A a Machine-B

BYRONESQUE x MACHINE-A campaign
Fotografia di Katja Mayer. Styling Harry Lambert. Immagine courtesy of Machine A
BYRONESQUE x MACHINE-A campaign
Fotografia di Katja Mayer. Styling Harry Lambert. Immagine courtesy of Machine A
BYRONESQUE x MACHINE-A campaign
Fotografia di Katja Mayer. Styling Harry Lambert. Immagine courtesy of Machine A

Sì, sappiamo che lo sai già: il resell va di moda e il second hand è la nuova fissa del retail. Eppure nessuno si è ancora azzardato a implementare questo trend dentro i canali e le piattaforme ufficiali della moda. Attraverso una nuova partnership, è esattamente questo ciò che il retailer e hub della moda di lusso con sede a Londra Machine-A e gli esperti di vintage di lusso con sede a Parigi Byronesque hanno deciso di fare. Vi presentiamo "Machine-B", una nuova avventura che vede una rassegna di pezzi vintage di cinque dei designer più quotati sul mercato pronta per essere acquistata direttamente nel negozio di Soho. Esatto, se sei a Londra, sai già cosa fare. Da Rick Owens a Maison Martin Margiela, da Raf Simons a Gareth Pugh potrai acquistare i loro pezzi sbirciando allo stesso tempo le creazioni di nuovi nomi del panorama sperimentale della moda per cui Machine-A è noto. Per quanto radicale possa sembrare la mossa, in fondo è anche un nobile tentativo di incoraggiare i consumatori a pensare oltre gli stretti confini della stagionalità e ampliare la propria visione su un tipo di vestiario senza tempo. Come afferma Michèle Lamy, la moda è “una storia continua. Come un architetto che lascia un segno duraturo. Nessuno metterebbe in dubbio o giudicherebbe il proprio lavoro all'interno di un sistema effimero come la moda. Parliamo di stagioni ed è sciocco". La regina ha parlato! E ora vai a fare shopping xoxo MS

Diesel dà nuova vita ai tuoi vecchi denim

A proposito di resell, hai per caso qualche vecchio jeans Diesel che non ti sta più bene? Come parte del loro progetto Secondhand, il marchio ha riacquistato pezzi d’archivio in negozi selezionati in tutta Italia dando loro una nuova vita. Con una pubblicità in stile anni '70 interpretata dall'ex calciatore italiano Alessandro Orlando, il marchio promette di trasformare "il tuo vecchio in oro", e così è stato: il brand ha già raccolto oltre 900 paia di jeans, li ha ripuliti, riparati e ricondizionanti per dare nuova vita a ogni capo, e un nuovo logo rosso sul retro. L'idea è far sì che la comunità Diesel si unisca nella rivoluzione della rivendita e avanzi nel suo viaggio verso una moda vintage che si inserisca nel panorama della moda “nuova”. Il programma rimarrà attivo, ma se desideri acquistare alcune delle offerte già realizzate, queste saranno vendute in negozi selezionati in Italia e online in tutta Europa su diesel.com. TG

La collabo Mercedes-Benz x Proenza Schouler

1--Mercedes-Benz-x-Proenza-Schouler-04.jpg
Fotografia di Harley Weir
1--Mercedes-Benz-x-Proenza-Schouler-07.jpg
Fotografia di Harley Weir

Hai in programma un viaggio? Ci pensano Mercedes-Benz e il marchio di moda newyorkese, i quali hanno unito le loro forze per creare una capsule per gli amanti dell’avventura e degli spazi aperti: una collezione genderless e fluida che esprime l’essenza dinamica e multiforme di entrambi i brand, capaci di infondere nel concetto di lusso una nuova interpretazione essenzialmente contemporanea.

1--Mercedes-Benz-x-Proenza-Schouler-02.jpg
Fotografia di Harley Weir

Materiali riciclati, processi a impatto zero, design lineare e un mood di delicata e raffinata naturalezza sono gli elementi che dominano nella collezione, una serie di capi senza tempo che trasudano della ricercatezza e devozione al dettaglio che contraddistingue entrambi i brand. Il risultato è una serie di look versatili ma decisi, che mixano funzionalità e attenzione all’ambiente, dinamismo ed estetica. La collezione è disponibile dal 9 novembre in rivenditori selezionati e sul sito di Proenza Schouler.

L’ascesa del Fashion Trust Arabia

gente medio orientale vestita bene su degli scalini bianchi

Londra, Milano, Parigi… Doha? Come avrete notato, la scorsa settimana una manciata di designer, modelle, modelli e celebrità ha fatto una capatina tra le sabbiose dune del Qatar. Perché? Il paese del Medio Oriente—che sarà pure piccolo, ma detiene una forte influenza sull’economia globale del settore—ha organizzato una fashion week parallela, con invitati del calibro di Virgil Abloh (la sua mostra Figures of Speech ha aperto a Doha questa settimana), Naomi Campbell (che porterà lì il suo progetto Fashion For Relief a marzo), Maria Grazia Chiuri (che a breve aprirà la mostra Designer of Dreams in città) e Pierpaolo Piccioli di Valentino, che ha appena lanciato la sua collezione di abayas couture nella capitale. Ma l’evento più importante è stato il Fashion Trust Arabia, il premio di moda per la nuova generazione di designer mediorientali per le categorie di ready-to-wear, abiti da sera, accessori e gioielleria. Quest’anno ha segnato il secondo appuntamento irl, che l’anno scorso ha premiato i vincitori per vie digitali.

Image from PORTFOLIO2, page 15.png
Opera del designer franco-sudanese di base a Milano Abdelgader AbdelGader El Tayeb Al Sadig

L'imprenditrice libanese Tania Fares ha lanciato FTA come iniziativa no-profit nel 2018 sotto il patrocinio reale del Qatar di Sua Altezza lo sceicco Moza Bint Nasser e di sua figlia e co-presidente, Sua Eccellenza Al-Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al-Thani. Destinato a fornire supporto finanziario e riconoscimento internazionale ai talenti emergenti della regione del Medio Oriente e del Nord Africa, concede a ciascun vincitore premi fino al valore di $ 200.000, più un servizio di tutoraggio aziendale e formazione sulla sostenibilità. Ma oltre a sostenere i designer a livello economico, il premio vuole celebrare anche la ricchezza culturale del Medio Oriente, dall'artigianato locale ai designer che sfidano le percezioni estetiche e culturali dell'Occidente—infatti, è anche uno dei pochi premi che ha base fuori dall’Europa.

Dalle 700 application ricevute, il comitato ha selezionato 24 finalisti, sei dei quali hanno ricevuto premi, e i loro lavori non potrebbero essere più diversi tra loro. Zaid Affas, nato in Iraq e residente a Los Angeles, è stato il vincitore della categoria prêt-à-porter per i suoi capi architettonici realizzati con i più alti standard di pratiche sostenibili, dal riciclaggio alla riduzione degli sprechi di materiale fino a una over-produzione pari a zero. Mohamed Benchellal, nato in Marocco e residente ad Amsterdam, è stato premiato per i suoi abiti da sera dalle proporzioni drammatiche (si pensi a Balenciaga degli anni '60, però in tessuti scuba).

Image6.jpeg
Il lavoro del designer marocchino di base ad Amsterdam Mohamed Benchellal

La stilista emiratina Alia Bin Omair ha portato a casa il premio per la categoria gioielleria grazie alle sue manipolazioni delle tradizionali collane di monete arabe e vimini; Bilal Fellah ha ricevuto il premio per il designer di accessori per la sua linea di occhiali da sole, port Tanger, che celebra la sua eredità marocchina; e il franco-sudanese Abdelgader AbdelGader El Tayeb Al Sadig si è aggiudicato il premio Franca Sozzani al talento di debutto per le sue superbe combinazioni di tecniche di tessitura di cesti africani con sagome giocose e colorate. La "nazione ospite" di quest'anno è stata la Colombia, con il designer Agustín Nicolàs Rivero che si è portato a casa il primo premio (ogni anno, un paese diverso sarà invitato a partecipare). Con l'imminente Coppa del Mondo FIFA e, ammettiamolo, il considerevole investimento del Qatar in marchi di moda (possiedono letteralmente Valentino), questo è un premio che vale decisamente la pena tenere d'occhio. OA

Questo articolo è comparso originariamente su i-D UK. 

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Tagged:
Balenciaga
Gucci
Miu Miu
campagne
Moda