YouMovie è il nuovo portale dove puoi vedere (e fare) il cinema indipendente

Qui potrete vedere quei film introvabili di cui sentite sempre parlare. E se volete darvi al cinema, potrebbe svoltarvi la carriera.

di Benedetta Pini
|
25 marzo 2021, 2:21pm

Illustrazione di Giorgia Sara Conte / Iaia Iris

Cinema, teatri, musei sono chiusi. E lo sono da parecchio tempo ormai, sacrificati in nome delle norme contenitive della pandemia. E se le sale delle grandi multinazionali sono in difficoltà, messe sotto chiave a prendere polvere, figuriamoci quelle dei circuiti dei cinema, dove trovare quei film di nicchia che il multisala di turno non proietta proprio o ha tiene in sala per 48 ore quando va bene. A risolvere questa urgenza ora c’è YouMovie, la nuova piattaforma italiana di streaming online dedicata interamente al cinema indipendente, attiva dal 22 marzo 2021.

YouMovie si pone come l’alternativa alle piattaforme streaming mainstream a cui gli artisti indipendenti ed emergenti difficilmente hanno accesso. “La regola è solo una: la qualità. Per questo non prevede un upload libero da parte degli utenti, come YouTube o Vimeo, ma ogni contenuto è precedentemente vagliato da un comitato di selezione, formato da registi, sceneggiatori, un critico e un giornalista", ci spiega il regista Davide Vigore, tra i fondatori del progetto. Man mano che Davide ci descrive la piattaforma, sembra qualcosa di simile a Indiecinema (nata da poco in Italia), Festivalscope (che da anni diffonde online il meglio dei principali festival internazionali) o l’amatissimo MUBI.

Ma YouMovie è qualcosa di più rispetto a progetti simili già esistenti: una piattaforma che fa tesoro di quelle esperienze e prova a unire in una sola il meglio di ciascuna. “Chiunque si potrà iscrivere e avrà il proprio profilo, come una sorta di bacheca stile Facebook, dove postare tutto ciò che si vuole, tra video, reference, articoli, foto, live etc. Attraverso questo spazio altamente personalizzabile, potrete presentarvi agli altri utenti e creare una community per fare networking tra emergenti e indipendenti, bypassando gli ingombranti player boomer del settore,” specifica Davide.

Quindi, se siete degli appassionati di cinema, con un grado più o meno alto di cinefilia, qui troverete ciò che le piattaforme mainstream ormai non vi sanno più dare: prodotti originali e di qualità, che vi apriranno a mondi inediti e vi faranno scoprire visioni nuove, diverse, trasportandovi in terre ancora inesplorate. Alcuni sono offerti liberamente, altri sono a pagamento—per una cifra compresa tra i 2 e i 5 euro, di cui il 75% va all’autore del film, e il resto viene reinvestito da YouMovie per sostenere i costi di gestione. Vi assicuriamo che, nel sottobosco indipendente del cinema italiano attuale, di prodotti interessanti ce ne sono eccome, soprattutto nel settore dei corti e dei documentari, che a differenza dei lungometraggi non ci sperano neanche in una distribuzione in sala.

Se invece siete degli aspiranti cineasti (registi, sceneggiatori, distributori o produttori che sia), YouMovie è ancora di più il posto per voi. La vostra bacheca diventerà una sorta di corollario, di portfolio multimediale allegato al film che avete caricato—gratuitamente, previa selezione—sulla piattaforma, così da farvi conoscere a 360° dal pubblico e dai player del settore. L’opportunità davvero rivoluzionaria della piattaforma è proprio questa, afferma Davide: “se attirerete l’attenzione di altri produttori o distributori iscritti alla piattaforma, potrete venire contattati e svoltare la vostra carriera nel giro di un click. Inoltre, YouMovie offre ai cineasti iscritti dei supporti per avere un aiuto concreto a livello professionale, ad esempio i servizi di social media management e ufficio stampa; oppure di distribuzione nei festival internazionali.”

E questo è solo l’inizio, ci spiega Davide: “È un progetto continuamente in divenire. Tutto è scattato durante la quarantena, che ha aperto le porte del cinema italiano alla dimensione virtuale, facendo capire agli addetti ai lavori che non c’è alcun conflitto tra sala reale e streaming digitale, che non si tratta di una scelta aut aut, ma di due dimensioni che possono convivere senza che questo implichi la scomparsa della sala fisica. In realtà, sentivo già da anni la necessità di fare qualcosa in questa direzione. Ora che il progetto sta prendendo forma, ci siamo resi conto delle grandi possibilità che abbiamo davanti: vorremmo espanderci alla video arte, ma anche a eventi teatrali e musicali.”

La piattaforma di streaming dedicata al cinema indipendente YouMovie è stata lanciata il 22 marzo, qui puoi iscriverti e spulciare il catalogo.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo di Benedetta Pini
Illustrazione di Giorgia Sara Conte / Iaia Iris

Leggi anche:

Tagged:
indie
Streaming
cosa vedere
cinema indipendente italia