uno sguardo esclusivo alla nuova capsule collection di msgm

Parliamo con Massimo Giorgetti di MSGM p.m., una capsule che ritorna alle radici del brand.

di Clementine de Pressigny
|
14 dicembre 2016, 3:24pm

Massimo Giorgetti è la prova che per raggiungere il successo non bisogna per forza seguire le regole prestabilite. Lo stilista 38enne dietro il brand italiano MSGM - e alla guida di Pucci - ha iniziato studiando contabilità fino a quando la sua passione per la moda non ha preso il sopravvento. L'ha portato a lavorare in una boutique, imparando così cosa cerca davvero il consumatore. Presto è diventato chiaro quanto avesse talento per la moda e, grazie anche al suo spirito imprenditoriale, ha deciso di collaborare con Paoloni Group nel 2008 e dare vita a MSGM. Il brand in breve tempo è diventato un successo globale, e la sua crescita è continua. 

Massimo ha un approccio sicuro, sia per quanto riguarda il design che gli affari, e crede che essere felici di ciò che si fa sia il più grande successo. Così, quando si è presentata l'occasione, non ha esitato a creare una capsule collection: è nata MSGM p.m., in un batter d'occhio. Massimo non è uno che temporeggia. Parlando con lui al telefono dal suo ufficio di New York, ci spiega, "Ho deciso in breve tempo di fare una capsule — due settimane, e abbiamo creato la collezione in quattro." In linea con la sua etica lavorativa, ha voluto affrontare la sfida con una certa leggerezza. "Mi sono divertito! È stato davvero bello lavorare a questa collezione," spiega. "A volte gli stilisti, me incluso, pensiamo troppo ad ogni collezione, ma posso dire di non averlo fatto con questa, è stato tutto molto divertente e naturale." 

Lo spirito gioioso dello stilista forse deve essere attribuito al fatto di essere cresciuto a Rimini, la ridente città dell'Adriatico. "La città da dove vengo è un luogo pieno di positività. Ogni volta che torno a Rimini e Riccione —ora vivo a Milano — è tutto diverso, la gente è felice, positiva, si godono la vita," racconta Massimo. "Amo le mie origini perché è una terra che parla di semplicità e gioia, alla gente piace divertirsi, mangiare, bere. Amiamo tutto!"

Sono stati i ricordi di serate passate nei bar e nei club della cittadina ad aver dato a Massimo lo spunto per la soundtrack della collezione. La musica è sempre stata al centro del suo processo creativo, e per MSGM p.m. lo è stata in particolar modo. "La musica è l'aspetto fondamentale, mi aiuta a rilassare la mente, e per questa collezione ho pensato molto alle serate fuori quando avevo 20 anni, e abitavo a Rimini," dice. "Ricordo le notti fantastiche ascoltando Basement Jaxx, i Chemical Brothers — in particolare la canzone Hey Boy Hey Girl, quello è il mood.

Negli ultimi 6 anni la ragazza MSGM si è evoluta, ma questa capsule è stata un'opportunità per tornare alle radici del brand. "Le prime collezioni erano piene di gonne e abiti corti, rappresentano un certo attitude," spiega. "Le ultime collezioni sono più mascoline, e non volevo cambiare l'evoluzione di MSGM perché adoro il cambiamento, perciò ho deciso di riprendere quell'attitude con una capsule pensato per il pomeriggio e la sera, ma per nulla per il rep carpet." 

Dove passa il tempo la ragazza MSGM p.m.? "A teatro, al ristorante, in un club, bevendo un cocktail. Amo il Duke Hotel — potrebbe trovarsi lì. Ma potrebbe anche andare a casa delle amiche. È sicura di se, libera." Come piace a noi.

Crediti


Testo Clementine de Pressigny

Tagged:
Capsule Collection
massimo giorgetti
msgm