fotografie di julia nobis prima di diventare una modella internazionale

In una fredda mattina newyorkese, Julia e Bec vagano per Coney Island. Cinque anni dopo, le immagini scattate quel giorno sono diventate un libro fotografico delicato e imperdibile.

|
ott 12 2017, 3:45pm

Questo articolo è originariamente apparso su i-D US.

È la primavera del 2012 e la fotografa australiana Bec Parsons passeggia per Coney Island con un'altra australiana, un'allora promessa della moda che di lì a poco avrebbe raggiunto la fama internazionale: Julia Nobis. Ma Ben, fondatrice della rivista semestrale LoveWant con il marito Bartolomeo Celestino, ha aspettato cinque anni prima di pubblicare le immagini scattate quel giorno nel libro Coney Island. "Le fotografie di Julia si alternano a quelle degli alberi in fiore a New York," scrive la casa editrice, "una metafora della transizione della modella australiana nel momento che ha rivoluzionato la sua vita personale e professionale." Abbiamo parlato con Bec di Julia prima di Prada, Dior e Saint Laurent, e dei meccanismi che regolano il suo animo creativo.

Prima di tutto, congratulazioni per il libro! Siamo curiosi perché hai deciso di tenere nascosti questi segreti così a lungo?
Ho sempre voluto che facessero parte di un libro. Semplicemente, è stato un percorso molto lungo. Ci è voluto tutto questo tempo perché volevo farlo nell'esatto modo in cui lo immaginavo nella mia testa.

Ti va di parlarci di quel giorno a New York?
Una fredda mattina di settembre, ho deciso di andare a Coney Island in metropolitana per fotografarla quando non c'è nessuno in giro. Ho caricato il rullino, sono scesa dal vagone e ho iniziato a scattare. In quel momento, qualcosa mi diceva di rendere immortale quel breve momento che io e Julia abbiamo passato insieme.

Sembra davvero che tu abbia visto qualcosa in Julia prima di tutti gli altri. Sapresti descrivere questo qualcosa?
Non ha età ed è eterea. Sincera e spontanea. È questo che apprezzavo in lei cinque anni fa ed è questo che apprezzo in lei ancora oggi. A volte tra il fotografo e la modella nasce subito un'intesa particolare e le immagini scattate insieme vanno oltre l'immaginario della moda. Semplicemente, amo fotografare. E Julia mi ha dato l'opportunità di farlo.

Quali sono le caratteristiche che cerchi nelle modelle con cui lavori?
Sono sempre alla ricerca di qualcuno che mi ispiri. C'è molto più dell'essere bella! Deve portare con sé una storia, qualcosa di interessante, qualcosa che mi parli direttamente.

Lavori a LoveWant da un po' di anni, ma questo è il tuo primo libro. Quali nuove sfide e traguardi sono arrivati dopo questo cambiamento?
Devi semplicemente circondarti delle persone giuste, poi le cose succedono. La casa editrice Perimeter Editions e Narelle Brewer sono dei veri visionari; per me la loro guida è stata fondamentale. Tutti possono pubblicare un libro, ma chi lo fa davvero è da ammirare, perché è un lavoro rischioso e molto faticoso. Ma i libri sono la piattaforma definitiva per un'immagine. Li amo davvero. Tutti vogliono avere dei ricordi da custodire nel cuore, e i libri fotografici sono come piccoli cuori in cui tenere al sicuro i propri ricordi.

Coney Island è acquistabile su Perimeter Editions.