a modena la mostra più interessante del momento

EFFIMERA – Relazioni Disarmoniche presenta le opere di Eva e Franco Mattes, Carlo Zanni e Diego Zuelli che vivono in codice oltre la superficie dello schermo.

di Gloria Maria Cappelletti
|
11 aprile 2016, 10:35pm

Carlo Zanni, Average Shoveler, 2005. Online Videogame

Abbiamo tempo fino al 22 maggio per visitare il MATA, nuovo spazio a Modena dedicato alla cultura contemporanea, che ospita la mostra piu' interessante e onestamente contemporanea del momento: EFFIMERA - Relazioni Disarmoniche a cura di Fulvio Chimento e Luca Panaro. E' una mostra dal taglio sperimentale che concentra il proprio interesse su artisti italiani nati negli anni Settanta: Eva e Franco Mattes, Carlo Zanni e Diego Zuelli, che utilizzano un apparato tecnologico fortemente innovativo, indagando i mezzi di comunicazione di massa che si sono sviluppati in seguito al forte potenziamento dell'informatica. Siamo dunque pienamente nel campo di fenomeni creativi legati al web e alla net art. 

Eva e Franco Mattes, My Generation, 2010

I lavori degli artisti di ultima generazione si caratterizzano sempre più per una spiccata componente effimera legata all'immagine che rispecchia l'epoca fluida nella quale viviamo. Il titolo della mostra si ispira anche a quello della specie animale che ha vita più breve sulla terra, l'Ephemera, infatti, è un piccolo insetto acquatico (simile a una libellula) la cui esistenza dura all'incirca un'ora e mezza.

L'arte è specchio e conseguenza di ogni "upload/aggiornamento" del presente, in mostra, dunque, non sono presenti oggetti materiali percepibili come opere in quanto manufatti artistici o artigianali, e al tempo stesso siamo lontani anche da quell'ossessione del ready made che ha dominato l'arte occidentale per oltre cento anni. EFFIMERA ospita opere immateriali, la cui presenza in mostra è solo uno dei modi possibili di fruizione, opere che vivono anche sul web, o che da esso prendono ispirazione, o che si trasformano in tempo reale a seconda delle infinite connessioni e possibilità di scambio offerte dall'interattività; lo spazio del MATA diviene quindi una potenziale appendice della vita virtuale del visitatore.

Diego Zuelli, Rotazione n.1, 2008

Vi consigliamo di visitare la mostra e partecipare Venerdì 13 maggio alle ore 18 alla performance di Eva e Franco Mattes, che dialogheranno in video conferenza da New York con i due curatori Fulvio Chimento e Luca Panaro, e il pubblico del MATA. Il medium di Eva e Franco Mattes consiste in una combinazione di Internet, video e performance. La loro ricerca esplora le questioni etiche e morali che sorgono quando le persone interagiscono a distanza, in particolare attraverso i social media.

Effimera - Relazioni disarmoniche

MATA, via della Manifattura dei Tabacchi 83, Modena

Dal 2 aprile - 22 maggio 2016

www.mata.modena.it

Crediti


Testo Gloria Maria Cappelletti
Immagini Courtesy of the Artists e MATA, Modena

Tagged:
new media
arte
net art
Mata
Modena
arte contemporanea
carlo zanni
diego zuelli
effimera
eva e franco mattes
fulvio chimento
galleria civica di modena
luca panaro