L'Universo parallelo di DROMe

Marianna Rosati e Daniel Sannwald ci raccontano come sono nate le immagini visionarie della campagna pubblicitaria PE15

di Gloria Maria Cappelletti
|
16 febbraio 2015, 12:45pm

DROMe PE15 by Daniel Sannwald

Viviamo nell'era dei millennials, una nuova generazione che e' gia' notevolmente oltre il web 2.0 e l'immagine fotografica nell'era dei media globalizzati.

Nell'ottica di questa nuova rivoluzione digitale anche i canoni estetici sono in frenetica mutazione e stiamo vivendo uno stravolgimento di cio' che viene considerato bello. Ormai lontani dall'idea di Bellezza come perfezione, ci avviciniamo sempre piu' alla distorsione e all'imprevisto del software come espressione artistica. Le immagini della campagna DROMe PE15, firmate dal fotografo e regista Daniel Sannwald, sembrano delle porte segrete di accesso ad una realta' parallela, al di la' dell'interfaccia del sistema digitale anche l'immagine di moda chiede di essere manipolata e modificata.

"Una delle cose che mi ha subito colpito del lavoro di Daniel è il suo stravolgere quasi completamente l'dea di fotografia" così ci racconta Marianna Rosati, designer e direttore creativo di DROMe. "La sua è una visione surreale ma concreta della donna, la definisce graficamente e tattilmente senza essere mai scontato. Adoro la ricerca delle texture nelle sue creazioni ed in questo il suo lavoro si avvicina molto al mio. Sono molto felice che le nostre strade si siano incontrate perchè per me è stato un connubio così perfetto che sono bastate poche parole per intendersi. L'immagine della campagna per la PE 15 rispecchia totalmente l'architettonica fluidità della collezione ed il concetto di superfice riflessa che la ha delineata fin dall'inizio". 

Marianna Rosati e' una vera visionaria, e anche la sua collezione, interamente realizzata in pelle, lo conferma. "La mia principale ispirazione è la sfida di rendere la pelle un materiale nuovo e simile al tessuto con il valore aggiunto di essere, invece, pelle. Mi piace pensare che a volte basti poco per stravolgere l'idea generalizzata di un materiale e di poterlo utilizzare per creare una silhouette completa e leggera e portabilissima. Sono sempre stata un'amante della fotografia non solo di moda ma anche come arte e spesso proprio da questo mondo parto per delineare le mie collezioni a partire dalla scelta dei cromatismi fino alla definizione dell'atmosfera che la nuova collezione dovrà avere". Ci racconta Daniel Sannwald che per queste immagini, che non sono fotografie ma scansioni in 3D, le fonti principali di ispirazione condivisa con la designer di DROMe sono state "le onde dell'oceano, le architetture di Frank Gehry, il blu dei minerali come l'agata, l'idea di gemelli che vivono in un universo parallelo".

Da i-D ci interroghiamo spesso su quale sia il futuro della moda. In queste immagini ci sembra di trovare una risposta. Sannwald forse e' gia' oltre e risponde "Gli ologrammi!" Forse ha ragione, le ultime ricerche scientifiche parlano proprio di un Universo Olografico, certo ci sara' spazio anche per la pelle!

dromedesign.it

Crediti


Testo Gloria Maria Cappelletti
Foto Daniel Sannwald

Tagged:
3D
Fotografia
Daniel Sannwald
Drôme
Μόδα
gemelli
campagna pubblicitaria
marianna rosati
mondo parallelo
pe15