10 consigli per sfondare come regista

Esperti e registi esordienti danno i loro consigli ai giovani aspiranti filmmaker durante lo Sheffield Doc/Fest.

di i-D Staff
|
08 giugno 2015, 4:20pm

Still from Jake Witzenfeld's Oriented

Sii unico, sii onesto e sii bravo, questo è il consiglio per tutti i giovani registi da parte di chi già è entrato da tempo nell'industria. Parlando alla tavola rotonda del Sheffield Doc/Fest, il festival internazionale dedicato ai documentaristi, cinque registi e giudici del festival hanno dato la loro opinione sui migliori modi perché il proprio lavoro raggiunga il grande schermo. 

L'incontro, intitolato Getting a Foot in the Door: Next Steps for Young Filmmakers è stato presieduto da Charlie Pyne, il cui primo film Beyond Clueless è stato mostrato lo scorso anno in anteprima al SXSW e ora ha altri due film all'attivo. Di seguito potete trovare i migliori consigli raccolti dalla manifestazione. 

1. Il pitch
"
Se non mi coinvolge nelle prime due righe, non coinvolgerà il pubblico," ha detto Pegah Farahmand, commissioning editor della sezione arte di Channel 4, Random Acts. I più grossi errori quando si manda la proposta sono trattamenti complicati e molte pagine per il solo pitch. Un solo e chiaro paragrafo funziona meglio, sostiene Farahmand.

2. L'idea
Potresti anche pensare a una storia che è già stata raccontata milioni di volte, ma la chiave sta, secondo Farahmand, nel modo in cui tu sceglierai di farlo. Qual è il tuo punto di vista? Se stai facendo riferimento a uno specifico commissioning editor, chiediti se puoi trovare un modo di far coincidere la tua idea con la loro linea o se potresti aggiustare la tua storia in base ai loro bisogni. 

3. Venditi!
Quando ha presentato il suo primo film, Jake Witzenfeld, il cui documentario Orientated è stato presentato in anteprima al Doc/Fest, ha detto che devi essere tu a vendere il tuo lavoro agli altri, non aspettare che siano gli altri a venire da te. Ha affermato di essersi rivolto "a tutti e a ogni tipo di carica. Molti mi hanno detto no, ma Sheffield ha detto sì".  

4. Trovati una guida
Trovati qualcuno che sia felice di farti da mentore, ha detto Tom Davies, il producer del film del Doc/Fest Breaking a Monster. "All'inizio della mia carriera c'è stata una persona che mi ha aiutato a capire tutte le basi della regia - i festival, i networks - e quelle informazioni che solo un addetto ai lavori potrebbe insegnarti."  

5. Impegnati
"Potresti avere un paraocchi e pensare che il tuo progetto sia tutto," afferma Farahmand. "Devi fare un passo indietro e ridimensionare, capendo cosa a livello culturale sta succedendo nel mondo."  

6. Collabora
Se sei uno scrittore allora avrai bisogno di un cameraman. Trova un partner che lavori con te e con cui condividere le spese. "Avere una rete di contatti non significa necessariamente avere in programma un meeting con Steven Spielberg," ha detto il regista di Beyond Clueless Charlie Pyne, "ma trovare persone che si trovano nella tua stessa situazione." 

7. Sii gentile 
"Non avere un grande ego può essere determinante perché le persone decidano di lavorare con te," ha detto Farahmand. "Ho incontrato un sacco di registi che lavoravano per le ragioni sbagliate." 

8. Trovati un secondo lavoro
Il regista e producer di Orientated Witzenfeld ha anche guidato un'agenzia di branding e PR, che gli garantisce un salario costante e lo aiuta a far vedere i suoi film a più gente possibile. "Trovati una carriera che sostenga le tue capacità," ha consigliato. 

9. Sii realista
Devi riuscire a unire il tuo idealismo al tuo realismo, ha detto Witzenfeld. Credi nel tuo lavoro, ma capisci anche che stai andando incontro "a un mercato più che saturo e con scarse risorse. Devi imparare ad essere pratico." 

10. Guarda film 
E alla fine, ha esortato Allison Gardner, direttore del Glasgow Film Festival: "Andata e guardate un sacco di film." 

Tagged:
Cultură
consigli
documentari
regia