bradley soileau ci parla del suo brand blackfist

Il modello, skater e dj diventato designer ha dato vita alla sua seconda collezione, Hurt So Good.

di i-D Staff
|
08 settembre 2015, 11:10am

È conosciuto per essere il modello con "war inside my head" tatuato sulla fronte, protagonista assieme a Lana Del Rey del video di Born to Die, ma è il suo brand stravagante Blackfist il motivo per cui Bradley Soileau viene spesso nominato. Il modello, skater e dj diventato designer della Louisiana vive ora a Los Angeles, e qui ha dato vita alla sua seconda collezione, Hurt So Good, un mix tossico di mostri dei fumetti, atteggiamento sfottente e figaggine innata. Parliamo con Bradley di com'è stato lavorare con George Wilson degli Z-boys, com'è iniziare un nuovo brand senza avere soldi, e del segreto per girare per LA senza patente...

Come hai conosciuto George degli Z-boys?
L'ho incontrato grazie ad alcuni amici. Ho pensato, "yo questo tipo è il re del denim." 

LA è il posto giusto per il denim, vero?
Questo tipo lavora per un sacco di bran di jeans importanti, ha sempre lavorato col denim e ha una sua fabbrica. Tanta gente fa jeans ma lui è il migliore. La mia ragazza è una graphic designer fantastica e ha studiato alla Parsons. L'ispirazione per questa collezione deve molto alla mia visione della scena skate anni '80, ma l'eroe per cui ho disegnato è un tipo nerd che ha avuto un incidente ed è diventato un mutante, The Toxic Avenger. Quindi ho messo assieme tutte queste immagini di barili pieni di sostanze tossiche, le ho ritagliate, scannerizzate, e poi la mia ragazza e ha fatte stampare. Questo è il modo in cui di solito faccio le cose, perché non sono molto espero di Photoshop. Ho capito che fare tutto a mano è meglio.

Perché hai scelto la tela? È un tessuto inusuale. 
In questo momento non ho molti soldi. Non voglio esagerare comprando tessuti assurdi e cose del genere. 

Ma è comunque la scelta migliore, anche se avessi avuto molti soldi.
Ma è anche perché è qualcosa che conosco, mi piacciono le cose militari, ha questo look un po' militare. Sono tutti pannelli, niente cuciture ai lati, poi la roba bondage. Per me i vestiti hanno a che fare con i sentimenti, sono una persona depressa di natura. Cose come questa me lo ricordano quindi mi piace portare avanti idee simili.

Quando hai iniziato a disegnare e a pensare di fare vestiti?
Lavoro nella moda come modello da 5 anni ormai. 2 anni fa ho iniziato a lavorare come direttore creativo di FourTwoFour, mi piacevano i vestiti e poi ho iniziato ad essere più creativo utilizzandoli. FourTwoFour è un negozio a Fairfax, vende Hood By Air e roba così. A quelle persone non fregava davvero di me e la gente ha iniziato a copiare il mio stile, quindi ho pensato 'okay allora farò la mia roba'. 

Puoi descriverci il tuo loft a LA?
Legno scuro, pavimenti in legno. È un grande open space e abbiamo costruito un muro per avere un'area privata. Ho la scrivania vicino alla finestra, in questo momento lì sopra ho la mood board per questa collezione. Faccio anche il dj, lo faccio da 6 anni, quindi ho due consolle sempre vicino alla finestra e delle mensole con tutta la mia roba. 

Cosa vedi fuori dalla finestra?
In realtà niente. C'è una strada, e un posto chiamato Trim for Less. Abitiamo ai margini della città, è davvero un posto desolato.

Come hai trovato questo posto?
Con Craigslist. Il che è assurdo perché è difficile trovarne uno, e noi abbiamo fatto un affare, 140 mq per 1700 dollari al mese, davvero economico. 

Come funziona se non hai la patente a LA?
Uber sempre! E poi la mia ragazza ha un'auto. E vado in bicicletta. Ho due motorini. Un Peugeot 103 e un Puch.

Quali sono i tuoi posti preferiti per fare skate in California?
Nessuno. Non faccio più skate. Facevo skate quando ero giovane e mi sono distrutto il ginocchio. Ora ho quasi 30 anni e dico 'ahhh lasciamo stare'. Ma mi piace fare cruising, vado a farlo a Venice, faccio skate sulle rampe, non faccio tricks o altro ma mi piace fumarmi una bella canna, stare lì a rilassarmi e fare skate sulle rampe o cose così. 

Le tue tre canzoni punk preferite?
Bloodstains degli Agent OrangeOrgasm Addict dei BuzzcocksSkateboard Anarchy dei JFA

Crediti


Intervista Sarah Hay
Lookbook Alex Bortz
Campagna Cameron McColl

Tagged:
dj
Skate
lana del rey
Música
intervista
bradley soileau
hurt so good