Play station, 2013. Fotografia di Pixy Liao.

l'assurdità delle relazioni oggi, spiegata senza neanche una parola

Pixy Liao fotografa se stessa e il suo ragazzo, catturando alla perfezione il ridicolo dei legami eteronormativi.

di Ryan White
|
16 agosto 2019, 9:08am

Play station, 2013. Fotografia di Pixy Liao.

Se non fosse per il film Blow-Up, forse Pixy Liao non sarebbe mai diventata una fotografa. Lavorava come graphic designer a Shanghai ed era profondamente insoddisfatta, a causa della totale mancanza di controllo creativo sul suo lavoro. Poi, dopo aver visto il classico cinematografico di Michelangelo Antonioni—che racconta le vicissitudini di un fotografo di moda vagamente ispirato a David Bailey—, Pixy ha trovato la spinta giusta per dare una svolta alla sua carriera.

Completamente autodidatta per quanto riguarda il graphic design, Pixy non aveva alcuna formazione legata al mondo dell'arte, ma è comunque riuscita a superare il test d'ammissione per il master in fotografia della University of Memphis. "Viste le mie lacune, ho dovuto sgobbare un sacco per rimettermi in pari," mi dice. "Ci ho messo tre anni, ma credo sia stato un sacrificio che ha dato i suoi frutti. Se non l'avessi fatto, oggi neanche sarei al corrente di molte possibilità offerte dalla fotografia."

Da allora sono passati dieci anni, Pixy ora vive a New York e grazie alle sue immagini si è affermata a livello mondiale come fotografa capace di commentare con precisione chirurgica la società patriarcale in cui viviamo, gli archetipi eteronormativi che la regolano e le dinamiche maschiliste che soffocano ogni relazione. La sua serie Experimental Relationship cattura istanti della storia d'amore con Moro, suo partner ormai da molto tempo. È lui infatti la sua musa: "La serie è iniziata quando ho notato che la mia nuova relazione con un uomo più giovane veniva vista come qualcosa di strano dagli altri," mi spiega Pixy. "È nata come un modo per spiegare agli altri quanto questa relazione sia naturale per noi."

Con il passare del tempo il rapporto tra Pixy e Moro si è evoluto, e così hanno fatto le immagini. "All'inizio ero io la figura dominante degli scatti, proprio come lo ero nella nostra relazione. Ma stiamo insieme da più di dieci anni ormai, e insieme abbiamo trovato un equilibrio meno precario. Anche le miei foto riflettono questo passaggio: oggi scatto anche foto in cui Moro non è presente, o in cui non ci sono io." A volte da sola, a volte avvinghiata al corpo nudo del suo compagno—ma con il pulsante dell'autoscatto sempre bene in vista—se prese individualmente, le immagini di Pixy catturano con leggerezza attimi della sua relazione sentimentale con Moro, ma nel loro insieme sono un significativo commentario al modo in cui la società si aspetta che i suoi membri recitino nel ruolo di donne e uomini. "Mi interessano le relazioni intime. Come una coppia può collaborare, diventare un'unità singola e creare qualcosa insieme. La fotografia è un gioco per noi. Voglio vedere come possiamo divertirci scattando una foto dopo l'altra."

Tecnicamente, "non è cambiato così tanto" dal punto di vista in cui le immagini vengono create, mi spiega Pixy. "Uso ancora la stessa macchina fotografica che ho comprato all'università. All'inizio la dinamica era molto diretta: Moro era l'attore, io il regista e mi aspettavo che lui facesse esattamente ciò che gli dicevo di fare." Ma con il passare del tempo, le cose sono cambiate: "Ora lo incoraggio a improvvisare. Una volta ero ossessionata dai dettagli della composizione. Ogni microscopico dettaglio doveva avere un significato preciso. Ora penso che il senso della foto nel suo complesso sia più importante. Può non essere perfetta, perché non mi interessa più così tanto la perfezione estetica."

For Your Eyes Only è invece un progetto sussidiario a Experimental Relationship e affronta in modo ancora più intimo il tema del corpo. "Volevo allontanarmi dal ruolo che continuavo a interpretare nella serie, perché ormai le persone non dovevano neanche rifletterci su. Ma io volevo che reagissero all'immagine, non all'ideologia sottesa a tutto il lavoro. Così ho iniziato For Your Eyes Only, in cui uso lo stesso approccio, ma mi concentro maggiormente su colore e composizione."

Artista multidisciplinare ed eclettica, nell'ultimo decennio Pixy ha lavorato a numerosi progetti artistici diversi. Ci sono ad esempio A Collection of Penises e Men as Bags, dai titoli tanto diretti quanto interessanti, in cui l'assurdità della vita moderna colpisce come uno schiaffo in faccia.

1565621492154-liao_2010_Hush-Baby
Hush Baby, 2010
1565621526155-liao_2013_Creating-a-world-just-for-us
Creating a world just for us, 2013
1565621547517-liao_2013_Its-never-been-easy-to-carry-you
It's never been easy to carry you, 2013
1565621568332-liao_2013_ping-pong-balls
Ping pong balls, 2013
1565621613438-liao_2014_golden-mouse
Golden mouse, 2014
1565621648709-liao_2014_Photographer-and-her-muse-I
Photographer and her muse, 2014
1565621663550-liao_2014_red-cardigan
Red cardigan, 2014
1565621679124-liao_2014_red-nails
Red nails, 2014
1565621693981-liao_2015_Ass-Drumming
Ass drumming, 2015
1565621709469-liao_2015_Hang-in-there
Hang in there, 2015
1565621728867-liao_2018_The-woman-who-clicks-the-shutter
The woman who clicks the shutter, 2018

Crediti


Fotografia di Pixy Liao

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK

Tagged:
Gender
femminismo
relazioni
sessualità
interviste di fotografia
Pixy Liao