questo report ti spiega perfettamente come sta la moda nel 2018

Quali sono i nuovi trend? Chi ha indossato cosa? E i brand più amati? Le sfilate più seguite? Trovi tutto qui.

di Federico Rocco
|
22 novembre 2018, 1:52pm

Anche chi non s'interessa di moda ormai ha coscienza di cosa sia per esempio Off-White, di chi sia Kim Kardashian o di cosa sia facendo ormai da anni Kanye West con Adidas. Il pubblico si amplia a dismisura quando entrano in gioco i social network, primo fra tutti Instagram. Tutto diventa accessibile, ognuno di noi può arrivare a nicchie che fino a dieci anni fa rimanevano appannaggio di pochi eletti, e così nel 2018 non esistono più barriere di alcun tipo nel fashion system.

Per questo motivo, il popolo di Instagram è il barometro perfetto per percepire il clima moda corrente. Insomma, per capire come sta questo benedetto business of fashion di cui parliamo quotidianamente. Che cosa desiderano le persone? Cosa cercano online? E queste ricerche cambiano durante l’anno, oppure rimangono grossomodo invariate per lunghi periodi? Da chi (o cosa) siamo maggiormente influenzati?

Per rispondere a tutte queste domande Lyst, piattaforma digitale di shopping online creata per far confluire le ricerche di tutti i maggiori e-commerce del fashion in una sola, ha cercato di tracciare i gusti e le speranze, per così dire, dei suoi utenti. Attraverso 120 paesi, e analizzando 100 milioni di ricerche riguardanti prodotti, designer e store, i dati rivelano cosa hanno voluto (o avrebbero voluto) indossare gli user Lyst quest’anno. Da Meghan Markle alle Triple S di Balenciaga, dalla Saddle Bag di Dior al discusso viaggio di Melania Trump in Texas, ecco cosa ha plasmato maggiormente la nostra percezione della moda quest’anno.

Logomania

Forse non durerà ancora a lungo, ma è indubbio che il 2018 sia stato l’anno dei loghi. Loghi di qualsiasi tipo e misura, loghi storici tirati fuori dagli archivi a forza o creati da zero ad hoc, nel caso in cui non ce ne fossero da rispolverare. Il ritorno alla sobrietà sembra essere dietro l’angolo, ma non possiamo non considerare il fatto che la richiesta di una moda riconoscibile a distanza di diversi metri sia ancora altissima.

Si parte con Supreme, numero uno della lista dei più ricercati grazie il suo iconico box logo rosso e le mille collaborazioni, passando per Fendi che ha guadagnato una posizione di tutto rispetto, fino ad arrivare ai classici Vuitton e Gucci, la cui cintura legata rimane il prodotto più hot dell’anno. E Céline, o Celine che dir si voglia? Con l’avvento di Hedi Slimane e la dipartita dell’accento più discusso di sempre sono aumentate le ricerche dei pezzi disegnati da Phoebe Philo. Logo accentato incluso.

Must have

Ovvero, gli oggetti di culto veri e propri. I pezzi più ricercati dell’anno non lasciano dubbi: è stato l’anno dello streetwear, ancora una volta. A testimonianza di ciò i primi tre posti della classifica. Medaglia d’oro per la cintura logo firmata Gucci. Secondo posto a quella a banda di ispirazione industriale griffata Off-White di Virgil Abloh, in tutti i colori possibili e immaginabili. Terzi classificati i collant logati Fendi. Dopo l’endorsement di Kim Kardashian in un suo post su Instagram, risultavano sold out in tutti gli store del mondo.

Ma è stato anche un anno di grandi ritorni. Dai ruggenti anni novanta Prada ha riportato in vita le calze logate e la Linea Rossa (logo, logo, logo e ancora logo, ma in stile Prada) e le zeppe con le fiamme, retaggio del 2012 subito sold out ovunque.

Top Moment
La moda non è fatta solamente di oggetti. È scandita soprattutto da momenti precisi che segnano un attimo importante, un momento di cambiamento o una svolta inaspettata. Sono questi attimi di stupore o attenzione globale sulla moda, anche se spesso non ce ne accorgiamo, a formare gli interessi generali nella misura maggiore. E il 2018 non è stato un anno scarso in questo senso, ma anzi ci ha regalato eventi strettamente legati a fenomeni sociali di ampia portata, non solo per addetti ai lavori.

Dal red carpet tutto in nero dei Golden Globes di quest’anno, diretta risposta delle donne di Hollywood allo scandalo Weinstein, all’arcobaleno della passerella della prima collezione Louis Vuitton Man disegnata da Virgil Abloh, guru di Off-White e dimostrazione che un nuovo tipo di sportswear sia finalmente pronto a farci dimenticare quello vecchio. Dal nuovo nato in casa Windsor che ha triplicato le ricerche su Jenny Packham, la designer dell’abitino che Kate Middleton indossava subito dopo il parto, fino all’abito da sposa Givenchy Couture indossato da Meghan Markle a Maggio. L’intero evento ha spostato l’attenzione su designer come Stella McCartney e Clare Waight Keller, moltiplicando le ricerche di abiti Givenchy del 184%. E da Melania Trump in Texas con il parka-slogan di Zara fino al coverage completo del matrimonio Ferragni-Fedez con dovuti annessi e connessi (vedi alle voci Dior e "pizzo"), è chiaro come spesso le scelte per cui optiamo forse non dipendono interamente dal nostro, per quanto impeccabile, gusto personale.

Nuove Borse e Scarpe

Sappiamo bene che per quanto l’abbigliamento ci faccia sognare, i veri fatturati si fanno con gli accessori. È su borse e scarpe che si formano i trend. Sneakers brutte e giganti hanno monopolizzato il 2018 con la loro presenza invasiva e impossibile da non notare. Triple S di Balenciaga sold out in qualunque angolo del globo nonostante il prezzo e messe addirittura in palio alla lotteria, Disruptor Fila o M2K Tekno e Vaporwave by Nike e decine di riproduzioni di chunky shoes firmate dai brand più improbabili. La sneaker ha dominato incontrastata.

Radicalmente diverso l’approccio alle borse. Gucci domina la classifica con il marsupio Marmont, il più cercato dell’anno appena sopra la Saddle di Dior, dimostrazione di come il vintage bello funzioni sempre se ha una storia da raccontare. E parlando di vintage non possiamo non citare al sesto posto il marsupio in nylon di Prada o la Neverfull di Vuitton, mostri sacri sempre sulla cresta dell’onda.

Il 2018 è stato l’anno delle Kardashian, ancora.
Nel rank delle celebrità più influenti i primi due posti son occupati da Kylie Jenner e dalla sorella Kim Kardashian. Il 2018, lo sappiamo, è stato l’anno d’oro di Kylie. È a capo di un impero di cosmetici, è stata sulla copertina di Forbes come una delle miliardarie self-made più giovani di sempre e ha avuto il suo primo figlio. Tutto questo a 21 anni.

Far parte del clan Kardashian-Jenner ovviamente ha aiutato, ma in ogni caso e qualunque siano le cause della capacità di veicolare i mercati, la più giovane delle Jenner ha davvero indirizzato le ricerche di quest’anno. Da Adidas a Dior, fino ad arrivare al miniabito rosa del suo compleanno (nelle 48 ore successive la ricerca di "pink dresses" è aumentata del 107 percento), i numeri sono da record, inutile negarlo o cercare di sminuire la portata del fenomeno.

Se tutto questo non vi basta, il report completo lo trovate qui.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altre cose interessanti dal mondo della moda a cui vale la pena dare un'occhiata:

Tagged:
report
lyst
Moda
nuovi trend