mappe alla mano per il video sound art di milano

Tra arte, video-installazioni e concerti dal vivo: fino al 12 luglio al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano, va in scena la quinta edizione del festival dedicato all’arte e all’innovazione tecnologica.

di Eloisa Reverie Vezzosi
|
10 luglio 2015, 2:05pm

Esistono molti tipi di "mappe". Insieme alle classiche "geografiche", dalle "metropolitana" alle "stellari", ci sono quelle "cognitive", "mentali", "concettuali",... Viviamo immersi in molteplici "ragnatele", necessario è prenderne atto.

Dal 6 fino al 12 luglio, al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano, si sta svolgendo la quinta edizione del festival dedicato all'arte e all'innovazione tecnologica, Video Sound Art, dal tema "The Man into the map".
A dare una mano al nostro senso dell'orientamento arrivano così nuove interpretazioni artistiche rappresentate da video-installazioni, performance live, concerti e videomapping, il cui cuore e centro, non soltanto geografico, sarà rappresentato dal Transatlantico Biancamano insieme all'area Polene e alla stessa Sala Biancamano.

La manifestazione si divide in: anteprime, percorso tecnologico e nuove produzioni internazionali. Dato il lungo elenco di eventi, artisti, opere e proiezioni, potrebbe essere facile sentirsi disorientati per questo vi consiglio di guardare attentamente il programma e il sito che vi daranno tutti i dettagli e le utili indicazioni.

Dall'installazione video-olfattiva, "I meet you I remember you", alla "Bodymap", fino alle due nuove opere di François Vogel, "Marchant grenu" ed "Elongation", e alla video-installazione riflessa in un piccolo lago artificiale sensibile al suono dal titolo "Range" di Ced Pakusevskiy, fino alle opere dei due giovani talenti selezionati dal bando del Video Sound Art, ogni senso è coinvolto in questo viaggio tra le arti.

Per il weekend, eccovi delle indicazioni precise. L'11 luglio, alle ore 21.30 sono in scena Giacomo Carlone e Benoit Trigari, in arte DaEDAL, che apriranno il concerto di Vaghe Stelle, il più recente progetto del musicista e producer torinese Daniele Mana, che trae ispirazione dalla scena krautrock anni '70; mentre il 12 luglio alle ore 22.30 il finale è affidato al cantautore statunitense Joshua Radin, il musicista Folk/Pop Indi, in acustico presenta il suo ultimo EP "Onward and Sideways" e alcuni dei brani celebri trasmessi anche in serie come Grey's Anatomy, Scrubs e Doctor House.

Un'ultima coordinata fondamentale: il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci si trova in Via San Vittore 21.

Crediti


Testo Eloisa Reverie Vezzosi

Tagged:
Música
arte
milano
museo nazionale della scienza e della tecnologia leonardo da vinci
video sound arte