la playlist della designer silvia curzi

Il direttore creativo di Vic Matié ci svela la sua top 10 musicale.

di i-D Staff
|
23 luglio 2015, 12:55pm

alessandro dal buoni

David Bowie, Space Oddity
Rivoluzionario e anticipatore, icona musicale e della moda, incarnazione del dandy così come dell'agender, David Bowie è un'ispirazione costante sin dalla mia infanzia. Questa traccia identifica il suono e l'estetica di quelli che immagino siano stati gli anni Settanta.

The Rolling Stones, Paint in black
Irriverenti, sexy, eccessivi e trasgressivi: i Rolling Stones si presentavano vestiti da bravi ragazzi cantando brani dai testi politicamente scorretti generando una forte contrapposizione tra immagine e musica. Le contraddizioni mi affascinano e questo pezzo è uno dei miei classici.

Nirvana, Come As You Are
Una band dal sound rivoluzionario, un front man eccezionale con una storia unica. Che altro si può dire?

Depeche mode, Enjoy the silence
Questo è un brano simbolo dei '90 anni, quando sono nati Vic Matié e ilsuoi iconici utility boot al femminile. Inoltre, nel video, diretto da Anton Corbijn, si fa un largo uso del blu elettrico che assieme al nero è il colore-bandiera del brand.

Pink Floyd, Confortably numb
I Pink Floyd sono la dimostrazione che essere aperti al grande pubblico non significa necessariamente essere privi di contenuti e avere un'estetica e dei punti di riferimento mediocri.

Blur, Charmless man
I Blur e Damon Albarn sono l'essenza dello stile inglese, risultato nato dall'unione di elementi alti e bassi che si trasformano in un codice estetico inconfondibile, acuto, affascinante e personale dal quale sono attratta.

Lou Reed, Perfect day
Associo l'esperienza artistica di Lou Reed al lato singolare, forte, di rottura, lirico, diretto e trasgressivo di Vic Matié.

John Lennon, Imagine
Forse il brano più conosciuto dell'ex Beatles, Imagine è un inno alla libertà e alla ricerca di un futuro nel quale differenze e contraddizioni possono convivere serenamente.

Cure, Boys don't cry
La poetica, il suono e l'estetica della band inglese e del suo frontman Robert Smith rappresentano un'armonia tra maschile e femminile, che contraddistingue il segno delle collezioni Vic Matié.

Led Zeppelin, Starway to heaven
I suoni epici e i riff ripetitivi fanno di una semplice traccia un classico senza tempo. Ed è così che vorrei fosse quello che faccio con il mio brand. 

Tagged:
Playlist
vic matié
sivlia curzi