Pubblicità

cose da fare, vedere e ascoltare questa settimana in italia

Non sapete cosa fare nei prossimi giorni? Qui qualche (ottima) idea.

di Benedetta Pini
|
08 aprile 2019, 6:52am

Fotografia di Cameron McCool tratta da questo contenuto di i-D.

Il Cinema

Noi, Jordan Peele, USA, 2018
Vi ricordate Scappa - Get Out? Vi rinfreschiamo la memoria: è l'horror che un anno fa circa usciva nelle nostre sale dopo essersi portato a casa l'Oscar per la Miglior Sceneggiatura Originale. Dopo Goodnight Mommy (Veronika Franz, Austria, 2014), It Follows (David Robert Mitchell, USA, 2014) e The Witch (Robert Eggers, USA, 2015), Get Out confermava le potenzialità di critica sociale e politica che di cui il genere horror può farsi carico, liberandolo dai pregiudizi. Ora il regista di Get Out decide di spingersi ancora oltre con Noi: un film disturbante tutto giocato sulle dinamiche del doppio e dei ribaltamenti per denunciare il razzismo, le disuguaglianze e le disparità insite nel tessuto sociale americano—e non solo. Se ancora siete indecisi, trovate qui la nostra (piuttosto positiva) recensione.

Bauhaus Spirit: 100 Years of Design, Niels Bolbrinker e Thomas Tielsch, Germania, 2018
Dall’11 al 14 aprile, Nuovo Cinema Aquila, Roma
Un documentario per festeggiare il 100esimo anniversario del Bauhaus, un luogo di sperimentazione dove artisti, creativi e intellettuali si riunivano per ribaltare ogni regola precostituita unendo design, arte, architettura con la vita quotidiana e tentando nel frattempo di realizzare il loro sogno utopico. Preparatevi a un viaggio tra passato e presente che parte con Walter Gropius a Weimar nel 1919, passa per il teorico Steven Kobatz e artisti rivoluzionari come Le Corbusier e giunge infine ai giorni nostri, riflettendo sullo stile di vita della società contemporanea.

Le Feste e i Festival

Nul: Design Week Opening Party
9 aprile ore 18.00, Spazio Stecca, Milano
Da un'ex tipografia di Lambrate al Plastic, nei suoi sette anni di vita NUL ne ha fatta di strada, portando a Milano artisti provenienti dalle nicchie di tutto il mondo. L’apertura della terza edizione dell’Isola Design District—il Fuorisalone del quartiere Isola—è tutta nelle mani di NUL, che ha organizzato una festa con installazioni e street food in un’area botanica con 90mila piante ai piedi del Bosco Verticale e a due passi dalla Biblioteca degli Alberi. Non è quindi un caso che a suonare sarà Tyler ov Gaia, che oltre a essere un DJ è un ecoattivista che vive in una casa che si è costruito da solo in un bosco dell’Isola d’Elba. La sua musica vi getterà in un improbabile trip fricchettone tra i grattacieli di Milano. Per partecipare ti basta inserire il proprio indirizzo e-mail qui.

Immaginaria Festival (14esima edizione)
Dall’11 al 14 aprile, Nuovo Cinema Aquila, Roma
Immaginaria è il primo festival internazionale di cinema indipendente a tematica lesbica e femminista organizzato in Italia. Fondato a Bologna nel 1993 dall’Associazione Culturale Lesbica Visibilia, porta avanti ormai da 26 anni la sua battaglia: raccontare le vite, la cultura, l’arte, la storia, la politica femminile attraverso lo sguardo di registe indipendenti selezionate in tutto il mondo. Un festival che finalmente saprà soddisfare i cinefili più curiosi, portando in Italia moltissimi titoli altrimenti impossibili da vedere.

Epilogo Live Arts Week VIII
Dal 12 al 14 aprile, Bologna
Se vi siete persi il prologo della Settimana della Performance, poco male. Siete ancora in tempo per l’epilogo: tra giorno e notte, luoghi noti e sconosciuti, spazi pubblici e privati, si svilupperà per tutta Bologna la seconda parte della Live Arts Week. Le entità dietro questo festival si fanno conoscere come Xing (l’organizzazione) e Gianni Peng ("un fenomeno, non una persona: un nuovo soggetto identitario, improbabile ma reale, da trattare come un concetto astratto") e anche quest'anno (come negli otto precedenti) dimostrano tutta la loro attenzione alla live art contemporanea nelle sue possibilità più estreme e sperimentali, portando in città performance eterogenee incentrate sul corpo come luogo di (auto)definizione identitaria, di incontro-scontro con l’Altro e di esperienza percettiva di movimenti, suoni e visioni. Qui trovi il programma dettagliato.

I Concerti e le Cose di Musica

Concerto Léonie Pernet
12 aprile, ore 21.00, Palazzina Liberty, Milano
Arriva per la prima volta in Italia Léonie Pernet, uno dei nomi più interessanti della scena indipendente francese contemporanea. Definirla poliedrica sarebbe riduttivo: musicista, batterista, pianista, arrangiatrice, cantante e attivista LGBTQ, Léonie si esprime con mille mezzi artistici diversi. Il suo ultimo album si intitola Crave ed è il risultato di un gioco di contaminazioni tra il pop francese tradizionale e l’elettronica di oggi. Oltre a suggestivi suoni, l’album contiene anche un messaggio sociopolitico importante: African Melancholia, ad esempio, racconta tutta l’angoscia di un campo profughi sorto in pochi giorni sotto le finestre dell’artista, in una zona a nord di Parigi. Ed è lì che Léonie ha deciso di girare il videoclip del brano, perché, come ha spiegato lei stessa: “[noi artisti] abbiamo l'opportunità e la responsabilità di portare un messaggio.” Si inizia alle 21, ma se volete fare il dritto dall’ufficio, potete e non sarete soli: dalle 18:30 vi terrà compagnia il sound design di Ubi Broki e Tow Sea. Ingresso libero con sottoscrizione fino a esaurimento posti; qui trovi tutte le altre info.

Ultima Chance: Cose che Stanno per Finire

Bansky, a Visual Protest
Fino al 14 aprile, Mudec , Milano
Quando, all’apertura lo scorso novembre, leggevate che la mostra sarebbe durata fino ad aprile, eravate assolutamente convinti che vi sareste organizzati con calma per andare a vederla senza stress. C'era così tanto tempo! Ora aprile è arrivato, la mostra chiude tra una settimana ed è successo di nuovo: vi siete ridotti all’ultimo. Ultima chance insomma per vedere i 70 lavori di Bansky esposti in via non ufficiale al Mudec; un’operazione che ha fatto discutere non poco, visto che l'artista stesso si è dissociato dalla mostra.

Bonus Track

A Milano è tempo di Design Week. C'è chi ama questo conglomerato di eventi, aperitivi, mostre, serate e installazioni, ma anche chi lo detesta con tutte le sue forze ("la città diventa impraticabile in questi giorni!!!!!!"). Se rientrate nel primo gruppo, ma non sapete davvero cosa scegliere o come orientarvi, vi consigliamo di seguire le storie Instagram in evidenza di Luisa Bertoldo. Belle, ordinate, facili da consultare, sono esattamente come dovrebbero essere tutte le guide alla MDW.

Segui i-D su Instagram e FacebookSe invece vuoi rimanere a casa sul divano a poltrire (attività che consideriamo assolutamente fondamentale), qui alcuni consigli: