l’oreal rifuta di lavorare con questa beauty blogger per la sua acne

Contattata per uno shooting, Kadeeja è stata poi scaricata per i suoi 'problemi alla pelle'.

|
mar 2 2018, 4:22pm

Immagine via Instagram

Sei mesi fa, la L'Oreal si è ritrovata suo malgrado al centro dell'attenzione per aver licenziato la modella transessuale Munroe Bergdorf. La ragione? Bergdorf aveva commentato su Twitter il razzismo dei bianchi. L'opinione pubblica si è indignata, l'azienda si è fatta una figuraccia e a uscire alla grande da tutta 'sta storia è stato il brand Illamasqua, che pochissimi giorni dopo ha scelto la modella come nuova testimonial, facendosi beffa della decisione di casa L'Oreal.

Fast-forward al febbraio 2018: l'azienda di cosmetici parigina è di nuovo al centro delle polemiche per aver rifiutato di lavorare con la beauty blogger 21enne Kadeeja Khan, a causa della sua acne.

Conosciuta sul web per la trasparenza con cui parla della sua condizione, Kadeeja era stata contattata da L'Oreal per partecipare a uno shooting pensato per il lancio di un nuovo prodotto. La blogger avrebbe dovuto recarsi a Parigi insieme al brand, salvo poi ricevere un'email in cui le veniva detto che "non possono coinvolgere persone con problemi alla pelle". Ferita e imbarazzata, Kadeeja ha deciso di condividere l'email con i suoi 129mila follower.

Un portavoce di L'Oreal ha presentato le scuse dell'azienda, definendo l'accaduto un'incomprensione. "Lo shooting era stato pensato per pubblicizzare il lancio di una nuova tinta per capelli, e i protagonisti erano parrucchieri e blogger di lifestyle. Sfortunatamente, c'è stata un'incomprensione con l'agenzia dei casting per quanto riguarda chi soffre di problematiche alla pelle. Non esistono regolamenti che ci impediscono di lavorare con persone che hanno problemi di acne o simili. L'Oreal lavora con donne e uomini con tutti i tipi di pelle, celebrando la bellezza in tutte le sue forme."

Certo, capita a tutti di sbagliare, ma rifiutarsi di lavorare con una ragazza a causa della sua pelle non ci sembra esattamente in linea con la parte del "celebrare la bellezza in tutte le sue forme."

Leggi anche:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D Uk.