Pubblicità

la top ten delle fellatio perfette per l'estate

Ci sono tanti modi per approcciare un Calippo. Abbiamo scelto i migliori e ve li raccontiamo nel dettaglio.

di Frida Affer
|
29 giugno 2018, 2:10pm

Illustrazione di Giada Yeya Montomoli

"Il sesso secondo Frida" è la rubrica di i-D che esplora il sesso in Italia ed è scritta da Frida Affer, fondatrice di WOVO, boutique milanese dedicata all’erotismo. Questo nuovo appuntamento vuole raccontare il sesso nel 2018 senza pretese di esaustività, dando invece spazio a consigli, informazioni e discussioni utili a chiunque voglia fare un del buon sesso lontano senza limiti, pregiudizi o stereotipi.

Frase ovvia: che caldo ragazzi. Le mie giornate iniziano facendomi rotolare sulla faccia un Calippo al lime ancora chiuso, una mano di Dio essenziale per sgonfiare gli errori del giorno prima. Continuo di ghiacciolo in ghiacciolo fino a sera, facendomi ispirare da nuovi stili e tecniche su come approcciare un ghiacciolo che gocciola alla velocità della luce sul tappeto d’asfalto sotto i miei sandali.

Come al solito, la vita quotidiana mi dà la spinta per questa rubrica sul sesso, così le ultime due settimane le ho dedicate a chiacchiere informali con amici ed amiche sul loro modo preferito di gustarsi un Calippo.

Dopo lunghe trattative, ecco qui una rinfrescante e soddisfacente top ten dei Calippi estivi 2018!

Kill Bill
Conosciuto ai più come deepthroat, è sicuramente bello e dà una certa soddisfazione. Se lo completi ti senti Nadia Comaneci alla fine del suo 10 perfetto, ma parliamone un attimo: il pene nell’esofago non è poi così pazzesco, né necessario. Infatti, se la gola non è preparata può essere doloroso per entrambi, e poi se hai il rigurgito facile tipo Peter Griffin, perché soffrire? Ci sono molti altri modi per far godere con la fellatio, senza fissarsi troppo con Gola Profonda. Quindi scampa a Kill Bill fingendo di strozzarti e facendo uscire qualche lacrima mentre pensi con trasporto a quella pizza buonissima che hai mangiato due ore prima.

Il Gabibbo
Ovvero la tecnica della bocca larga. Aprila facendo attenzione a toccare pochissimo il pene con denti o labbra e inizia a sfiorarlo appena con la punta della lingua molto umida. Il calore della bocca e la provocazione del gesto faranno salire l’eccitazione. É una premessa e una promessa insieme.

Il Rigatone
Dedicato a chi ha tutti i denti, questa tecnica è nata perché sentire un leggero tocco di dentatura sull’asta del pene può essere molto piacevole. Siate gentili e delicati, chiedendo al partner se potete continuare o se sia meglio fermarsi ed evitare così un sanguinoso addio.

The Microphone
Parla, canta o piangi di gioia mentre il pene è nella tua bocca, dì al tuo partner quanto ti piace il suo sapore e la sua forma, magari aggiungi anche un apprezzamento sulle dimensioni. Le vibrazioni delle corde vocali sono piacevoli soprattutto sul glande, perché trovandosi durante la fellatio più vicino alla gola, è lì che le onde sonore si sentono di più.

Gli Illuminati
Tutta la tua attenzione è solo sulla punta dell'organo, on the top of his world. Bacia e succhia solo il glande vicino all’uretra, concentrandoti dietro e attorno la parte più spugnosa e curva. Intanto, osserva ogni dettaglio e non toccare nient’altro.

I Notturni di Chopin
Sono le tre di notte. Non riesci a dormire. Lui russa forte e tu hai esaurito tutti i trucchetti per farlo stare zitto. O forse non proprio tutti? Sveglialo con una gloriosa fellatio notturna, che non deve però concludersi con un'eiaculazione. Così mentre lui cerca di farsi passare l’eccitazione tu puoi addormentarti in pace.

Il Transformer
Non tutti i peni hanno un erezione immediata. I motivi sono mille e spesso non legati al livello di eccitazione del partner. Quindi armati di calma e passione, pensando che hai il super-potere di trasformare la forma di un corpo. Una magia!

Il Masterschef
Cucina e camera da letto possono andare d'amore e d'accordo. Come? Prendi un pompelmo, taglia i poli ed estrai un cilindro di polpa dal centro equivalente alla misura di lui. Ora usalo come masturbatore attorno al pene, schiaccialo leggermente mentre lo muovi su e giù per fare uscire il succo, servirà da lubrificante e dissetante bruciagrassi insieme.

Il Terminator
Dopo i rimedi naturali passiamo a quelli tecnologici. Se usato in sinergia con l’apparato orale, un piccolo bullet o anello vibrante da dito regala forti emozioni. Puoi usarlo ovunque: sfiora il glande, l’asta, i testicoli o i capezzoli, magari tienilo tra le mani mentre massaggi il pene. Esistono anche dei piccoli vibratori a clip che si attaccano alla guancia e ti permettono di avere le mani libere. This is the future, ed è meraviglioso.

Il privilege
Fallo sdraiare sul letto a pancia in su e siediti tra le sue gambe aperte. Inizia lentamente massaggiando il pene a due mani con tanto lubrificante, preferendo movimenti rotatori sulla punta simili a quando usi il macinapepe per condire il tuo filetto di salmone. Continua così, usando sempre la bocca e mischiando alcuni degli stili che abbiamo visto prima. Nel frattempo, con entrambe mani e una generosa dose di lubrificante massaggia tutta la zona del pube, ma anche la pancia e i fianchi. Scendi poi verso l’interno coscia. I movimenti sono qui lenti e con una leggera pressione.

Abbassati piano e raggiungi i testicoli con la bocca, (se gli piace) continua a stimolarli mentre con le mani massaggi ancora il pene. A questo punto puoi provare a stringere i testicoli alla base; ad alcuni piace quella sensazione di presa stretta ed è anche per questo motivo che si usano i cockrings. Con una mano ora scendi verso il basso e massaggia con un dito il perineo, ovvero quella fascia muscolare che sta tra i testicoli e l’ano. Fai una leggera pressione e un piccolo movimento circolare, senza dimenticare il lubrificante: sono zone sensibili, molto. Con le mani passa ora a massaggiare tutta la zona pelvica, intanto stimola il perineo con la lingua, salendo prima verso i testicoli e poi scendendo verso l’ano. Per capire se la zona anale è una stimolazione gradita basterà leggere il linguaggio del suo corpo (se chiude le gambe, ad esempio, può essere una cosa che lo mette a disagio), ma anche chiedere "ti piace così?" non è una cattiva idea. Se non c'è resistenza inizia a massaggiare la zona anale e se ti va infila piano un dito, muovilo dolcemente e continua intanto la stimolazione del pene con la bocca.

Stanne certa/o: lo farai volare.

Bonus: Il Gelataio
Abbonda di lubrificante commestibile e ricopri il pene come fosse un McSundae al caramello. Piccolo segreto: quelli a base d'acqua si seccano in fretta, ma basta un pochino di saliva o acqua per farli reidratare completamente ed evitare di usare tutta la boccetta.

E ricordati: tra un rigatone e l’altro guardalo in faccia, a una certa ribalterà gli occhi all'indietro, ma non ti preoccupare, non è posseduto. Gli hai solo fritto le sinapsi.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Oggi abbiamo parlato di fellatio, qui trovate l'equivalente per chi ha una vagina:

Crediti


Testo di Frida Affer
Illustrazione di Giada Yeya Montomoli

Tagged:
orgasmo
sesso orale
sessualità
consigli sul sesso
oltre i tabù
il sesso secondo frida