abbiamo il marsupio dell'estate

Ha una stampa fatta di graffiti, è firmato Balenciaga ed è l'accessorio che i fan di Demna aspettavano da tempo. Unica pecca: il prezzo.

|
giu 29 2018, 11:15am

Collage realizzato da Giorgia Imbrenda

Neanche una settimana fa Kim Jones, nuovo direttore artistico di Dior Man appena uscito da Louis Vuitton, ha portato in passerella l'accessorio che tutti vorremo nei prossimi mesi. Ovviamente è un marsupio. O meglio, è la Saddle Bag di Dior fatta a marsupio. Il sogno erotico di chi, per quasi due decenni, l’ha vista solo ondeggiare addosso a un pubblico femminile e che adesso può ambire finalmente ad ottenerla. Insomma, è l'epoca di questo oggetto; fino a poco tempo fa utilizzato dai papà in gita alla sagra della castagna, oggi è la vera icona dello streetwear.

Ma la grande novità del giorno è un'altra: dopo mille rielaborazioni del marsupio che un po' convincono e un po' no, è finalmente disponibile il-marsupio-definitivo. Firmato Demna Gvasalia per Balenciaga, ça va sans dire.

Da buon margeliano navigato, il designer georgiano conosce bene la moda anni novanta, o per lo meno abbastanza da ricordarsi le Tabi di Margiela vandalizzate a pennarello e le pareti degli store completate ricoperti da scritte a bombolette spray. Mettici anche che Alessandro Michele per Gucci aveva già lanciato qualche anno fa una stampa a graffiti su qualunque capo e accessorio (proprio dai marsupi fino alle sneaker, dagli zaini alle t-shirt), e la conseguenza ci pare quantomai sensata: è un marsupio, è di Balenciaga, è decorato da graffiti coloratissimi ed è ora online al prezzo di 990 euro.

Momento gossip: qualche mese fa Kendall Jenner era stata accusata di aver indossato un marsupio vintage Vuitton non originale (true story!) e le reazioni non si sono fatte attendere. È possibile che Kendall non se ne fosse resa conto? Probabilmente sì. Qualcuno avvisi il clan Kardashian di questa nuova uscita made by Balenciaga così, forse, potremmo considerare la faccenda conclusa una volta per tutte.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altro giro, altro marsupio: