Photography Alin Kovacs 

la ss 19 di cottweiler vuole farti dimenticare stress e ansia

È possibile trasformare una sfilata in un ritiro spirituale? Sì, ma solo se sei Cottweiler.

|
giu 12 2018, 3:21pm

Photography Alin Kovacs 

Chi?
Cottweiler è un brand che solitamente si fa rientrare sotto l'ampio cappello dello sportswear. Ma la verità è che, sebbene orbitino nella realtà quotidiana di tute e pantaloncini sportivi, il duo di designer in questione unisce mondi anche molto diversi tra loro nelle sue collezioni. Ben Cottrell e Matthew Dainty rispondono infatti d'istinto all'ambiente sociale che li circonda. Tutto quello che fanno è caratterizzato da un'affascinante tensione tra il mondo della natura e quello della tecnologia, ma anche tra lo sport e il fetish. Dopo un ritiro rinvigorente in un centro terapeutico australiano, il duo ha iniziato a lavorare al concept della nuova collezione: abiti sportivi e spirituali allo stesso tempo. "È da qualche tempo che ci stiamo interessando alle terapie alternative," ha spiegato Matthew nel backstage. "Abbiamo iniziato con il progetto sulla riabilitazione insieme a Reebok, e oggi vogliamo proseguire sulla stessa linea con la collezione primavera/estate 19." Il risultato è un reminder sincero e che non si prende troppo sul serio: dobbiamo prenderci cura del nostro corpo e della nostra mente, sempre."

Grazie ad app per smartphone e nuovi, moderni guru che stanno riportando in auge antiche tecniche di guarigione come strumenti per migliorare la qualità della vita moderna, oggi le terapie alternative si stanno facendo sempre più popolari e hanno ormai perso la loro connotazione hippie. Ma questa collezione richiama un più ampio cambiamento nella società contemporanea: "Tutto quello che creiamo è estremamente personale. Se poi ciò che facciamo ha una portata maggiore allora ben venga, ma tutto deriva dalle esperienze mie e di Ben."

"Buoni propositi ed emozioni pure. Una nuova epoca d'oro. Evoluzioni personali e rinnovamenti globali." Così recitava la nota introduttiva alla sfilata. Dopo un weekend piuttosto pieno di eventi e presentazioni, la passerella Cottweiler era tutto ciò di cui avevamo davvero bisogno. Mentre abbiamo preso posto all'interno di RAMBERT, la sede londinese della prima compagnia di balletto inglese, gli altoparlanti sussurravano: "Le emozioni sono come onde, guardale scomparire nella vastità dell'oceano." Anche le collezioni sono come onde, e questa è una di quelle in cui tuffarsi a capofitto.

Cosa?
"Volevamo raccontare la storia di trasgressione di un personaggio. I ragazzi all'inizio erano un po' emo, per poi immergersi completamente in questo culto new-age," ha spiegato Matthew. Questa narrativa si è tradotta concretamente in look iniziali contraddistinti dal colore nero, per poi passare a tessuti tecnici trasparenti, completi in pelle, t-shirt con tagli e strappi e molto di più. La sensazione era davvero quella di essere in un centro di benessere in cui far sparire stress e ansia. Il bonus? Il duo creativo di Cottweiler è sincero in tutto ciò che fa, riuscendo quindi a trasmettere emozioni vere.

Crediti


Fotografia di Alin Kovacs

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.