l’ascesa dei multi-talentuosi e dei multi-tasker

Le persone che lavorano nella moda, nell’arte e nell’intrattenimento oggi sembrano trasformarsi continuamente in nuovi ruoli e verso nuovi settori, rivelando di avere una serie di altri talenti invece che una sola dote. Una nuova generazione sta...

|
nov 13 2014, 12:41pm

Michael Bailey Gates. From The Girls + Boys Issue, i-D No. 332, Pre-fall 2014

Pensate al vostro scrittore, editor, designer o modello preferito e probabilmente potete trovare almeno altre due carriere con il quale identificarlo. L'elenco degli "Ones to Watch" di oggi mette in evidenza nomi con titoli come DJ/fotografo/attivista/curatore - pensate ad Alexa Chung, Derek Blasberg, Tavi Gevinsen, Michael Bailey Gates, e James Franco. The Business of Fashion ha dedicato il suo ultimo numero stampato che ha debuttato il 22 settembre a questo nuovo tipo di celebrità, dal titolo "Polymaths & Multitaskers." Questo numero ha messo in luce le carriere di Karl Lagerfeld e Tim Blanks, persone che hanno avuto successo in più campi. Quindi la domanda è: con tutte queste persone che rivestono vari ruoli, posiamo sperare di avere successo con una sola carriera?

Le persone eclettiche sono sempre state un dato di fatto in mondi come l'intrattenimento e la moda. Le star dell'hip hop hanno rivestito più ruoli molto prima di questo recente boom di carriere con multi-definizioni: pensate a Jay-Z con il suo brand Rocawear o a Sean John di Sean Combs. La prova di questa febbre per il crossover è contenuta nel nuovo libro di Teri Agins, 'Hijacking the Runway: How Celebrities are Stealing the Spotlight from Fashion Designers', in cui la giornalista delinea l'ascesa delle starlette e delle cantanti hollywoodiane, passate dal ruolo di fan in prima fila all'essere anche loro in competizione. Ma negli ultimi dieci anni, lo status del "multi" è diventata una vera strada da seguire per la propria carriera. Chiamatelo effetto Kardashian: il successo sul lavoro, è un modo per creare un brand per se stessi, curare un portfolio che mostri diverse doti e progetti invece di occuparsi dell'ascesa di un'unica carriera.

Con questa nuova ondata di professionisti che vogliono trasformare se stessi in un brand, continuano ad aprirsi nuove strade per raggiungere questo scopo. I nuovi settori nati grazie a internet poi hanno reso ancora più facile e attraente questo saltare da un progetto a un altro. Un giorno una ragazza fa la modella, poi le viene chiesto di essere l'editor di magazine, quindi un sito di e-commerce le chiede di disegnare una capsule collection.

Quello che i 'multi-definiti' stanno vendendo è molto interessante. Sembrano modellare le proprie ibride carriere e i propri programmi, e vivere i propri capricci creativi (con un'ammirevole etica del lavoro e energia, sicuramente) ottenendo risultati redditizi. Osserviamoli e capiamo quanto possano competere con gli altri. Sono diventati i nostri modelli, forse sostituendo gradualmente quelli che hanno successo in un solo campo.

Può essere minaccioso vedere quanto presto inizino ad avere successo alcune delle persone più in vista di oggi - probabilmente questo inizio precoce è quello che gli permette di raggiungere questa ecletticità. Non solo hanno letteralmente più anni per fare qualcosa, ma tendono ad approcciarsi a diversi progetti senza inibizioni. Prendono le cose velocemente e sono entusiasti di trasformarle in qualcosa di più; non è un è artificioso, è una cosa spontanea. Michael Bailey Gates e Tavi Gevinson sono i principali esempi. Hanno intrapreso le strade che li hanno resi famosi perché lo volevano, non perché avevano bisogno di pagare l'affitto. Avevano tempo ed energia. È come quando avete fatto karate, danza, piano o nuoto quando avevate dieci anni: immaginate se invece di quello aveste scritto, fotografato o fatto i modelli.

Gates ha iniziato a postare le sue fotografie online a tredici anni, e non è passato molto da lì a quando è diventato un'artista desiderato. Il suo lavoro introspettivo e sincero si distingue dal resto, così come il suo storytelling soprattutto nei personaggi che ha creato con l'amica e collaboratrice Claire Christerson. Gates passa dal fare lo stylist e il designer a fare il modello e il fotografo. Immagina le sue storie e decide da solo come impostarle. A volte posa nelle sue immagini, e il suo comparire negli scatti non ha solo lo scopo di alimentare la sua commovente fotografia. Ora ha posato per DKNY e CK One. Gates rappresenta la visione del successo per la sua generazione nell'arte e nella moda: sperimenta tutto, mette le mani su tutto, crea tutto lui, con o senza un team. Non si tratta di un unico lavoro quindi, è come dare vita a ad una visione per capire quello che lui è, quasi come fosse il suo marchio personale.

Allo stesso modo, l'artista a tutto tondo Tavi Gevinson ha inziato ad esercitare le sue doti creative già in modo professionale davvero presto. Aveva solo undici anni quando ha aperto il suo blog, Style Rookie. Gevinson ha avuto un successo immediato, che le ha permesso di comparire sulle cover dei magazine e nelle prime file delle sfilate. Quindi, perché fermarsi qui? Tavi ha voluto fare di più e ha cercato forme di espressione più forti. Le opportunità hanno iniziato ad aumentare, e in ogni nuova avventura ha mostrato un nuovo talento. Gevinson ha fatto una cover di "Heart of Gold" di Neil Young, è apparsa nel film "Enough Said" con James Gandolfini e Julia Louis-Dreyfus, e ora sta recitando nella produzione di Broadway "This Is Our Youth" con Michael Cera e Kieran Culkin. Tutto mentre continua a portare avanti il suo magazine online e stampato Rookie.

L'amica di Tavi, Petra Collins, non è da meno. La fotografa e artista canadese, ha una forte visione nei confronti della bellezza naturale del corpo umano e della sessualità. Invece di percorrere una strada verticale per esprimere le sue idee, ha scelto un'approccio orizzontale, lavorando contemporaneamente con più media. Il lavoro della Collins è spesso esposto, e lei cura da sole le sue mostre. È stata fotografata da Richard Kern ed è stata musa di Ryan McGinley. Ha scattato per magazine come Rolling Stone, Purple e i-D. Ha disegnato una controversa linea di t-shirt per American Apparel ed è anche ospite in radio su know-wave.com. Il lavoro di Petra è acclamato in tutto il mondo, ed è considerata un vero talento da non sottovalutare anche da chi ha il doppio della sua età.

Questo non vuol dire che devi essere per forza giovanissimo per essere una persona 'multi-definita' formidabile e di successo. Guardate la star sulla copertina di Business of Fashion, Karl Lagerfeld. Karl potrebbe essere considerato il primo multi-tasker, disegnando per Fendi, Chanel oltre a seguire vari progetti personali, scattare infinite campagne e dirigere short film. Gates, Gevinson e Collins rappresentano semplicemente una nuova generazione di eclettici che sono più la norma che l'eccezione, ed è entusiasmante vedere quanti multi-tasker stiano emergendo in tempo reale. Ma i professionisti di tutti i campi dovrebbero trarre vantaggi da questa nuova ondata di libertà per esplorare più attività in una sola volta.

Quello di Caroline de Maigret è stato il nome sulla bocca di tutti in questo mese di fashion week per l'uscita del suo libroHow to Be Parisian Wherever You Are: Love, Style, and Bad Habits. Caroline è anche una modella, ha posato per fotografi come Mario Testino e Terry Richardson e ha sfilato per brand come Balenciaga, Chanel e Marc Jacobs. Produce musica con la sua etichetta rock Bonus Tracks Records e la sua casa editirce Yarock Editions. È tanto 'effortlessly chic' quanto talentuosa, si sposta da un'idea all'altra e da una carriera all'altra mantenendo un approccio coerente, quasi come fosse un brand, sui progetti che la appassionano.

Sia che abbiano 19 anni o 40, questi talenti 'multi-definiti' segnano un cambiamento nel nostro modo di vedere il successo lavorativo. Per generazioni, le persone hanno concepito il successo come una scalata al vertice in un solo ruolo. Ma ora il successo può essere continuamente inseguito cercando nuovi modi per esprimere se stessi e per costruire il proprio marchio di riconoscimento. Quindi il vecchio modo di vedere il successo è completamente obsoleto: si può essere considerati 'di successo' se si intende percorrere una sola strada? Alla fine, tutto quello che ti coinvolge stimolando le tue ambizioni e la tua creatività per metterti alla prova è il successo. Ma i multi-tasker di oggi sicuramente ci danno la motivazione per fare di più, testare i nostri limiti e capire cos'altro potremmo fare. Se scalare quella scala è il vostro sogno siete liberi di farlo, ma potrebbe essere entusiasmante gettarsi in nuove imprese per costruire il brand di voi stessi, invece di rimanere intrappolati in un solo lavoro.

Crediti


Testo Courtney Iseman
Foto Michael Bailey Gates. Da The Girls + Boys Issue, i-D No. 332, Pre-fall 2014