​date uno sguardo alla prima campagna di raf simons dopo il suo addio a dior

Abbracci invernali al parco e modelli dal volto coperto nella nuova campagna firmata Raf Simons.

di i-D Staff
|
20 gennaio 2016, 2:53pm

Dopo aver annunciato lo scorso ottobre di lasciare Dior per "concentrarmi su altri interessi della mia vita, compreso il mio brand personale", oggi Raf Simons ha pubblicato la nuova campagna del suo eponimo brand. Scattata dal collaboratore di vecchia data Willy Vanderperre e con lo styling curato da Olivier Rizzo, la primavera/estate 16 ci catapulta in una foresta distopica -- un abbraccio invernale su una fredda panchina.

La sfilata di Parigi dello scorso giugno ha visto la metà dei modelli di Simons procedere sulla passerella col volto mascherato da sciarpe a quadri e cappucci medievali sulle note di Fiorucci Made Me Hardcore di Mark Leckey, indossando una collezione descritta dal designer come "very gang". Le facce coperte, come emblema delle giovani sottoculture, i cappucci dal gusto medievale come suggestioni della fratellanza nei monasteri. Evocando la campagna dell'autunno/inverno 12 di Simons, "Virginia Creeper", che ha visto i suoi uomini sfilare in passamontagna attraverso una foresta talmente tetra che non si sarebbe mai vista nemmeno in un film horror americano, la primavera/estate 16 rappresenta un ponte tra vecchio e nuovo.  

La campagna in sé, che contrappone colore a bianco e nero, vede il protagonista scelto da Simons -- il modello belga Luca Lemaire -- abbracciare una figura mascherata non identificabile su una panchina in un pomeriggio di inverno, mentre la collezione con giacche abbellite da rivetti, maglioni in stile nonno, pantaloni ampi e cappotti a quadri sono al centro della scena. La sfilata di Simons è prevista oggi a Parigi, in concomitanza con il lancio del nuovo sito del suo brand. 

Crediti


Testo Brooke McCord

Tagged:
Dior
parigi
Μόδα
Raf Simons