5 fumetti sull'adolescenza che dovreste leggere

Da "Ghost world" a "Persepolis", raccogliamo cinque grandi fumetti che raccontano di quanto sia difficile scoprire la propria identità, la propria sessualità e la propria fede quando si sta per entrare a far parte del mondo degli adulti.

di Emily Manning
|
01 settembre 2015, 8:35am

La scorsa settimana si è sparsa per il web la notizia che un gruppo di studenti del primo anni della Duke University si è rifiutato di leggere il premiato fumetto di Alison Bechdel Fun Home come compiti per le vacanze. Uno di questi studenti, Brian Grasso, ha scritto un articolo di opinione per il Washington Post spiegando la sua decisione di rifiutarsi di svolgere il compito: crede che le illustrazioni dell'opera siano pornografia e violano pertanto gli insegnamenti della Bibbia. Anche se è corretto che "il libro include disegni di donne che si masturbano e donne che praticano sesso orale in gruppo", se si considera che che questi atti occupano meno di 10 pagine di una storia commovente che parla dell'identità in età adolescenziale, "pornografia" non sembra la definizione esatta dell'opera di 232 pagine di Bechdel. 

Anche se fumetti come Fun Home sono stati spesso ostacolati dalla censura per la loro, beh, natura grafica, alcuni sono storie oneste, vulnerabili e di valore che parlano di giovani che lottano per trovare se stessi. Da Blankets di Craig Thompson a Black Hole di Charles Burns, ecco 5 fumetti sull'adolescenza che non dovrebbero mancare nella vostra libreria.

Fun Home: Se non sei uno studente della Duke, ecco un riassunto: Fun Home è un memoir illustrato che dipinge la complessa relazione di Alison Bechdel con il suo padre regista morto, e la sua difficoltà nell'accettare la sua omosessualità. È stato pubblicato nel 2006, ed è poi stato adattato per un musical premiato ai Tony Award, che è, secondo Slate, "il primo musical mainstream su delle giovani lesbiche." Si, parla di - preparatevi miraccomando - sesso gay. È anche intriso di riferimenti brillanti da James Joyce a Oscar Wilde che Bachdel utilizza tra un'illustrazione grigioverde e l'altra. La sua storia sinceria sul suicidio, l'abuso emozionale e l'orientamento sessuale probabilmente faranno ampliare la sessione "censura" sulla pagina di Wikipedia del fumetto, ma fidatevi, vale la pena leggerlo. 

Blankets: Okay, ecco la rivelazione: ho preso in prestito Blankets dalla libreria della scuola in seconda media perché ne parlava Seth Cohen in uno dei primi episodi di The O.C. (Hey, non mi ha mandata fuori strada nemmeno con The Amazing Adventures of Kavalier & Clay.) 600 pagine sconvolgenti di illustrazioni in bianco e nero intricate, Blankets è un libro davvero strappalacrime. Racconta la storia dell'adolescenza dell'autore Craig Thompson come cristiano evangelico che soffriva tra abbandono, abusi sessuali e primi amori. È il numero 66 sulla top 100 del Time sui migliori libri per adolescenti di tutti i tempi, (fortunatamente) superando di molto Twilight. 

Ghost World: Probabilmente conoscete l'adattamento cult di questo fumetto, in cui Scarlett Johansson e Thora Birch recitano la parte delle ciniche liceali Rebecca Doppelmeyer e Enid Coleslaw. La storia originale spiegava oltre sette numeri della serie di fumetti Eightball di Daniel Clowes, ma è stato poi pubblicato come libro singolo nel '97. Anche se il film si dilunga molto sulle lezioni di arte che Enid segue a scopo curativo, e sulla sua capacità di fare incontri, il libro illustrato sviluppa meglio l'amicizia tra le due. Non preoccupatevi: ci sono ancora da scoprire un sacco di cose sulla vita in periferia e consigli di stile anni '90. 

Black Hole: Si evince facilmente che questo è il più terrificante della lista. Black Hole parla di una misteriosa malattia sessuale che ha colpito Seattle negli anni '70 e che causa mutazioni genetiche nelle sue vittime, i teenager della città. Inquadrato il tempo storico e la natura della malattia, molti hanno letto Black Hole come una metafora dei primi anni della crisi dell'AIDS -- gli adolescenti contagiati si sentono degli emarginati dopo essere stati alienati dalla comunità. Ma l'autore del fumetto, Charles Burns, ha affermato che le mutazioni possono essere lette come una metafora per problemi più generali legati alla sessualità e all'identità degli adolescenti: "A quell'età cerchi di reinventare te stesso, e cerchi di scappare dalla tua vita, e trasformarla in qualcos'altro." 

Persepolis: Considerato da molti uno dei fumetti migliori di tutti i tempi, questa serie autobiografica racconta la storia di Marjana Satrapi, una giovane donna che vive nell'Iran totalitarista di primi anni '80, e le sue avventure a scuola e i suoi primi anni da adulta dopo essere andata a Vienna. Le prime pagine di Persepolis raccontano che, anche a soli 10 anni, Marij era già una vera Lisa Simpson femminista, socialista e punk rock -- sfida l'istituzione del velo e la segregazione basata sul gender nella sua scuola, e mette in guardia i religiosi più grandi quando cercano di farla smettere di ascoltare Michael Jackson.

Crediti


Testo Emily Manning

Tagged:
adolescenza
fumetti