ecco ada karczmarczyk, la prima pop star evangelica polacca

Abbiamo incontrato l'artista che con le sue messe da trip spiega perché il cattolicesimo ha bisogno di arte contemporanea e di Katy Perry.

|
giu 22 2015, 3:15pm

"Da Papa Francesco ho imparato cosa pensare; da Leonardo da Vinci, come formare questi pensieri; e da Britney Spears, come essere una vergine, haha!" dice l'artista visiva e autoproclamata pop star evangelica Ada Karczmarczyk. Seguendo una conversione spirituale che l'ha trasformata, Ada ha passato gli ultimi sei anni a creare un nuovo tipo di arte religiosa. Che mostrino culi che si muovono difronte a un reliquiario della Vergine Maria o che paragonino messe ai trip di acido, i video di Ada mescolano messaggi evangelici ed estetiche dell'era di internet. Incontriamo Ada per parlare di Beyoncé e cose psichedeliche. 

Jaraj się Marią, 2013.

Come ha cambiato il tuo modo di fare arte l'economia polacca e il suo ambiente religioso?
Sono stata cresciuta da una famiglia cattolica molto severa che mi ha trasmesso un sacco di valori riguardo allo stile di vita segnato da un modo di pensare religioso - sacrifici, lavoro duro, e negarsi i piaceri del corpo e dell'anima. A quel tempo, tutti pensavano che la Chiesa fosse una cosa bella perché Papa Giovanni Paolo II era polacco e aveva contribuito alla caduta del comunismo. Ma quando i miei ormoni hanno cominciato a farsi sentire, assieme sono arrivate le ribellioni e comportamenti estremi. Il consumismo ha iniziato ad avere il ruolo della religione nella mia vita e la filosofia del capitalismo è diventata sempre più forte.

L'aereo di Smoleńsk si è schiantato nel 2010, e ha causato la morte del Presidente e di molti politici polacchi, instaurando un conflitto culturale tra la parte cattolica della popolazione - rappresentata dalle generazioni vecchie e conservatrici - e le persone giovani che erano influenzate dai modi di pensare occidentali. Questo scontro di identità tra le due parti mi ha fatto pensare a chi sono, da dove vengo e dove dovrei andare. Volevo unire questi due pezzi, in un unico corpo, un'unica anima. Si è scoperto che il modo migliore per farlo fosse attraverso l'arte.  

Litany, 2008. 

Quali sono le tue pop star preferite?
Mi piacciono Beyoncé, Madonna, Lady Gaga, Katy Perry più di tutte. Essere una star è una missione di duro lavoro, sacrifici, e resistenza psicologica. Non credo sia una coincidenza che tutte siano cresciute con dei valori cattolici; questo deve averle rafforzate internamente e preparate ai cambiamenti futuri. Nel Cattolicesimo, le donne non possono diventare preti, ma se hanno qualcosa di importante da dire allora possono diventare popstar! Essere una star non è solo cantare canzoni orecchiabili e ballare nei video, ma anche far vedere al pubblico la giusta via - guidarli nella vita!

Msza Swięta (High Mass), 2013.

In uno dei tuoi video, il narratore sussurra frasi come "Amo quando le persone decidono per me" su una pila di oggetti luccicanti. Dicci di più delle dinamiche di genere che hanno un ruolo nel tuo lavoro.
Prima della mia conversione ero una testa vuota cresciuta nei club a caccia di drink gratis. Non avevo pensieri profondi ed ero affascinata dai party eterni. Questo lavoro racconta la storia della confessione di un giovane che è stato cresciuto in una realtà consumistica e vede uno "stato vuoto" come un rituale quotidiano. Più tardi, ho raggiunto una rottura nella mia attività creativa. Ho iniziato a farmi domande e a cercare risposte - è così che sono arrivata al Cristianesimo ed è il motivo per cui mi definisco una femminista cattolica. Sono arrivata a questo punto basandomi sui miei pensieri filosofici, non perché qualche prete me l'ha messo in testa.

Voglio combinare le caratteristiche che sembrano impossibili da combinare assieme. Da un lato, basto a me stessa: programmo dei suoni al computer, registro voci in un guardaroba, creo dei video nella mia piccola stanza e produco tutto da sola. Dall'altra, sono affascinata dall'aura cristiana di delicatezza, sensibilità e prudenza rispetto alla femminilità. Non credo il Cristianesimo sia una grande minaccia per le donne perché se gli uomini fossero più come Gesù, non ci sarebbero così tante donne che soffrono nel mondo. Ma in realtà, a volte sfortunatamente sembra una cosa diversa. È il motivo per cui voglio cambiare questa percezione e stimolare i ragazzi e le ragazze a pensare più intensamente, evangelizzare e cambiare in meglio!

Smasz Satan's Face With God's Grace / Niszcz Szatana ŁaskąPana, 2014.

I tuoi video fondono la massa con effetti visivi intrippanti technicolor da trip di LSD e includono anche giochi in cui devi colpire Satana come al gioco della talpa. Il tuo lavoro è stato definito blasfemo?
In Polonia sono accusata di blasfemia da molti cattolici che non guardano i video nel modo giusto e basano le loro opinioni su osservazioni superficiali. Questo succede perché sono abituati a veder passare messaggi religiosi sono attraverso l'estetica ortodossa. Non ho intenzione di violare la religione di qualcuno con la mia arte, voglio solo animare e dare energia alle cose che sono sempre state mostrare in modi passivi e non attraggono i giovani di oggi.

Per descrivere l'esperienza spirituale, ho usato effetti visivi che ricordano i trip di LSD. Le droghe, come la fede, espandono l'immaginazione in un certo senso, e se ci credi, senti di essere sempre un po' fatto tutto il tempo. La differenza è che la fede ti rende una persona migliore, e prendere la droga è uno sport costoso che porta alla dipendenza e alla morte. Il mio film mostra un'alternativa positiva alle droghe, ma è anche abbastanza psichedelico, in termini di immaginazione. 

Che ruolo gioca internet nei tuoi lavori?
Internet è il mio muscolo - è lo strumento migliore per me per mettere in atto la mia missione evangelizzatrice. Quando ho deciso di diventare una guida religiosa, ho capito che non avevo contatti, soldi, o potere per far arrivare le mie parole ad un pubblico. Ma ho capito anche che potevo usare il potere di internet per connettermi con le persone ovunque. Ballare vicino a un tempio di Maria Vergine, muovere il culo, o inseguire dipinti di Gesù non sono solo video divertenti - c'è anche un messaggio importante nei testi, nella musica e negli effetti visivi.

Perché la Chiesa ha bisogno dell'arte contemporanea e vice versa?
Oggi i giovani si sviluppano più velocemente e non vogliono essere trattati come uno stupido gregge di pecore facile da manipolare. Hanno bisogni spirituali interiori, ma sono disgustati dai vecchi modi di far arrivare i contenuti religiosi. Hanno bisogno di un'evangelizzazione più ambiziosa e intelligente che li incoraggi a farsi delle domande e a scavare più a fondo. Questo è il motivo per cui esiste l'arte. L'arte non può essere uno strumento d indottrinamento usato per forzare qualcosa su qualcuno, ma può stimolare alla riflessione su se stessi. Al contrario dell'evangelizzazione tradizionale, che applica delle regole con la forza e spesso cerca di intimidire, non do al pubblico le risposte giuste. Uso il senso dell'umorismo nella mia arte per portare l'attenzione su questioni difficili, ma faccio anche impressionare per far pensare il mio pubblico.

Way to Conversion sarà dal 18 luglio alla Postmasters Gallery, trovate più informazioni qui. 

Crediti


Text Emily Manning