la mostra di wes anderson e juman malouf arriva finalmente a milano

Sarà in Fondazione Prada e si tratterà di una versione ancora più estesa e completa di quella esposta a Vienna negli scorsi mesi.

di Benedetta Pini
|
28 giugno 2019, 8:52am

Immagini su gentile concessione dell'ufficio stampa Kunsthistorisches Museum di Vienna

Finalmente c’è una data ufficiale: Il Sarcofago di Spitzmaus e altri tesori arriverà alla Fondazione Prada a Milano il 20 settembre 2019 e ci rimarrà fino al 13 gennaio 2020. Se il titolo dell’allestimento non vi dice nulla non vi preoccupate, ve ne avevamo parlato approfonditamente qui qualche mese fa, proprio in occasione della prima apertura a Vienna, e ora vi rinfreschiamo la memoria.

La mostra allestita da Wes Anderson e la compagna Juman Malouf—designer, illustratrice e scrittrice di talento—ha inaugurato lo scorso novembre presso il Kunsthistorisches Museum viennese. Il concetto dietro tale esposizione è la libertà espressiva più assoluta, al di fuori di ogni logica istituzionale: nessun limite spazio-temporale, nessuna regola nella selezione e archiviazione degli oggetti. Carta bianca. Il risultato è qualcosa di incredibile: un viaggio nel tempo che parte nel 3000 a.C. e arriva fino al 2018. Detta così potrebbe forse sembrare banale per due artisti del loro calibro, ma c’è molto di più.

Attingendo a 12 delle collezioni del Kunsthistorisches Museum e a 11 dipartimenti del Naturhistorisches Museum di Vienna, la coppia si è immersa per due anni in archivi immensi, scrutinando in totale oltre quattro milioni di oggetti, scavando tra cimeli noti e altri dimenticati, nascosti e accatastati negli angoli dei magazzini. Quello de Il Sarcofago di Spitzmaus e altri tesori è quindi un viaggio temporale, sì, ma con le tappe più inaspettate che possiate immaginare, assolutamente non strutturate secondo un ordine cronologico.

Il criterio è infatti ben altro: la straordinarietà degli oggetti, su modello delle Wunderkammer degli scorsi secoli. Così, a guidare Wes e Juman sono le suggestioni visive e cromatiche, le atmosfere e le connessioni suggerite dalle caratteristiche intrinseche ed estrinseche delle opere, assecondando il fascino per le cose strambe che anima l’arte tanto dell’uno quanto dell’altra. Una mostra, ma anche una riflessione che mette in discussione i canoni e le gerarchizzazioni artistiche tradizionali per riconsiderare dalle fondamenta i concetti di collezionismo, archiviazione, conservazione e fruizione e il ruolo delle istituzioni museali oggi.

Forse qualcuno di voi non ha saputo resistere ed è già volato a Vienna nei mesi scorsi per vedersi la mostra, ma vale la pena fare tappa anche a Milano: si tratta di una seconda versione più estesa per superficie espositiva e numero di opere. Segnatevi la data in calendario, manca poco!

Il Sarcofago di Spitzmaus e altri tesori sarà visitabile presso Fondazione Prada a Milano dal 20 settembre 2019 fino al 13 gennaio 2020. Trovate qui tutte le informazioni necessarie.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Qui, intanto, potete farvi un'idea più dettagliata di cosa vi offrirà la visita:

Crediti

Testo di Benedetta Pini
Immagini su gentile concessione dell'ufficio stampa Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Tagged:
Wes Anderson
fondazione prada
Juman Malouf
mostre in italia
il sarcofago di spitzmaus e altri tesori