Pubblicità

chi è lo studente italiano che ha creato le scarpe del nuovo video di beyoncé

Voi come vi sentireste se foste al suo posto? Forse è impossibile immaginarlo, così abbiamo chiesto direttamente a lui com'è quando Beyoncé indossa una tua creazione.

di Benedetta Pini
|
19 luglio 2019, 11:43am

Immagini su gentile concessione di Francesco Murano

I sogni possono diventare realtà, anche quelli più assurdi. Ne sa qualcosa Francesco Murano, che nel giro di un mese è passato dalla sfilata di Milano Moda Graduate che è un’iniziativa organizzata da Camera Nazionale della Moda Italianaa a Beyoncé, senza neanche rendersene troppo conto.

Per quanto assurdo possa sembrare, il ponte tra giovani talenti e mondo del lavoro è stato per lui proprio Milano Moda Graduate, come ci ha raccontato poche ore fa al telefono. Proprio grazie a questa iniziativa, infatti, la sua collezione Ossimoro Plastico è arrivata tra le mani della stylist di Beynoncé. Così nel nuovissimo videoclip di Spirit, in cui Queen Bey è sempre scalza nel bel mezzo dei deserti della California e dell'Arizona, c'è una sola scena in cui indossa delle scarpe, al minuto 1:20. Sono proprio loro, le Pedestal Shoes di Francesco Murano. A un occhio attento non saranno sicuramente sfuggite, perché bellissime e contemporanee.

Beh, come vi sentireste voi se una vostra creazione finisse in un video di Beyoncé? Forse è difficile anche solo immaginarlo. Così abbiamo chiesto a Francesco di raccontarci tutto.

Inutile girarci intorno, iniziamo con quello che tutti vogliono sapere: com'è successo che Beyoncé abbia indossato delle tue scarpe nel video di Spirit?
È successo tutto grazie alla vittoria della Milano Moda Graduate del 14 giugno, la sfilata organizzata da IED in collaborazione con la National Chamber of Fashion per valorizzare i giovani talenti emergenti. A distanza di soli quattro giorni, se non ricordo male, ho ricevuto una chiamata inaspettata: era l'ufficio stampa della stylist di Beyoncé, Zerina Akers, che mi stava contattando perché era rimasta colpita dalle foto della mia sfilata sul profilo Instagram di Sara Maino, che era un membro della giuria.

Erano alla ricerca dell'outfit per il nuovo video di Beyoncé, Spirit, e inizialmente sembravano interessati anche ai vestiti, poi hanno scelto solo le scarpe. Per molto tempo non ho più avuto notizie e non era molto chiaro se le avrebbero usate davvero o meno. Non sapevo neanche quando sarebbe uscito il video. Poi quando è uscito il 16 luglio - in Italia erano circa le 6 am - mi sono svegliato con un messaggio dell'ufficio stampa che mi ha inviato degli scatti dal video. Beyoncé stava indossando le mie scarpe!

È la prima celebrità che indossa una tua creazione?
Sì, non era mai successo prima. La cosa che mi spaventa, o forse che mi rende felice—non lo so ancora dire, perché è successo tutto davvero troppo velocemente—è che si sia trattato proprio di Beyoncé, che per me è un'icona, un idolo; la seguo da anni, sono andato ai suoi concerti, praticamente ne sono ossessionato. Quindi sono particolarmente sconvolto per questo. Certo, mi avrebbe emozionato anche se si fosse trattato di un'altra celebrità, ma che sia stata proprio Beyoncé è assurdo. È quasi surreale.

In che modo credi che questa occasione cambierà il corso della tua carriera?
In realtà, ed è stranissimo da dire, non può influire molto sul corso delle cose perché vestire Beyoncé era proprio la mia massima aspirazione nella vita, era il mio obiettivo massimo. Non pensavo assolutamente di raggiungerlo adesso, così presto. Sicuramente qualcosa cambierà, ma non so ancora dire in che modo nello specifico. Si tratta della prima volta anche per IED, non era mai successo a uno studente e per di più ancora non laureato - ho infatti terminato gli studi solo una settimana fa. Per ora spero che questa occasione mi apra altre strade e, soprattutto, di collaborare ancora con lei.

Hai studiato allo IED e poi hai vinto il Milano Moda Graduate, ma dicci qualcosa di te: in che modo queste esperienze ti hanno aiutato?
IED ha costituito per me un percorso importantissimo. È una delle poche scuole che ti dà una formazione a 360°: quando esci da lì sei in grado di lavorare in qualsiasi contesto che riguardi la moda, dall'ideazione del concept al prodotto finito. Poi chiaramente ognuno approfondisce il campo più consono al proprio talento, ma per essere uno studente alle prime armi sviluppi una serie di capacità non scontate. Mi ha formato dal punto di vista artistico, ma anche morale, perché è un percorso molto intenso, che ti impone una certa disciplina, organizzazione e senso di responsabilità.

E sicuramente anche a livello di visibilità e contatti nel fashion?
Certo, la visibilità è importantissima. Ci sono tante persone creative che non hanno i mezzi adeguati per far conoscere i propri lavori. Milano Moda Graduate è una delle manifestazioni più importanti nel mondo della moda e della ricerca di nuovi talenti. Sinceramente non credevo di vincere, anche per come hanno gestito me e gli altri sette ragazzi selezionati: non ci hanno neanche detto quale sarebbe stato il premio, così da creare un forte senso di squadra tra di noi, eliminando il rischio che si creasse una competizione spietata. A nessuno, infatti, interessava vincere: era già bellissimo essere lì.

E ora, cosa c'è nel tuo futuro? Quali sono i tuoi programmi?
Sto lavorando ad alcuni progetti di cui non posso ancora parlare, un po' per scaramanzia, un po' per motivi professionali. Diciamo che dopo l'uscita del video si sono sbloccati diversi meccanismi e sto rivalutando tutte le idee che mi ero prefissato. Prima pensavo di voler continuare gli studi con un master, ma ora non ne sono più così convinto. Sicuramente ora voglio godermi al massimo questo bellissimo momento.

Magari goderti anche le vacanze?
Esatto :)

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altro studente, altra università, altro grande talento:

Crediti


Immagini su gentile concessione di Francesco Murano

Tagged:
Beyoncé
video musicali
milano moda graduate
giovani designer
talenti emergenti
IED Milano
francesco murano