Fotografiad di Steven Traylor

Le famiglie di Los Angeles come non le avete mai viste, fotografate da Steven Traylor

Per l'ultimo numero di i-D, il fotografo rivisita l'estetica dei classici ritratti delle famiglie black americane, restituendo una narrazione sana e genuina di questo tipo di amore.

di Ryan White
|
10 marzo 2021, 10:53am

Fotografiad di Steven Traylor

Se non avete mai visto i lavori di Steven Traylor, non è perché ne faccia pochi, ma perché è un artista parecchio difficile da rintracciare. L’ultima volta che lo abbiamo intercettato è stato l’estate scorsa, quando ha scattato la copertina dell’ultimo numero di i-D, Up + Rising Issue, ha lavorato per Earl Sweatshirt e ha esposto i suoi lavori a Los Angeles e a Berlino. Quindi di progetti ne fa eccome, ma sempre low profile: se cercate il suo nome online, potreste fare fatica capire cosa sta facendo e mettere insieme tutti i pezzi della sua carriera.

Il sito personale e l’account Instagram di Steven che si nascondono dietro ai nickname namedate.org e @name___date ___ danno più la sensazione di essere un ininterrotto flusso di coscienza che una vetrina per i suoi progetti. Usando diverse tecniche, tra fotografia, materiale video e testi, l’artista ventiquattrenne vuole esprimersi e rappresentare la propria comunità da angoli diversi e sfaccettati, prediligiendo una visione olistica della vita a Los Angeles, la sua città, della quale immortala sia la dimensione acustica che quella visiva. “Mi ha sempre incuriosito,” scrive nella bio fornita alla sua agenzia, “come si muovono nello spazio le persone della mia comunità.” Una curiosità che si sfoca concretizzandosi in una mole eclettica di opere d’arte, tra scatti, clip musicali, screenshot e bitmojis.

steven traylor fotografia famiglia a Los Angeles
Tutti i vestiti indossati da Harmony e Maliyah sono PHLEMUNS. Gioielli dall'archivio delle modelle.

Steven è cresciuto con sua nonna nel quartiere Mid City di Los Angeles, trascorrendo giornate intere fuori di casa, skateando e passando da una galleria d’arte all’altra. Troppo giovane per la carta stampata e troppo vecchio per Instagram, il suo incontro con la fotografia è avvenuto su Tumblr—com’è successo per tantissime altre persone appartenenti a quella zona grigia tra Gen Z e Millenial.

“Tumblr è stata la mia scuola,” dice. “Era come… beh ti imbattevi in una foto di Helmut Newton e pensavi che quella roba fosse ganza. Ricordo che una volta ho visto una foto scattata da Dana Lixenberg e ho pensato ‘WTF, sta tipa assomiglia alla mia prozia, ma è fotografata in modo bellissimo.’ Se tra i 16 e i 17 anni mi avessero chiesto chi fosse il mio fotografo preferito, probabilmente avrei detto che la roba più cool per me erano le foto di Richard Avedon, ma poi avrei cambiato idea e avrei risposto Wolfgang Tillmans. Questa era la vera bellezza di Tumblr, era un’accozzaglia di cose bellissime, e tutto era messo sullo stesso piano, anche arrivava da diversi punti di vista.”

steven traylor fotografia famiglia a Los Angeles
Huey indossa una maglietta vintage Looney Tunes dagli archivi del comune di Saint Luis. Vestiti di Brielle dall'archiviodel modello.

Un giorno ricevette in regalo una Olympus OM-10, una macchina fotografica da 35 mm molto popolare negli anni ‘80 e tentò di rivenderla, ma non essendoci riuscito iniziò scattarci qualche foto. “Non è mai stata mia intenzione usarla,” dice Steven. “Quando ho provato a portarla in qualche negozio dell’usato, mi sentivo sempre ripetere che non ci avrei guadagnato più di 20 dollari. Quindi, a un certo punto, ho semplicemente pensato che tanto valeva imparare a usarla. Di solito andavo da Samy’s Camera nel distretto di Fairfax. Salivo al piano riparazioni un giorno sì e l’altro pure, e chiedevo cose come: ‘Senti, cosa fa ‘sta roba? Che apertura ha? Qual è il suo tempo di posa? Come calcoli l’esposizione? Come inserisci il rullino?’ Ho raccolto un po’ di suggerimenti e scattato un migliaio di immagini di me*da, ma alla fine ho imparato a usarla.”

A Los Angeles è facile trovare dei soggetti da fotografare. È spaziosa, è calda, scopri performance artistiche dietro ogni angolo. La grandezza di questa città la rende impossibile da ridurre a un’unica entità monolitica, e l’idiosincratismo del lavoro di Steven riflette perfettamente quest’energia. “Sai, ricordo che i miei amici ripetevano spesso che ognuno ha una propria Los Angeles, che ognuno fa esperienza della città in modi diversi. Essendo cresciuto a Mid City, il mio vissuto è completamente diverso da quella di qualcuno cresciuto a Santa Monica. Come anche da qualcuno che è cresciuto a Imperial Courts. Hanno delle vibe completamente diverse. Abitando nelle case popolari, non è facile uscire dal proprio angolo della città.”

steven traylor fotografia famiglia a Los Angeles
Dalis indossa top vintage Polo Ralph Lauren. I gioielli indossati da Dalis nell'editoriale fanno dell'archivio delle modella. Taylor indossa una mglietta vintage Looney Tunes dagli archivi del comune di Saint Luis.

Tra le reference di Steven c’è infatti anche Imperial Courts di Dana Lixenberg, un progetto cominciato con le rivolte scatenate dalla morte di Rodney King agli inizi degli anni ‘90 e poi trasformatosi in una testimonianza fotografica dei progetti di edilizia popolare a Los Angeles. In corso ormai da vent’anni, è probabilmente uno degli studi più approfonditi sulla Los Angeles al di fuori dei suoi quartieri più famosi. Per Steven la differenza sta proprio in questo, nel punto di vista: bisogna catturare la città dall’interno verso l’esterno, piuttosto che il contrario. “Mi piacerebbe fare qualcosa che dia nuova vita ad alcuni di quei soggetti,” dice. “Faccio spesso foto ai miei amici e alcuni compaiono in molti dei miei lavori, ma il motivo per cui li fotografo ha un'origine diversa. Quando scatto, la mia sensazione è quella di stare semplicemente documentando dei momenti, come se stessi facendo delle foto con l’iPhone. Alla fine, è questo quello che faccio, ma con una macchina fotografica più sofisticata.”

Per le foto di questo numero di i-D, Steven si concentra sul significato letterale di famiglia, piazzando i suoi soggetti, in parte amici in parte sconosciuti, in setting costruiti in modo che richiamino i tipici ritratti di famiglia fatti da un qualsiasi fotografo di un qualsiasi centro commerciale. È un’esaltazione dell’amore: “Volevo semplicemente proporre la mia versione di quel tipo di narrazione. Credo che sia essenziale per la comunità Black vedere una rappresentazione sana dell’amore famigliare,” aggiunge. “Penso che certe rappresentazioni a cui ci riagganciamo non siano sane. Per questo vorrei riuscire a dare spazio a qualcosa che sia.. Beh, qualcosa davanti a cui sia impossibile non dire ‘Ehi, ma sta roba é bellissima.’”

Mentre parliamo con lui, gli Stati Uniti stanno sprofondando sempre più a fondo in una crisi esistenziale. Ma a duemila chilometri e mezzo di distanza dalla capitale, Steven si sente alienato rispetto a tutto quello: “Sono lontano da Washington, quindi non ne sento così tanto il peso. Onestamente, sto tentando di tenermi fuori da quel dramma. Mi sto rilassando con la mia famiglia, non posso davvero lamentarmi. Sono fortunato.”

steven traylor fotografia famiglie Los Angeles
I vestiti di Dyme e King Mel vengono dall'archivio dei modelli.
steven traylor fotografia famiglie Los Angeles
Jasmine indossa vestito PHLEMUNS. Gli orecchini provengono dall'archivio della modella. Shavo indossa una giacca vintage Talia Bella Baby Vintage. Pantaloni dall'archivio del modello.
steven traylor fotografia famiglia a Los Angeles
Tutti i vestiti e i gioielli di Barrington provengono dall'archivio del modello.
steven traylor fotografia famiglia a Los Angeles
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dagli archivi del comune di Saint Luis. Gioielli dall'archivio del modello. I vestiti di Baby Givens provengono tutti dall'archivio del modello.
steven traylor fotografia famiglie Los Angeles
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dai Saint Luis Archives; Taylor indossa una maglietta vintage Looney Tunes dagli archivi del comune di Saint Luis.
steven traylor fotografia famiglie Los Angeles
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dai Saint Luis Archives; Huey indossa una maglietta vintage Looney Tunes dagli archivi del comune di Saint Luis. Tutti i vestiti indossati da Brielle sono vintage Pucci da Talia Bella Baby Vintage.
Steven Traylor fotografie famiglie di Los Angeles
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dai Saint Luis Archives; Tutti i vestiti indossati da Dyme, Marz e King Mel provengono dall'archivio delle modelle.
Steven Traylor fotografie famiglie di Los Angeles
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dai Saint Luis Archives; Dalis indossa una tuta Rocawear. Taylor indossa una giacca Divinities.
Watts Homie Quan indossa T-shirt vintage dai Saint Luis Archives
Zolee indossa un top vintage Nike Rugby dagli archivi del comune di Saint Luis.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Fotografia: Steven Traylor
Styling: Tamia Mathis

Capelli e make-up: Rachel Lee Wright per MA+World Group con l’utilizzo di Tangle Teezer.
Set design: Gille Mills per 11th House Agency.
Aerografia sullo sfondo Sketch Airbrush
Produzione: Imani Lindsey per Camera Club.
Un ringraziamento particolare a Nick Shaya, Bob Melet, Icon LA e Chroma Center.
Modelli: Maliyah, Harmony, Dyme, Marz, King Mel, Dalis, Taylor, Mikhayl, Jasmine, Shavo, Barrington, Zolee, Watts Homie Quan, Baby Givens, Huey Briss and Brielle.

Leggi anche:

Tagged:
Magazine
Los Angeles
Fotografia
Famiglia
Steven Taylor