Come prendersi cura delle mani durante le stagioni fredde, step by step

Tra vento gelido e basse temperature le tue mani si stanno sgretolando?

di Beatrice Birolo
|
16 dicembre 2021, 5:00am

Pensateci bene: le mani sono quella parte del corpo che più di tutte è continuamente e inevitabilmente esposta, soprattutto d’inverno—e non c’è guanto touch che tenga. D’estate, infatti, la pelle risulta più sottile e idratata grazie all’aria calda, che trattiene l’umidità, e alle nostre ghiandole, che producono più olii naturali.

In inverno, però, è tutta un’altra cosa: il freddo diventa sempre più rigido e passiamo costantemente da temperature fredde a stanze calde e riscaldate, rendendo le nostre mani screpolate e iper sensibili. Per questo, inserire nella propria skincare routine anche la cura delle mani è un passaggio cruciale, nonostante venga ancora troppo spesso sottovalutato.

La guida per l’hand care durante l’inverno

Fai attenzione a scegliere il sapone giusto per te

Lavarsi le mani sembra una banalità, ma si tratta di un momento che possiamo affrontare con maggiore consapevolezza attraverso la scelta del sapone. Come per il detergente per il viso, infatti, non ce n’è uno universale che funziona per ogni pelle e ogni condizione delle mani, e per questo è importante scegliere un tipo di sapone che contenga gli ingredienti adatti a noi. Ad esempio l’Aesop Resurrection Hand Wash, che ha un effetto emmoliente sulle mani ed è quindi perfetto per chi si lava spesso le mani o ha la pelle sensibile. Inoltre la bottiglia è costituita di plastica sostenibile, si può ricaricare e durerà tantissimo.

Ricordati di esfoliare le mani

Lo step successivo al lavaggio delle mani, da compiere 2 o 3 volte alla settimana, è l’esfoliazione, per eliminare le cellule morte e pulire più a fondo la pelle. Potete utilizzare uno scrub per il viso o per il corpo oppure farvelo in casa mischiando zucchero, miele e qualche goccia di un olio essenziale a vostro piacimento. Vi basterà ricoprire tutta l’area necessaria (sia palmo che dorso) con questo prodotto e massaggiare delicatamente per qualche minuto.

Le migliori maschere per le mani

Se volete portare la vostra hand-care routine agli estremi, non può mancare una maschera per le mani, che aiuta a fornire protezione e idratazione contro le basse temperature. Alcune hanno la forma di guanti, come quelli autoriscaldanti di Patchology: un ricco impacco di antiossidanti e acidi grassi, da tenere in posa per 15 minuti. Altre, invece, sono delle creme da applicare la sera e lasciare assorbire durante la notte, come quella di Rituals, con lavanda e sacred wood.

Per chi soffre di secchezza cronica, è consigliabile un trattamento in cera di paraffina, un tipo di resina utilizzata per nutrire e idratare la pelle (e anche per decontratturare i muscoli e trattare problemi come l’artrosi, reumatismi etc). Vi basta immergere le mani diverse volte nella cera di paraffina sciolta, lasciare che si indurisca, infilare le mani dentro a guanti termici e, dopo una ventina di minuti (una volta che la cera si sarà raffreddata) rompere il tutto.

Come idratare al meglio le tue mani 

Come step finale, si applica una crema super idratante, da scegliere con attenzione rispetto alle esigenze della vostra pelle, individuando ingredienti che aiutino a riparare la barriera di idratazione, come ceramidi e squalene. 

L’Ultimate Strength Hand Salve di Khiel’s potrebbe fare al caso vostro: è una crema ricca, che protegge e ripara la secchezza delle mani causata da elementi aggressivi come il freddo e agisce contro la disidratazione, trattenendo l’umidità sulla pelle per ore. Bonus tip: portatevela in giro e applicatela diverse volte al giorno per compensare l’uso del disinfettante, che con le sue proprietà antibatteriche rischia di seccare la pelle.

Indossa i guanti per proteggere le mani

Un consiglio che potrebbe sembrare scontato ma non lo è: indossate sempre i guanti. Nonostante possano essere ingombranti o impedirci di usare il telefono, sono un accessorio essenziale per proteggere le mani dal freddo, soprattutto per le pelli sensibili o già aggravate.

E non ti dimenticare la protezione solare, sì, anche sulle mani

Le mani sono una zona che sottovalutiamo troppo spesso quando si tratta di proteggerci dal sole, soprattutto d’inverno. Ma, anche se non ce ne accorgiamo, le mani sono molto esposte ai raggi UV—e sono una delle zone più comuni per sviluppare un tumore della pelle—, che possono causare macchie solari sui dorsi o cambiamenti della pelle.

Vi basterà applicare sulle mani la crema solare che usate già per il viso, come la leggera crema di Thank You Farmer SPF50++ oppure la 2 in 1 di Paula’s Choice.

E non dimenticare le unghie

Per un trattamento mirato, quando notate una certa fragilità nelle unghie e secchezza nelle cuticole, consigliamo un siero, così da rinforzarle e nutrirle, da applicare anche tutti i giorni. Per farlo, vi basterà strofinare dell’olio di cocco (o anche olio di jojoba o della lozione per le mani) attorno alle unghie; oppure potete utilizzare il set scrub + olio di Licia Florio contenente ingredienti come vitamina A e E, che promuovono la crescita, l’idratazione e il riequilibrio delle unghie.

Crediti

Testo: Beatrice Birolo

Leggi anche:

Tagged:
Beauty
guida
Mani
Skincare