"THANK YOU FOR COMING": ecco come Centrale Fies ci ripaga della lunga attesa di eventi IRL

Appuntati le coordinate spaziotemporali: dal 28 al 30 maggio a Dro, in provincia di Trento. Tre giorni di talk, concerti, performance e installazioni artistiche

di Carolina Davalli
|
26 maggio 2021, 4:00am

Still dal video "the fouled compass" di Madison Bycroft

Dopo questo lungo anno, tornare a sperimentare eventi artistici live potrebbe non risultare così facile quanto sembra nella nostra testa. Lo sanno bene anche i curatori, le gallerie e gli artisti, per i quali la recente riapertura degli spazi culturali ha sollevato un’ondata energia, ma anche una sorta di ansia da prestazione. In questa situazione complessa, è fondamentale mediare e negoziare tra le sensibilità e le esigenze di ciascun player per riabituarci gradualmente ai contesti, agli spazi e alle prospettive delle nuove pratiche artistiche live.

È questo l’obiettivo dell’ambizioso progetto curatoriale di Centrale Fies—il centro di ricerca per le pratiche performative contemporanee con base a Dro, in provincia di Trento—, ideato per fare da collante tra gli artisti, le loro pratiche e il pubblico, dopo una lontananza di più di un anno. Sviluppata da un board curatoriale eterogeneo di figure esperte—che conta tra le sue fila Barbara Boninsegna, Simone Frangi, Claudia D’Alonzo, Filippo Andreatta, Mackda Ghebremariam Tesfau’, Denis Isaia, Justin Randolph Thompson e la curatela esecutiva di Maria Chemello—, la programmazione permetterà al pubblico di subentrare all’interno di installazioni, di interagire con gli artisti attraverso incontri e osservare in prima persona prove aperte, esposizioni e azioni artistiche.

SAGA, Fotografia di Alice Brazzit, courtesy dell'artista

Si chiama “THANK YOU FOR COMING” e fin dal titolo dichiara l’obiettivo ultimo del progetto: ringraziare il pubblico dell’attesa e della presenza che offrirà al panorama di artisti, opere e performance nelle giornate del 28, 29 e 30 maggio 2021. Descritto da Barbara Boninsegna e Marco D’Agostin come “un dolce rituale di ritorno alle pratiche ‘live’,” l’iniziativa si plasma sul progetto “SAGA” dello stesso Marco D’Agostin, un lavoro coreografico e scenografico che indaga le relazioni familiari e lo scorrere del tempo, per articolarsi negli interventi corali degli artisti Filippo Michelangelo Ceredi, Alessandro Sciarroni, Chiara Bersani, Elena Giannotti, Jérome Bel/Laura Pante, Emanuele Coccia, Emilia Verginelli, Alessandra Eramo, Zimmerfrei, Marco D’Agostin, F. de Isabella, Carlo Capello, Ivo Dimchev.

“THANK YOU FOR COMING” è dunque un percorso che ci spinge a entrare in contatto con diverse forme artistiche all’interno di un’esperienza totalizzante e immersiva fatta di corpi in movimento, ascolto interpretativo e percezione di opere sensoriali. Noi non vedevamo l’ora, e infatti parteciperemo a tutti e tre giorni!

La programmazione di Centrale Fies prevedrà altri due incontri: Live Works SUMMIT 2021 (dal 9 al 13 giugno 2021) e il kick off meeting di APAP, la rete europea dedicata alle Performing Art con il nuovo progetto Feminist Futures con Anne Lise Le Gac, Chiara Bersani, Tatiana Julien, Eva Geatti, Michikazu Matsune, Harun Morrison, OHT, Jacopo Jenna/Sotterraneo e Kate McIntosh (dal 1 al 3 luglio 2021).

Trovi tutte le informazioni su programmazione, performance e biglietti per THANK YOU FOR COMING di Centrale Fies a questo link.

SAGA, Fotografia di Alice Brazzit, courtesy dell'artista
SAGA, Fotografia di Alice Brazzit, courtesy dell'artista
SAGA, Fotografia di Alice Brazzit, courtesy dell'artista
Josèfa Ntjam, Unknown Aquazone, impressioni su plexiglass, Palais de Tokyo, @Aurelien Mole, 2020
Josèfa Ntjam, Crystal and shell, fotomontaggio, 2020
gruppo LW vol.7_sala comando_ph Roberta Segata15.jpg

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo di Carolina Davalli
Immagini su gentile concessione di Centrale Fies

Leggi anche:

Tagged:
Performance
arte
mostra
Centrale Fies