12 cose di moda che hanno definito gli ultimi 12 mesi

Se avete passato il 2018 in uno chalet di montagna senza connessione a internet, questo è il ripassone che fa per voi.

|
dic 12 2018, 6:00am

1. Qualunque cosa ricordi l'Old Wild West
Vestirsi come musicisti country americani è diventato un passatempo piuttosto diffuso ultimamente. Più frange e color mattone sono presenti nell'outfit, meglio è. Le camicie da proprietario di un ranch in Texas, nello specifico, sono ormai ovunque, probabilmente grazie alla loro versatilità. Perfette per un aperitivo, ma anche per passare la serata sul divano tra whisky e Brokeback Mountain. Reference in passerella: Raf Simons x Calvin Klein primavera/estate 18.

2. I capelli decolorati del tuo ultimo fucc boi
Negli ultimi 12 mesi qualunque ragazzo desideroso di cambiare look senza spendere più di 15 euro ha trovato la soluzione ideale tra gli scaffali del supermercato, per quanto cheap possa sembrare. Più precisamente, la svolta si nascondeva tra creme idratanti e balsami: il kit basic per decolorarsi i capelli. Il fatto è che poi non se li tingeva da solo, i capelli. La domanda quindi è: se non hai passato un sabato nel bagno della casa che il tuo ultimo fucc boi divide con altri tre tizi sconosciuti con tinta in una mano e pettine nell'altra, hai davvero vissuto un 2018 degno di nota?

3. Il blush che va oltre i confini prestabiliti
Che sia in polvere, in crema o in stick. Che sia della Mac o della NARS. Che sia color pesca o fucsia acceso. Il blush ha avuto negli ultimi tempi la fastidiosa tendenza di finire ben al di fuori degli zigomi, arrivando fino alla mascella nei casi più degni di nota. Il risultato è un mix tra l'ustione che ti sei preso dopo tre giorni a Ibiza senza protezione solare e tua zia in una foto del 1975.

4. I foulard che diventano... boh?
Forse la colpa di questa nuova cosa è tutta di A$AP Rocky, ma non riusciamo a nascondere la gioia che proviamo tutte le volte che vediamo un tipo con foulard annodato sotto il collo come facevano le nostre nonne 60 anni fa. Probabilmente è il nostro look of the year, e speriamo non finisca mai.

5. PVC, PVC ovunque
Il cugino economico e un po' birichino del latex è arrivato ovunque. Dalle passerelle di Galliano per Margiela agli accessori firmati Virgil Abloh x Louis Vuitton, passando però anche per H&M e altre catene di fast fashion. È un colore che non è un colore, e per questo funziona con tutto. Promotrice numero uno di questo trend, ovviamente, Kim Kardashian.

6. Ma anche colori fluo, colori fluo ovunque
Qui dobbiamo ringraziare Prada, e la risurrezione del suo brand Linea Rossa. Da quando abbiamo visto gilet, cappellini da pescatore e marsupi giallo, verde e fucsia fluo sulle sue passerelle tutti ce ne siamo innamorati. Non esiste celebrità che non li abbia indossati, così come non esiste brand che non abbia implementato questo nuovo trend nelle sue collezioni. E anche il cinema non è rimasto esente.

7. Gli occhiali da sole in stile Matrix, ma ancora più sottili
Ne parlavamo già a inizio anno, poi la moda come al solito ha voluto portare anche questo trend al limite e si è chiesta: quanto piccoli possono davvero diventare gli occhiali da sole? Le risposte arrivate sono tanto molteplici quanto assurde. A indossare questi micro-accessori sono principalmente gli amanti della musica ambient, quelli che se per caso finisci in una loro storia su Instagram durante il concerto di Yves Tumour non ci pensano due volte a pestarti il piede e poi darti una spallata.

8. Gli occhiali da sole in stile Natale a Cortina
Inizialmente creati per essere usati quando si fa sport, sono quegli occhiali da sole tecnici che indossava tuo padre in montagna facendo vergognare te, tua madre e tutto il resto della famiglia. Quelli che vedevi in tutti i film di Boldi e De Sica. Quelli che anche la principessa Anne Windsor ama tantissimo, e ameremo anche noi nel 2019.

9. Targhette di riconoscimento e affini
Solitamente usate dagli impiegati dell'Euronics e quelli delle prigioni di massima sicurezza, nel corso del 2018 le abbiamo viste anche sulle giacche degli insider della moda. Sono portacarte sottili in cui riporre i propri averi più preziosi, per poi appenderli al petto con l'apposita clip. Perfetti per non perdere la carta di credito "prestata" dalla mamma, ma anche per dimostrare il proprio amore per una celebrità—ne abbiamo viste diverse con foto segnaletiche di Britney Spears, Marilyn Manson e Courtney Love, per dire. Ancora una volta, grazie Prada.

10. L'ombretto messo a c***o
Obiettivo: dare l'impressione di essersi truccati sul sedile posteriore dell'auto nel giro di cinque minuti netti. Realtà: hai passato ore e ore tra pennellini, ombretti e primer. A dare avvio al fenomeno sono stati tutta una serie di make-up artist in erba che volevano camuffare una mano poco ferma da presa di posizione vera e propria. Attualmente, troverete questo trend sui profili Instagram delle studentesse di moda che condividono almeno una volta a settimana i look di John Galliano per la Artisanal Collection di Margiela.

11. Tute fluo anni '80, sudore compreso
Che l'abbiate comprata in un vintage di quartiere o da Gucci, poco importa. Quel che conta è che non esiste persona al mondo che possa indossare queste tute con credibilità. Non hanno una forma, i loro colori sono accecanti, non vi terranno al caldo d'inverno, né sono particolarmente adatte all'estate. Vi faranno sudare e basta. Ma poco importa quando in gioco c'è la vostra style credibility.

12. Le sneaker brutte ed enormi
Se si chiamano dad shoes un motivo ci sarà. Impossibile non aver sentito parlare delle più famose in assoluto, le Triple S di Balenciaga. Più probabile è invece che abbiate voluto evitare di vedere tutte le successive declinazioni del modello, dalle Fila Disruptor al ritorno delle Buffalo. I tempi delle ballerine non sono mai stati così lontani, con buona pace del minimalismo in stile gemelle Olsen post The Row.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altre cose interessanti successe in questo 2018:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.