l'haute couture incontra la tecnologia al metropolitan museum of art

L'altra faccia del Met Gala in mostra al MET di New York.

|
17 febbraio 2016, 12:00pm

@jrosa

Il Metropolitan Museum of Art sta portando avanti il dialogo sulla wearable technology. Infatti con la mostra Manus x Machina: Fashion in an Age of Technology si impegna a rivolgere un attento approfondimento agli effetti della tecnologia sull'haute couture. "È importante sottolineare che l'avvento dell'haute couture si è verificato in concomitanza con l'evoluzione delle macchine per realizzarli," ha affermato Andrew Bolton, curatore del Costume Institute, a WWD.

La mostra occuperà i due spazi della galleria a partire dal 5 maggio. L'Anna Wintour Costume Center ospiterà atelier e sartorie, mentre l'ala Robert Lehman ripercorrerà importanti haute couture métiers. Verrà indagato anche il rapporto tra l'haute couture e il ready-to-wear, lo scontro tra la forza lavoro umana e la macchina, la produzione artigianale e il processore del computer. Nello specifico saranno presenti perle rare d'archivio come il completo da matrimonio Karl Lagerfeld per Chanel, l'abito "Flying Saucer" di Miyaki del 1994 , e un vestito da sera del 1969 Yves Saint Laurent, affiancate dalle rivoluzionarie tecnologie a taglio laser di Iris Van Herpen e le tecniche di stampa 3D.

"Quello che tutti questi esempi rivelano è il connubio mano-macchina nella creazione del processo creativo sia per l'haute couture che per il ready-to-wear." In attesa di poter godere a pieno di questo dialogo tra uomo, tecnologia e moda, siamo curiosi di visitare questa nuova mostra che si pone come paradigma della nostra era. Intanto lasciatevi coinvolgere dalle immagini di preview e preparatevi a un viaggio a New York dal 5 maggio.   

@fginyc

@noeliacollado_smoda

@voguejapan

Crediti


Testo Hannah Ongley
Immagine via Instagram