Lucia Pica è la truccatrice italiana che sta portando il make-up ad un nuovo livello

"Il make-up è uno strumento potente e anche un modo meraviglioso per migliorare la propria bellezza e avere più fiducia, ma non deve diventare una maschera dietro cui nascondersi".

di Anders Christian Madsen
|
21 novembre 2014, 8:35pm

In un momento come questo in cui il corpo è al centro di tutto, vale la pena ricordare a noi stessi qual è stato da sempre il punto focale a proposito di bellezza: il viso. È il modo in cui comunichiamo e anche la nostra prima chance per fare una bella figura. La make-up artist Lucia Pica fa parte del piccolo gruppo di persone responsabile dei cambiamenti del nostro tempo quando si parla di make-up, e la sua "face art" - perché è letteralmente arte - stabilisce il modo in cui oggi noi diamo forma e modelliamo le nostre facce per avere un look moderno, fare una certa impressione e dipingere il ritratto della nostra personalità. "Mi piace pensare che quando lavoro ci sia una certa armonia tra i colori e le texture, e che possa essere anche ricreata da una donna nella sua vita di tutti i giorni. Mi piace il fatto che ciò che faccio può ispirare chiunque voglia provare cose nuove e sperimentare nuovi prodotti per esprimere la propria bellezza", ci ha detto Lucia prima di scattare il suo servizio fotografico per i-D. " Le riviste di moda offrono una costante fonte d'ispirazione e mi piace l'idea che una donna possa vedere un look che ho creato e poi provare a ricrearlo da sola. Credo sia il modo migliore per scoprire delle cose nuove, come provare un colore più audace sulle labbra. Ti può far sentire potente." Il potere del viso si vede alla perfezione nei lavori più memorabili di Lucia, come il trucco di Jourdan Dunn per la copertina di i-D fotografata da Alasdair McLellan nell'inverno del 2011. Ve la ricordate? Jourdan aveva una maglia nera a collo alto su uno sfondo rosa e un'ombra dello stesso colore sotto gli occhi, segnati dall'eyeliner. Aveva le labbra tinte di un rosso opaco e lo smalto giallo. Per i-D Lucia ha realizzato anche la beauty story con Eliza Cummings nella primavera del 2013: una serie di occhi tratteggiati su un sfondo rosso intenso. "Tutti questi servizi ritraggono a pieno la mia idea di donna", dice Lucia. "Ovvero quel punto in cui la forza incontra la sofisticatezza con un tocco femminile."

Lucia è nata a Napoli nel 1976 e si è avvicinata al make-up sin da quando era molto piccola, osservando le abitudini quotidiane di sua madre . "Aveva sempre un rituale per applicare il rossetto e lo metteva pure sulle guance. Questa è un'abitudine che ho preso anche io". Come la maggior parte degli adolescenti, anche Lucia ha imparato a conoscere il make-up attraverso vari tentativi ed errori. "Quando avevo 16 anni mi truccavo tantissimo. Ogni giorno andavo a scuola con un look diverso. Dall'emo al look anni '90 fino al glam ispirato a Versace. Quando ero più giovane mi piaceva avere questo sopracciglio sottile tipicamente anni '90. Mi facevo le sopracciglia così tanto che alla fine non rimaneva più nulla. Forse questo è il pericolo quando si seguono le tendenze! Per fortuna non ho continuato."

Quindici anni fa Lucia si è trasferita a Londra per seguire il suo sogno, ovvero diventare una make-up artist. Un sogno che, come ci racconta, richiede la massima concentrazione, volontà e duro lavoro. Dopo aver frequentato un corso alla Greasepaint Make-up Academy, ha iniziato come assistente per fare esperienza. "Ho contattato tutte le più grandi agenzie e alla fine la mia tenacia è stata ripagata. Mi è stata offerta l'opportunità di lavorare con il team della make-up artist Charlotte Tilbury." Così ha lavorato nel team per qualche stagione prima di diventare la sua prima assistente per tre anni, e poi continuare da sola. Ora lavora con il team inglese di Chanel, un marchio che come ci dice "trascende il tempo e le generazioni." "Coco Chanel è stata una donna forte e fonte di ispirazione per tanti, e ha davvero aperto la strada a un tipo di bellezza che lascia trasparire una donna vera." Questa è la filosofia che caratterizza il lavoro di Lucia e la sua opinione sul ruolo che il make-up dovrebbe svolgere oggi. "Il make-up è uno strumento potente e anche un modo meraviglioso per migliorare la propria bellezza e avere più fiducia, ma non deve diventare una maschera dietro cui nascondersi", ci dice Lucia. "Nonostante il look può essere più naturale o più costruito, a me piace mantenere la modernità e il carattere della donna nel mio lavoro, perché come donna voglio essere in grado di relazionarmi con la donna che ritraggo. Amo da sempre i look di Isabella Rossellini, Nastassja Kinski in Paris,Texas, e Patty Pravo. L'idea è di non essere perfette, ma comunque stare sempre glamour e cool ". Nonostante possa sembrare una contraddizione per una make-up artist, l'amore per la bellezza naturale è alla base del lavoro di Lucia, ed è qualcosa che va oltre l'autorità del concetto di "bellezza". Lucia parla di sua madre come una delle sue più grandi maestre, sottolineando il suo amore per la semplicità. "Ha un ottimo modo di vedere le cose in modo semplice, senza complicazioni. Ha i piedi sulla terra, mentre io sono romantica e sogno in continuazione," dice, ridendo. In un mondo dove la moda e il mondo dello spettacolo chiedono sempre di più, Lucia dice che less is more. "A volte le donne hanno una visione sbagliata di se stesse e si truccano più del necessario. Penso spesso che sia possibile ridurre in modo significativo la quantità dei prodotti che si usano e avere comunque un effetto impeccabile", osserva Lucia. "Credo che anche il mercato ora sembra andare in questa direzione. Potete trovare fondotinta e correttori più leggeri, così come prodotti che promuovono il benessere della pelle, come ad esempio fondotinta minerali e polveri." Queste sono parole forti, se pensate che provengono da qualcuno il cui compito è truccare e decorare i nostri visi. Ma a volte la massima espressione personale si trova semplicemente dentro di noi. E su questo Lucia sarebbe senza dubbio d'accordo. 

@picalucia

Crediti


Foto Alasdair McLellan
Styling Jonathan Kaye
Make-up Lucia Pica
Testo Anders Christian Madsen
Capelli Anthony Turner da Art Partner.
Manicure Trish Lomax da Jed Root con prodotti Les Rouges Culte de Chanel e Body Excellence Hand Cream.
Assistenti fotografo Lex Kembery, James Robjant, Matthew Healy.
Assistente stylist Max Ortega Govela.
Assistente capelli David Harborow.
Assistente Make-up Siobhan Furlong.
Executive producer Lucy Johnson di Art Partner.
Production manager Graham McLoughlin.
Ritocco Output.
Modella Vanessa Axente di VIVA London.
Un ringraziamento speziale a Spring Studios.
Vanessa indossa esclusivamente Chanel Resort 15. Make-up Chanel Les 4 Ombres, Rouge Allure Lip Colour e Perfection Lumiere Velvet.

Tagged:
Chanel
Interviste
Μόδα
Alasdair McLellan
lucia pica
jonathan kaye