i cinque hairstyle più iconici della moda

Un marchio di fabbrica rende un editor o un designer immediatamente riconoscibile anche per chi non è ossessionato dalla moda. Qui abbiamo riunito le 5 acconciature più iconiche, con le illustrazioni di Naomi Otsu.

di Courtney Iseman
|
30 novembre 2014, 4:45am

Ci siamo chiesti se ci sia bisogno di un tratto distintivo per avere successo nel mondo della moda, e realizzando il fatto che i pezzi grossi del settore hanno tutti delle uniformi identificabili all'istante possiamo sostenere che è davvero così. Quindi, parliamo di capelli. Quando scopri di più su questi hairstyle iconici, capisci che sono nati più per un motivo pratico che estetico: questi personaggi infatti sono sempre impegnati e non hanno tempo di occuparsi dei loro capelli. Sono persone stilose di natura, quindi sanno cosa gli sta bene. Una volta trovato il proprio look l'hanno fatto diventare una routine che si incastra alla perfezione tra i loro infiniti appuntamenti senza bisogno di cambiare una virgola. In effetti, perché fare confusione con la perfezione?

Anna e il (Suo) caschetto: una storia d'amore

Nonostante non sia l'unica in questo settore ad avere lo stesso taglio da anni, pensare ad Anna Wintour senza il suo caschetto ci rende confusi e persino spaventati. La riconosceremmo? Come starebbe? Forse è semplicemente perché questa è l'unica acconciatura con cui conosciamo da sempre la regina della moda: lo porta da quando aveva 14 anni e le sta in modo impeccabile. È pratico, raffinato, elegante e perfetto; sempre sofisticato e intrinsicamente signorile. Cattura la sua personalità (quella pubblica) e il suo stile di lavoro. Per mantenerlo così impeccabile Anna fa una messa in piega al giorno, alle 6:45AM - il Telegraph riporta due pieghe al giorno durante la fashion week. È un bell'impegno.

Il ciuffo a banana di Suzy

Il fatto che la giornalista di moda Suzy Menkes abbia iniziato a portare il suo caratteristico ciuffo a banana solo per necessità, la rende -  se possibile - ancora più cool. La Menkes ha una visione geniale da offrire alla moda e comunque non si preoccupa troppo del suo look (è chic senza alcuno sforzo). Quell'acconciatura sembra dura da fare ogni mattina ma lei ha rivelato in un'intervista a i-D nel 2009 che la riesce a fare in un batter d'occhio anche mentre scende le scale. Questo ciuffo è stato inventato dall'hair stylist Pauline Beard del John Frieda di Londra perché la Menkes odiava il fatto che i suoi capelli le cadessero sugli occhi mentre tentava di scrivere. Un look nato dalla dedizione di una delle persone più diligenti dell'industria della moda.

Il codino di Karl

Karl Lagerfeld ha parlato del suo aspetto fisico come di una sorta di armatura, addirittura un costume. È una delle star più riconoscibili della moda, e il trucco più facile per raggiungere il suo look (che tanti ricreano per halloween) sta nel suo codino. Leggermente gonfio in alto e ingellato ai lati, fa di Karl l'unica persona in grado di rendere l'effetto mullet sofisticato. Lagerfeld ha iniziato a farsi il codino nel 1976 per tenere a bada i suoi riccioli, dei quali  - come ha dichiarato al magazine maschile M  - non amava neanche il grigiore. Ecco quindi come è nata quella chioma bianca che fa di lui una sorta di moderno Luigi XIV, che anche oggi non sembra per nulla fuori luogo.

Il biondo platino di Kate

A questo punto avete cominciato a capire come si fa? Se volete farcela nella moda, forse dovreste smettere di farvi quelle acconciature elaborate che vi fanno solo perdere del gran tempo prezioso e trovarvi uno stile incredibilmente cool che potete mantenere ogni giorno. Quarto caso in questione: Kate Lanphear. L'editor ha avuto successo nel mondo della moda grazie al suo occhio acuto e il suo talento innegabile, essendo stata la style director di Elle prima di ricoprire lo stesso ruolo al T: The New York Times Style Magazine e diventare ora editor-in-chief di Maxim. Il suo raffinato e semplice taglio asimmetrico, pensato su misura per la sua agenda piena di impegni, le dà un look da maschiaccio che mette in risalto i suoi incredibili lineamenti. Gli angoli asimmetrici e i riflessi biondi quasi bianchi mantengono un look fortemente moderno perfetto per la  sua routine in stile gotico-che-incontra-il-punk.

La scodella di Lynn Yaeger

Lynn Yaeger è una delle giornaliste più rispettate del settore, amata tanto per il suo humor e la sua onestà nei suoi articoli quanto per il suo look estroso e  modaiolo. Mentre sperimenta continuamente (e senza sforzo) indossando capi d'avanguardia, i suoi capelli e il suo make-up rimangono gli stessi, come una bambola che gioca a travvestirsi ogni giorno. La Yaeger ha creato uno dei look più riconoscibili della moda con i suoi pois di blush sulle guance, le labbra da bambola e il caschetto di un arancione intenso a forma di scodella. Nel 2005 Lynn ha scritto sul New York Times che il merito del suo caschetto va alla star del cinema muto Baby Peggy e alle prostitute parigine dell'anteguerra nelle foto di Brassai, spiegando che lo taglia ogni sei settimane da Monique Castiel a New York. La prima hair stylist, come dice la Yaeger, che ha capito cosa intendesse quando le ha chiesto "di farla sembrare l'orfana francese più vecchia del mondo, una del 1930 circa". Una richiesta tanto oscura e creativa in tipico stile  Yaeger.

Crediti


Testo Courtney Iseman 
Illustrazioni Naomi Otsu

Tagged:
Anna Wintour
Karl Lagerfeld
Hairstyle
Lynn Yaeger
suzy menkes
kate lanphear.