i 35 film più cool di sempre

Scelti per abiti, uniformi e costumi indimenticabili.

di Colin Crummy
|
27 febbraio 2017, 11:20am

1. Arancia meccanica, 1971
Malcolm McDowell veste i panni del folle bastardo leader dei Drughi, in bombetta, bretelle e stivali, un look che si è diffuso nella cultura pop degli ultimi 40 anni. Jean Paul Gaultier ha detto che questo film gli ha cambiato la vita; Kylie Minogue sul palco rese il suo omaggio con Droogie Nights.

2. Trainspotting, 1996
Nessuna casa di studenti degli anni '90 poteva dirsi completa senza il poster di Trainspotting con un giovane, gracile e fradicio Ewan McGregor. Lo stile del Britpop è stato catapultato sul grande schermo.

3. Fino all'ultimo respiro, 1959
Il film della nouvelle vague francese firmato Jean-Luc Godard dà a ogni Manic Pixie Dream Girl l'esempio perfetto impersonificato da Jean Seberg; i suoi capelli corti, le sue ballerine, i suoi pantaloni neri e la sua maglia a righe sono sopravvissuti a tutte le mode, come questo film che continua imperterrito a ispirare le nuove generazioni.

4. Più strano del paradiso, 1984
Il film perfetto per tutti coloro che desiderano emulare lo stile anni '80 del Lower East Side; il fatto che il regista Jim Jarmusch non abbia adottato un costumista ha aiutato a creare l'estetica sporca e autentica del film.

5. Quadrophenia, 1979
Mod vs Rocker, uno degli scontri di stile più iconici del cinema inglese. Le loro uniformi fatte di abiti sartoriali, cravatte sottili e parka era il vero stile di questa tribù giovanile.

6. Rushmore, 1998
Il film in cui Wes Anderson ha dimostrato che anche un'uniforme scolastica può essere un capo meraviglioso.

7. La Dolce Vita, 1960
A parte l'arcifamosa scena della fontana, il capolavoro di Fellini è stato ispirato dalla bellezza che in Italia ha mascherato la decadenza morale post-Seconda Guerra Mondiale. Tutto questo edonismo appare meravigliosamente corrotto.

8. American Gigolo, 1980
Richard Gere interpreta il ruolo di un prostituto in American Gigolo, il film che ha incarnato il sogno del consumismo sfrenato anche grazie alla classe e agli eleganti tagli dei costumi firmati Giorgio Armani.

9. Le iene, 1992
Quentin Tarantino ha trasformato il completo due pezzi nel simbolo un gruppo di ex truffatori. Quello di Harvey Keitel era un dono di Agnes B; gli altri erano vintage.

10. Blow-Up, 1966
Il mondo del fotografo David Bailey è stato d'ispirazione per questa visione drogata e senza speranza della Swinging London; secondo lo storico dell'arte Colin McDowell, questo film "mette il sesso nella moda".

11. In the Mood for Love, 2000
Il capolavoro romantico di Kar Wai Wong ha reso i cambi d'abito dell'attrice Maggie Cheung parte integrante della storia. Durante le riprese, la fase di trucco e parrucco durava oltre quattro ore: i suoi qipao cinesi erano fatti per catturare l'attenzione.

12. Drive, 2011
Grazie a questo film, Ryan Gosling è diventato un'icona di stile che ha dato al bomber in satin bianco e denim il rispetto che finora non aveva avuto.

13. A Single Man, 2009
Tom Ford ha mostrato come un solo fashion designer possa riuscire a vestire un intero film - e in modo davvero meraviglioso.

14. Fight Club, 1999
Presente in classifica per aver eliminato l'idea che Ikea possa essere considerato un ideale di design e per aver trasformato Brad Pitt in un seducente stronzo.

15. Boyz in the Hood, 1991
Questa favola per ragazzi prossimi alla maturità ambientata a L.A. è stata l'inizio una nuova tendenza nel cinema afroamericano, e con i suoi baggy jeans, pantaloni a vita alta e colori pop ha aiutato a definire l'estetica hip hop che resiste ancora oggi.

16. Kids, 1995
Quest'anno è stato il 20esimo anniversario di Kids, Supreme ha lanciato una capsule collection di magliette, felpe col cappuccio e abbigliamento da skater, testimonianza che lo stile street del film di Larry Clark mantiene viva la sua fama.

17. Fa la cosa giusta, 1989
Il regista Spike Lee ha descritto così l'estetica di Fa la cosa giusta: "Il look del film dovrebbe essere luminoso... un'accecante luce AFROCENTRICA!" È stato uno stile largamente copiato nella cultura pop, come in Willy, il principe di Bel Air.

18. L'odio, 1995
Lo stile parigino stereotipato implode in questa perla del cinema francese contemporaneo. Ambientato nelle banlieu, le giovani gang di L'odio indossano uniformi Everlast, e si ispirano più all'hip hop americano che alle sfilate parigine.

19. Rosemary's Baby, 1968
Un esempio di stile dei tardi anni '60, con Mia Farrow che interpreta una giovane innocente in baby doll, colletti alla Peter Pan e capelli di Vidal Sassoon. I look hanno amplificato l'aspetto horror del film.

20. Le Vergini Suicide, 1999
Sofia Coppola ha rievocato l'adolescenza femminile americana anni '70 nel suo tipico stile sognante. È un film che ha influenzato i collaboratori della regista come Marc Jacobs, e ogni teenager che l'ha visto - Tavi Gevinson ne è una grande fan.

21. Io e Annie, 1977
Al guardaroba maschile di Diane Keaton nella migliore commedia romantica di Woody Allen è stato attribuito il ruolo di aver riportato in auge l'androginia alla fine degli anni '70. Il look, come il film, è di una bellezza intelligente.

22. Shakespeare a colazione, 1987
Non è un film granché aspirazionale, dato che racconta di due attori falliti e poveri in canna. Le camice bianche e il tweed tipiche del film sono stati d'ispirazione della cultura pop sin da allora, da Margaret Howell ai Libertines.

23. Wall Street, 1987
Abiti gessati, spalline imbottite e colori aggressivi: l'uomo del classico anni '80 di Oliver Stone è arrivato a influenzare lo stile dei veri coglioni, ops scusate volevo dire banchieri, di Wall Street.

24. Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, 1981
Questa drammatizzazione della vita vera di un gruppo di giovani nella Berlino occidentale a base di eroina e prostituzione è disturbante, ma è anche un efficace documento dello stile dei ragazzi della città, con la colonna sonora di David Bowie.

25. Schegge di follia, 1988
Il potere estremo dello stile anni '80 domina nella scuola superiore in cui è ambientato il film, e i colori e gli abiti servono come elemento del racconto. Ogni personaggio del film possiede il suo personale colore, in base alla propria posizione sociale; la gerarchia della scuola nel suo complesso viene evocata attraverso le classiche uniformi delle ragazze stronze, degli sportivi e dei nerd occhialuti.

26. Dive per sempre, 1975
Un documentario basato sulla forza degli eleganti e strani abiti di 'Little' Edie: si sistema da sola il foulard, anche nel suo ermetico mondo in una fatiscente casa nell'East Hampton.

27. Paris is Burning, 1980
Paris is Burning è un documentario dedicato ai giovani che infrangevano le regole dello stile: la comunità queer nera e latina di Harlem che veniva soggiogata dalla moda e dai codici sociali degli americani bianchi e ricchi.

28. Ragazze a Beverly Hills, 1995
Giusto per citarlo, con 53 sfumature di plaid.

29. Blade Runner, 1982
Il futuro assomiglia a un inferno bagnato dalla pioggia. Il film di Ridley Scott Blade Runner è arrivato a imporre la sua influenza in ogni campo: dall'architettura alla moda, dalla pubblicità al design.

30. ll quinto elemento, 1997
Gaultier si è lasciato andare a una moda folle nel film che ha spazzato via i più cupi ritratti del futuro. L'indicazione del regista Luc Besson data a Gaultier per Zorg era semplice: "Dandy, nouveau riche, Hitler'.

31. Romeo + Giulietta, 1996
Baz Luhrmann ha turbato Shakespeare portandolo sul grande schermo con colori pazzi e saturi, l'iconografia tipica dell'America Latina e della generazione di MTV. Uno stile che ha determinato da allora il vibrante e irrequieto ritmo della giovane cultura televisiva.

32. The Tribe, 2015
In un film che racconta la storia di una gang di giovani criminali in un collegio per sordomuti ucraino, il regista Myroslav Slaboshpytskiy crea in modo molto raffinato un mondo sempre sorprendente di elementi visivi che catturano lo spettatore.

33. Donne sull'orlo di una crisi di nervi, 1988
L'esplosivo successo di Pedro Almodovar nella scena internazionale è anche dovuto allo stile Mediterraneo super colorato e all'estetica pop art che ha definito l'autore spagnolo a partire da questo lavoro in poi.

34. Laurence Anyways, 2012
È la storia transgender in stile new romantic di Xavier Dolan, che si apre come un video epic pop nello stile visionario dello scrittore, regista e costumista franco-canadese.

35. Edward Mani di Forbice, 1990
L'apice creativo di Tim Burton, il momento in cui il goth ha finalmente avuto un riconoscimento sul grande schermo.

Crediti


Testo Colin Crummy

Tagged:
Film
costumi
Moda
le liste di i-D