la collezione primavera/estate 16 di lacoste si ispira alle olimpiadi

Felipe Oliveira Baptista ha riunito gli stemmi nazionali per la passerella del brand francese a New York.

di Emily Manning
|
14 settembre 2015, 2:15pm

Per l'ultima stagione, il direttore creativo di Lacoste Felipe Oliveira Baptista ci fa viaggiare nella storia del brand francese rimanendo sempre sul campo da gioco, mescolando i capi da tennis anni '30 con le scritte anni '70. Ma ieri presso gli Spring Studios, lo stilista portoghese ha mostrato una collezione concentrata sul futuro. In particolare, sul 2016. "Vestiremo il team francese per le Olimpiadi della prossima estate a Rio, infatti questo mi ha ispirato molto, così tanto da creare un'intera collezione basata su questa idea," ha detto Baptista nel backstage.

Anche se è alla guida di Lacoste da cinque anni, Baptista ha iniziato solo di recente a usare grafiche di questo tipo. La primavera/estate 16 reinventa un elemento fondamentale della cerimonia di apertura: le bandiere. Dalla Svizzera al Giappone, Baptista ha analizzato vari emblemi nazionali e gli ha dato nuove forme - creando nuove fantasie geometriche comparse su polo e abiti leggeri. Le bandiere hanno anche ispirato la palette di colori usata per la collezione, composta soprattutto da tonalità primarie.

Nell'ultima stagione le silhouettes che sembrano fatte apposta per Richie Tenenbaum erano abbastanza minimali, ma le forme della primavera/estate di Baptista sono state influenzate da "l'idea dell'uniforme - vestiti dell'esercito e dell'aviazione," ha detto. Cinghie per paracadute, cinture e chiusure a cordoncino enfatizzano ancora di più la funzionalità e la versatilità della collezione: tute da aviatore aperte che diventano cappotti, e giacche a vento con strap da zaino. "Nel mondo di oggi, mi sento attratto da qualcosa che si possa adattare alle nostre vite," ha aggiunto il designer.

Mentre le tute da ginnasta anni '80 hanno inspirato Baptista a inserire dettagli di bende elastiche che danno la struttura agli abiti, la primavera/estate 16 era tutta dedicata a "un'eleganza rilassata e semplice," ha rivelato lo stilista. Questa tendenza è stata sicuramente rappresentata dal gruppo in passerella composto dalle cover star di i-D come Binx Walton, Mica Arganaraz, e Julia Nobis.

E per la cronaca, gli ibridi interculturali di Batista non si limitavano ai vestiti. Abbiamo scoperto Suzy Menkes ascoltare con attenzione la soundtrack della sfilata: un remix di No Type di Rae Sremmurd.

Crediti


Testo Emily Manning
Foto Jason Lloyd-Evans

Tagged:
New York
lacoste
Olimpiadi
felipe oliveira baptista
primavera/estate 16