Siamo stati a Miami per "Desigual Loves Different" e la sexhibition di Miranda Makaroff

Art Basel, la Florida e una mostra che vuole scardinare i preconcetti.

di i-D Staff
|
12 dicembre 2019, 9:28am

"Ho sempre voluto esporre la mia vagina all'Art Basel e ora quel sogno è diventato realtà." Così scrive l'artista spagnola Miranda Makaroff su Instagram, e non è uno scherzo. Solo che la vagina in questione è un'opera d'arte/castello gonfiabile e all'interno sono esposti capi i creati da Miranda in collaborazione con Desigual, oltre che una scultura che ritrae cinque donne durante un'orgia. Ma attenzione: non c'è spazio per la volgarità nel lavoro di Miranda, che propone invece un mondo sì rosa, ma ben consapevole della propria forza e determinazione.

1576078504637-Vagina_0039

L'intento di .avE, questo il nome della mostra, è quello di scardinare i preconcetti della società contemporanea, invitando l'osservatore (il cui numero si moltiplica all'infinito poi sui social media) a sentirsi liberi e vivere il piacere femminile senza doversi piegare a vecchi stereotipi. La capsule collection, creata interamente con tessuti biologici, prende intanto vita all'interno dell'opera, ed è caratterizzata da colori forti a contrasto, stampe dalle campiture piene e forme sinuose che si intrecciano sui diversi capi. Non si tratta della prima unione di forze tra il Desigual e l'artista, ma è sicuramente la più selvaggia. Le vagine non erano infatti presenti solo al Nautilus Hotel, spazio in cui Miranda ha esposto la sua opera, ma sono anche stampate su cappellini, camicie e pantaloni.

1576079024838-miranda-makaroff-revista59475

“Ci hanno sempre detto che Eva è stata la colpevole, ma dovremmo ringraziarla, dato
che fu la grande esploratrice del piacere. Il paradiso è una noia; è meglio stare sulla terra, con tutti i suoi vizi e contraddizioni," ha infatti spiegato l'artista commentando il suo ultimo lavoro per Desigual.

1576079595197-Vagina_0005

La collaborazione con Miranda fa parte del processo di rebranding iniziato circa due anni fa in casa Desigual con il rinnovo del logo e arrivato al suo apice durante Miami Art Basel 2019. Si tratta di un'operazione totale per il brand, che ha coinvolto aspetti diversi come design e comunicazione, soffermandosi sull'importanza delle partnership creative per far sì che un pubblico giovane e dinamico si avvicini sempre più al marchio spagnolo. E questo nuovo capitolo firmato Miranda Makaroff si inserisce proprio in questa narrativa: l'anno scorso un'altra versione di questa vagina era già stata esposta nella sua Pamplemousse, a Madrid, ma senza la presenza di un brand a renderne il concept ancora più d'impatto.

1576079735325-Influencers_0076-1

E se Desigual sembra pronto per questa nuova avventura all'insegna della libertà d'espressione più totale, noi non vediamo l'ora di sapere cos'altro ha in mente per noi.

Crediti

Testo di Amanda Margiaria
Fotografia di Aran Martinez Solana

Tagged:
Miami
Miranda Makaroff
desigual
art basel 2019
desigual loves different