ego, cocaina e morte: questa intervista a donatella versace è probabilmente la migliore di sempre

Di cosa parla? Dell'assassinio di Gianni, di rehab e del perché Donatella abbia sempre un quintale di trucco sul viso.

|
apr 10 2018, 2:04pm

Fotografia di Mitchell Sams

Donatella Versace indossava tacchi a spillo anche quando ha preso un aereo per il Meadows Premier Drug Rehab Center, un centro di riabilitazione per abuso di sostanze. Dopo 18 anni (o forse più) passati facendo uso di cocaina, Elton John le ha organizzato un ritiro di cinque settimane in Arizona per disintossicarsi. Sembra aver funzionato.

Queste e molte, moltissime altre informazioni riservate sull'iconica stilista Donatella Versace sono il centro dell'intervista "L'Epopea di Donatella" uscita oggi su SSENSE. Personalmente, i miei highlight di questa deliziosa chiacchierata sono:

  • Scoprire che Donatella fa 300 addominali al giorno, tutti i giorni. E ha 62 anni. Io ne ho 24 e dopo il quinto inizio a rantolare.
  • La sua idea per cui le donne "hanno bisogno degli uomini solo per qualche storiella d'amore e per rilassare il corpo."
  • L'industria della moda è tutto per lei, ma non ha intenzione "di farsi portar fuori dall'ufficio in una bara," perché vuole "scegliere da sola il suo successore." Quando si dice avere le idee chiare, eh?
  • Il palese fastidio di fronte all'ennesima domanda sulla sua famiglia, che esprime con un pacatissimo "c'è qualcun altro di cui vorresti parlare ora?" rivolto agli intervistatori.
  • Audrey non è un cane. Cioè, è il suo cane, ma Donatella non vuole che Audrey sia chiamata "cane". È una ragazza. Chiaro, no?
  • Ah, per Donatella è okay mentire ai giornalisti. Quindi tutto quello che avete letto finora su di lei e tutto quello che leggerete in futuro potrebbe essere completamente inventato.

Ovviamente nell'intervista si parla anche dell'epica sfilata Versace SS 18. La nostra review di quella che verrà ricordata come una delle passerelle più iconiche di questo decennio la trovate qui:

Crediti


Fotografia di Mitchell Sams
Testo Amanda Margiaria