Fotografia di Mitchell Sams

prada ha appena fatto diventare di moda targhette e stivali da pioggia

E intanto Miuccia conferma di essere molto, molto più di una designer.

|
feb 24 2018, 6:22pm

Fotografia di Mitchell Sams

Chi?
Da sempre, Miuccia Prada è molto più che una stilista. È una pensatrice, una donna che non si piega alle regole, un genio creativo che sfida convenzioni e norme socialmente accettate. Prima di prendere le redini dell'azienda e rivoluzionare non solo il suo brand, ma l'industria della moda tutta, la Signora Prada ha preso un dottorato in scienze politiche. Questa passione non l'ha mai abbandonata—nonostante negli anni '70 abbia scelto di allontanarsi dagli ambienti accademici e concentrarsi invece sulla società di pelletteria di proprietà della famiglia—e l'ha anzi spinta ad analizzare la relazione tra moda, genere e potere. Dall'invenzione dell'ugly chic negli anni '90 come critica alla piattezza stilistica dell'epoca alla scelta di far sfilare insieme womenswear e menswear, Miuccia Prada ha significativamente influenzato l'estetica dominante e il sistema stesso. Dopo aver dichiarato che "dobbiamo cambiare il mondo, e dobbiamo farlo specialmente per le donne, perché sono ancora molti gli ostacoli contro cui dobbiamo lottare" e dopo la sua collezione s/s 18 ricca di collaborazioni con artiste appartenenti a generazioni diverse, ieri Miuccia Prada ha presentato al pubblico un altro messaggio di cambiamento ed empowerment: le donne non dovrebbero essere sessualmente molestate in nessun caso, a prescindere da ciò che indossano. E se la s/s 18 era stata creata sulla scia della Women's March, questa nuova stagione pone invece le sue basi sul movimento #MeToo e sulla nuova consapevolezza della figura femminile nella società contemporanea. Le soluzioni sartoriali proposte dalla stilista hanno unito protezioni estreme a una femminilità altrettanto estrema, scegliendo pussy bow in colori fluo a contrastare capi in nylon tecnico imbottito o in tweed e abiti da cocktail con targhette incorporate.

Cosa?
"Ho immaginato una donna libera uscire la sera indossando un look super sexy senza sentirsi per questo a disagio" ha spiegato Miuccia Prada di fronte a una folla di editor e giornalisti. "Si tratta della libertà delle donne quando vogliono uscire durante la notte. Dico sempre che se una donna vuole uscire nuda, dovrebbe avere la possibilità di farlo. Fa parte della libertà individuale che qui ho voluto portare all'estremo." Essendo Prada parte dell'industria della moda, in passerella non abbiamo visto nudi, ma abiti da capogiro che inneggiavano alla libertà. In un collage di contrasti e dissonanze portentose, i capi da lavoro più utilitari hanno incontrato elaborati abiti da sera, stampe digitali e tessuti pregiati.

Dove?
Prada ha invitato i suoi spettatori ad arrampicarsi fino all'ultimo piano della Torre di recentissima costruzione presso la Fondazione Prada. Gli ampi finestroni arrivavano al soffitto, permettendo al pubblico di ammirare il paesaggio industriale tanto caro all'iconografia di casa Prada (pensiamo alle sue banane, fiamme, creature aliene e scimmie, ad esempio). Gli stessi motivi sono stati trasformati in GIF grazie alla collaborazione con GIPHY e Instagram annunciata dall'influencer Miquela, che nella realtà non esiste, dato che si tratta di una modella virtuale con 600k di follower su IG.

Wow!
Dal momento in cui Anok Yai—modella sudanese scoperta dopo che un suo scatto di streetstyle è diventato virale lo scorso anno—è uscita in passerella indossando un cappotto in nylon a maniche corte, fino a quello in cui Fran Summer ha chiuso la sfilata in colori neon, ogni singolo look è stato incredibile. È tornata la banda rossa che identifica Prada Sport, ma anche le scarpe adornate da fiamme della s/s 12: testimonianze del fatto che Miuccia Prada non ha paura di guardare al passato per lavorare al futuro della sua maison.

the Sudanese model who was discovered after her streetstyle image went viral late last year at the famed homecoming weekend at Howard University in Washington D.C. -- stepped out onto the black lacquered floors in padded nylon right through to Yorkshire-born Fran Summer closing the show in a flash of fluoro, there was so much wow. While the return of the red stripe of the once discontinued Prada Sport label and the reintroduction of the spring/summer 12 flame-kissed Hot Rod heels, once again proved that Miuccia Prada isn’t afraid to look back to move forward and meant that those of us who missed out the first time have a second chance.

Crediti


Fotografia Mitchell Sams

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.