naiade 2015: leonardo veloce trionfa al maxxi

Il vincitore della prima edizione della Photography Masterclass è un giovane fotografo di 20 anni con l'occhio allenato all'armonia.

di Eloisa Reverie Vezzosi
|
21 aprile 2015, 9:50am

Che la vera bellezza ferisse, l'avevamo già imparato dal maestro Mustafa Sabbagh. Che l'armonia, l'equilibrio e la raffinatezza vincessero, ce l'ha insegnato Leonardo Veloce. A unanimità, Leonardo è stato nominato il vincitore della prima edizione della Photography Masterclass del MAXXI di Roma, organizzata in occasione della mostra "Bellissima". Classe 1994 e proveniente dalla John Kaverdash School di Milano, il suo dittico "Naiade 2015" ha superato i lavori degli altri 10 giovani artisti. 

I 5 membri della giuria, composta dallo stesso Mustafa Sabbagh, Anna Mattirolo (Direttore MAXXI Arte), Maria Luisa Frisa (Direttore del corso di laurea in design della moda, Università IUAV di Venezia), Alessio Rosati (Responsabile MAXXI BASE), Giulia Pedace (Ufficio iconografico archivi e documentazione MAXXI B.A.S.E.) hanno dato alla loro scelta la seguente motivazione: "Conoscere la storia dell'arte per poterla far propria e magnificarla, o eventualmente dissacrarla. Nel dittico di Leonardo Veloce c'è armonia compositiva data da linee in equilibrio, pulizia cromatica, dettagli raffinati nel loro racconto di realtà: un muro usurato, il segno di un indumento che costringe, comunemente considerati imperfezioni ma, proprio per questo perfetti; c'è una composizione che si ispira all'arte ottocentesca, mandata in cortocircuito spazio temporale servendosi del topos classico dell'allegoria, traslato nel contemporaneo. Una Naiade che ha appena slacciato il reggiseno, un tubo di gomma al posto della brocca. L'occhio altrui è opinione ma la capacità di ricerca non lo è mai, è inattaccabile e per un artista sarà sempre il miglior punto di partenza e per il suo lavoro il più intelligente dei punti di forza."

Guarda il video della presentazione del vincitore qui.

Crediti


Testo Eloisa Reverie Vezzosi
Foto su cortese concessione del MAXXI di Roma

Tagged:
Roma
Fotografia
arte
MAXXI
mustafa sabbagh
leonardo veloce