Nessuno ha mai fotografato la scena drag di New York come Peter Hujar

I suoi profondi e spiazzanti ritratti congelano gli istanti che hanno definito la scena drag underground anni '70 della Grande Mela.

di Belle Hutton
|
16 febbraio 2021, 9:35am

“Peter era molto carismatico e affascinante, e anche molto complicato,” racconta di Peter Hujar il curatore e critico fotografico Vince Aletti. “Era qualcuno di cui molte persone si innamoravano, alquanto velocemente.”

Mentre ci parla al telefono dalla sua casa nell’East Village di New York—proprio dove, negli anni ‘70 e ‘80, Peter era suo vicino di casa e caro amico–Vince ricorda di aver incontrato il fotografo per la prima volta all’inizio degli anni ‘70 e di aver legato con lui grazie alle mostre d’arte e alla fotografia di moda. (Vince è un famoso collezionista, e il suo appartamento è conosciuto per essere strapieno di riviste, libri, fotografie ed ephemera, raccolte nell’arco di intere decadi e che, nel 2019, ha man mano inserito nella pubblicazione Issues, una storia della fotografia attraverso le riviste di moda curata proprio dalla sua vasta collezione personale.) “Ero ossessionato dal comprare ogni nuovo magazine, invece Peter non era così, ma ogni volta che cenavamo assieme, solitamente prima o dopo cena, finivamo a casa mia a guardare le riviste.”

Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Cockette [Beared Cockette], 1971 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra

Questa era della Downtown di New York è leggendaria: gli artisti, gli scrittori, i filmmaker e i musicisti che hanno popolato le sue strade sono diventati da creativi underground a vere e proprie icone. In questo panorama, Peter è riuscito a catturare l’essenza di questa decade e la fiorente cultura queer della città. La sua carriera, definita da fotografie impegnate e ricercate, è stata scandita da momenti di grande cambiamento per la città. Dopo Stonewall nel 1969, gli anni ‘70 sono stati segnati dai primi Gay Pride e dalla nascita di movimenti queer sempre più pervasivi e impegnati, mentre gli anni ‘80 hanno visto l’avvento dell’epidemia da AIDS che ha devastato la comunità LGBTQ (e che portò alla morte del fotografo nel 1987). Durante questi lunghi decenni, Peter ha documentato l’unicità di una città che non conosce compromessi, con immagini che ritraggono artisti underground, membri di subculture emergenti, animali, natura, paesaggi e, naturalmente, sé stesso.

Ma la ritrattistica di Peter—pubblicata nel rinomato volume Portraits in Life and Death (1975), l’unico libro pubblicato quando era in vita—si è estesa molto oltre il suo studio, allestito nel suo appartamento. In una nuova mostra alla Maureen Paley, oltre ai suoi autoritratti, agli scatti di amici artisti e del suo amico David Wojnarowicz, e ai suoi celebri ritratti in studio, è presente una selezione di immagini che ci trasporta nei backstage dei teatri, club e cabaret di New York. È qui che Peter si avventurava per scattare i performer prima e dopo i loro show, mentre si applicavano o toglievano il pesante trucco, rivelando le sfaccettature dei propri personaggi.

Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Drag Queen in Fashion Pose (Cockette Link Martin), 1971 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra

Vince ci spiega che Peter trovava la fiorente cultura underground dei teatri estremamente coinvolgente. “Peter era alquanto affascinato da quella che era, in un certo senso, la nonchalance e rilassatezza dei teatri della downtown—avevano un’estetica totalmente diversa da quella di Broadway. Credo che amasse l’artificiosità ma anche l’ironia e la giocosità delle compagnie teatrali come la Ridiculous Theatrical Company di Charles Ludlam. Inoltrandosi nel backstage di questi eventi, Peter ha portato quell’artificiosità oltre, permettendoci di scoprire i retroscena dei teatri, lontani dal palco e dalla folla.” Ludlam e altri artisti d’avanguardia del Theatre of the Ridiculous hanno avuto il coraggio di sovvertire le convenzioni legate alla performance, incorporando elementi che shoccassero e stimolassero l’audience al tempo stesso: da folli improvvisazioni a costumi stravaganti, fino a trame satiriche ambientate in set surreali. “Gli spettacoli erano spesso molto alla buona e molto rilassati, eppure sempre molto acuti,” afferma Vince.

Il drag era un elemento chiave di questi spettacoli. “In uno degli scatti di Peter che mi piace tanto, vedi solamente le gambe pelose di questo uomo, che indossa tacchi e calze a maglia, Questo tipo di scarto; l’umorismo che vi sta dietro, ma anche le qualità erotiche e sensuali dell’immagine sono davvero molto interessanti,” afferma Vince. “Queste erano persone che giocavano con le convenzioni di genere e di identità in un modo che credo abbia sempre interessato Peter. E questa era la metà degli anni ‘70, quindi era molto precoce come tipo di sensibilità, e credo anche che sia per questo che questi lavori appaiano così rilevanti ancora oggi.”

Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Larry Ree Backstage, 1973 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra

Peter ha spesso esplorato il drag con la propria fotografia ed era solito scattare alcuni performer più e più volte; nomi come Ethyl Eichelberger e John Heys, icone della scena di quegli anni. Nella mostra presso Maureen Paley, vediamo anche Mario Montez, Larry Ree, Charles Ludlam, e The Cockettes in giocosi e intimi ritratti, certe volte nei backstage e certe volte nello studio. Questi membri dell’avanguardia del teatro hanno sovvertito le convenzioni di genere (o, nel caso di The Cockettes—la troupe nata a San Francisco che includeva figure come John Rothermel e Hibiscusle hanno completamente scardinate). Negli anni ‘70, gli spettacoli erano di nicchia e si sostenevano grazie ad una fitta rete di gruppi di performer e una stretta ma fedele audience; solamente una decade più tardi il proprio stile sarebbe entrato nelle sfere di altri teatri newyorkesi. Attraverso le lenti di Peter, che ha congelato quei primi anni, vediamo un inedito lato della loro arte.

Queste fotografie di backstage e i suoi ritratti di artisti creano interessanti dicotomie. Dove inizia e dove finisce lo spettacolo? Vince osserva che il fotografo ha cercato di "trascendere la facciata" dei propri soggetti, e questi scatti lo dimostrano. "Penso che tutti i ritratti implichino un certo tipo di performance e Peter era molto interessato ad andare oltre—vedere le persone per quello che erano oltre il trucco, attraverso il costume, al di là di qualunque atteggiamento potessero avere." Il regista e attore John Heys, che ha recitato in spettacoli rivoluzionari degli anni '70 come il Palm Casino Review insieme a personaggi del calibro delle superstar di Warhol Candy Darling e Jackie Curtis, è stato spesso fotografato da Peter. "Sapevo di non poterlo ingannare. Non ho mai potuto mettere l'artificio davanti a lui. Poteva vedere attraverso di me,” ha detto John nel 1989.

Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Black-Eyed Susan (Backstage at Camille), 1974 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra

Tratto avvincente della vasta produzione fotografica di Peter, i ritratti incarnano anche ciò che il curatore Joel Smith afferma essere al centro del suo lavoro. "Le fotografie di Hujar monumentalizzano momenti, esseri, vite e sottoculture che altrimenti sarebbero scomparse nel tempo,” scrive in Speed ​​of Life, il libro pubblicato per accompagnare la celebre mostra itinerante omonima del 2018. "Il suo soggetto sono chi vive—per semplicità animale o ironia fatalista o suprema indifferenza—alla velocità della vita, al tempo presente, senza essere distratti da speranze, ansia o nostalgia." O, come ha detto lo stesso Peter: "Fotografo coloro che si spingono verso qualsiasi estremo e le persone che si aggrappano alla libertà di essere sé stesse.”

Peter Hujar doveva aprire presso Maureen Paley l’8 febbraio 2021, ma verranno condivise altre date a causa delle nuove restrizioni per il contenimento della pandemia da Coronavirus.

Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Drag Actress Backstage with Fan - Palm Casino Revue, 1974 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra
Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Charles Ludlam backstage at “Galas”, Ridiculous Theater Company, 1984 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra
Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Mario Montez Backstage at the Palm Casino Revue, 1974 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra
Il fotografo Peter Hujar e la scena drag underground di New York degli anni ‘70
Divine, 1975 © 1987 The Peter Hujar Archive LLC, courtesy di The Peter Hujar Archive e Maureen Paley, Londra

Crediti

Tutte le immagini courtesy di The Peter Hujar Archive LLC e Maureen Paley, Londra

Leggi anche:

Tagged:
LGBT+
New York
DRAG
drag queens
Peter Hujar