I 9 look più iconici di RuPaul's Drag Race

Da Violet Chachki a Bimini Bon Boulash, Drag Race da sempre attinge e al tempo stesso influenza l'ecosistema della moda. E questi look lo dimostrano.

di Tom George
|
11 marzo 2021, 8:56am

Still da RuPaul's Drag Race UK

Drag e moda hanno sempre avuto una relazione simbiotica, dal vogueing—la danza che mima le pose degli editoriali di moda—alla mostra del 2019 presso il Met Gala, Camp: Notes on Fashion. Gli artisti drag creano delle caricature di ciò che vedono nelle sfilate, sui red carpet e all’interno delle pagine delle riviste e, viceversa, molti designer di moda come Gaultier e Jeremy Scott si sono spesso dichiaratamente ispirati alla teatralità, irriverenza e sovversione della cultura drag.

Fin dall’inizio della rinomata competizione RuPaul’s Drag Race, nata ormai ben 12 anni fa, la linea di confine tra questa pratica artistica e l’industria della moda ha continuato sempre più a offuscarsi. Stagione dopo stagione, le sfide hanno spinto le queen a creare look upcycled o addirittura a inscenare la sfilata S/S 99 di Alexander McQueen—quella in cui braccia robotiche imbrattavano il candido abito indossato da una Shalom Harlow rotante, per intenderci. E, anche dopo la competizione, quelle stesse queen hanno camminato per Savage X Fenty e Moschino, sono state le star di campagne Prada e hanno curato collezioni per Opening Ceremony.  

Così, per celebrare il multiverso in continua espansione che è Drag Race e il suo contributo alla cultura della moda, abbiamo selezionato nove dei più iconici look che hanno fatto breccia e dominato sull’intera serie.

Ecco quindi i 9 look più iconici di RuPaul’s Drag Race:

Il look di Gigi Goode per la sfilata Black Wedding, stagione 12 di RuPaul’s Drag Race

“Non scarterei mai un mio look,” ha affermato Gigi Goode quando i-D le ha chiesto quale tra i suoi outfit, guardando indietro alla stagione, avrebbe a posteriori scartato. Una risposta che ha assolutamente senso, dato che Gigi non ha mai solcato la famosa passerella di Drag Race senza mostrarsi in (e mostrarci) look incredibilmente precisi, raffinati e perfettamente confezionati. Dalla sua macchietta di una teenager depressa anni ‘80 vestita per il ballo del liceo (il suo look preferito) fino alle reference dal mondo di Heathers o Scooby Doo, è sbalorditivo pensare che la maggior parte dei suoi capi siano stati confezionati a Los Angeles proprio da sua madre. Eppure, se c’è un momento firmato Goode che ci ha letteralmente tolto il fiato, è sicuramente quando ha sfoderato l’outfit per la sfilata Black Wedding, con la sua aurea mistica ed eterea, disegnato da Dallas Coulter. Mixando seta e tulle in una silhouette che rendeva omaggio al New Look di Christian Dior, questo è esattamente l’abito che Christine Quinn avrebbe sognato di poter indossare per il proprio matrimonio.

I migliori look di RuPaul's Drag Race secondo i-D
Still da RuPaul's Drag Race

Il look di Raja per la sfilata Fabulous Drag, stagione 3 di RuPaul’s Drag Race

La fashion queen di Drag Race per eccellenza, Raja, è diventata famosa per i suoi cenni all’alta moda e il suo stile iper-riconoscibile, che molte delle altre concorrenti non hanno saputo apprezzare in quei fatidici mesi del 2011. Con anni di esperienza come makeup artist per Pamela Anderson, Twiggy e Tyra Banks, Raja ha creato abiti ispirati a Vivienne Westwood, un look Carrie intriso di sangue, e, ovviamente, questo iconico look sull’aria di Maria Antoinetta. Con perle che si fanno strada dai capelli fino alla base del collo e con guanti di velluto di seta, il look—ispirato all’adattamento di Sally Potter dell’Orlando di Virginia Woolf—sarebbe stato perfetto per il Met Gala del 2020 2021(?).

Il look di Yvie Oddly per la finale, stagione 11 di RuPaul’s Drag Race

Sono le creature mostruose e mutaformi—tra cui meduse, leoni cybernetici e dinosauri—della queen di Colorado ad aver reso Yvie Oddly una delle figure più complesse e intriganti di tutta l’undicesima stagione di Drag Race. Il lip-sync finale della competizione è diventato nel tempo sinonimo di look esagerati per nascondere escamotage a effetto sorpresa (tipo questo), e in questo Yvie è stata capace di scioccare la giuria, senza mai compromettere il suo gusto in fatto di vestiti. Questo abito incredibile, abbellito da fasci muscolari imperlati, è un esempio magistrale dello stile Oddly—teschio fratturato, compreso.

Il look di Naomi Smalls per la sfilata Angelic White, stagione All Stars 4 di RuPaul’s Drag Race

Un tributo a Prince e al suo iconico look, ormai passato alla storia per la leggendaria camicia di pizzo, i capelli pompadour e la chitarra elettrica del video del 1984 di Purple Rain. “Volevo che Erotic City prendesse vita,” ha affermato Naomi quando ha spiegato il suo look, “anche in paradiso, sono fott**amente sexy.” Ovviamente, in un omaggio a Prince non può mancare qualche connotazione erotica, e infatti così è stato anche nel caso di Smalls. Due stagioni di sfilate folli e provocatorie sono culminate nell’ascesa di Naomi Smalls—nome che unisce quello della leggendaria supermodella e del suo rapper preferito, ovviamente—a star favorita della competizione in fatto di stile e moda.

Il look di Aquaria per la sfilata Mermaid Fantasy, stagione 10 di RuPaul’s Drag Race

Solitamente, la prima cosa che viene in mente quando si pensa a una sirenetta non è un pesce mostruoso coperto di melma con mani palmate e una pinna sfibrata. Aquaria, invece, ha riscritto la narrazione mitizzata della sirenetta in chiave grottesca e noir, sviluppando una subdola critica al sistema capitalistica che sta sempre più legittimando la distruzione dell’ecosistema marino, inquinandolo di plastica e benzina e intaccandolo a causa degli allevamenti intensivi. Questo messaggio si è incarnato in una patina di silicone che sgocciolava lungo il collo e il petto dell’artista—creata da Ssik Kiss (che riconoscere subito perché ha lavorato anche ai look dell’era Chromatica di Lady Gaga)—e nelle lacrime blu fluo che annegavano gli occhi di Aquaria. “Mostro una sirenetta praticamente in fin di vita, ma nel modo più editoriale possibile,” ha raccontato l’artista. E così ha fatto.

Il look di Symone per la sfilata Trains For Days, stagione 13 di RuPaul’s Drag Race

L’attuale stagione di Drag Race US ha molte fashion queen tra le sue fila. Ma a oscurare tutte è sicuramente la performer di LA Symone, i cui look da sfilata diventano l’occasione per celebrare la moda Black ogni singola settimana. Vediamo un due pezzi ingioiellato, perline per i capelli che compongono il suo nome, tributi a Diana Ross e ovviamente una rivisitazione dell’abito di polaroid indossato da Gisele Bundchen. Per la sfilata a tema Trains For Days il durag di seta azzurra di Symone si faceva strada con decisione sul palco, segnando la sua falcata sulla passerella. Disegnato da uno dei creativi preferiti di Lizzo, Marko Monroe, questo look ha segnato la prima volta in cui un durag è apparso nella competizione, e la giuria ne è rimasta incredibilmente affascinata.

Il look di Violet Chachki per la finale, stagione 8 di RuPaul’s Drag Race

Ma torniamo per un secondo all’Orpheum Theatre di Los Angeles, dove Violet Chachki ha vinto la settima stagione. Con riferimenti alle subculture fetish che hanno fatto letteralmente urlare “oh my gawd” ad Ariana Grande, Violet non ci ha sicuramente delusi, indossando un abito total black pesantemente ricamato di motivi bucolici, con annessi alcuni insetti che brulicavano sulla loro pelle diafana.

Il look di Shea Coulee per la sfilata Love The Skin You’re In, stagione All Stars 5 di RuPaul’s Drag Race

Il body aerografato in trompe l'oeil interamente cosparso di cristalli Swarovski. Una palese ode al dipinto rinascimentale La Nascita di Venere di Botticelli. Riprendendo la storia della dea romana che emerge dalle acque come donna adulta, Shea si presenta totalmente nuda, a parte i gioielli dorati sul collo e sui polsi, in quella che può essere letta come una vera e propria celebrazione della bellezza Black. “Amare la pelle che abito è un concetto che sono riuscita ad accettare dopo tanto tempo,” ha annunciato su Instagram la vincitrice di All Stars 5 e modella di Savage X Fenty. “Mi è stato detto di essere troppo scura, che i miei capelli erano troppo crespi, che fossi troppo femme per essere considerata bella. Così, per questa sfilata, ho voluto celebrare la bellezza Black in tutta la sua completezza.”

Il look di Bimini Bon Boulash per la sfilata Preherstoric, stagione 2 di RuPaul’s Drag Race UK

Durante la stagione di Drag Race UK attualmente in corso, la queen dell’East London ci ha letteralmente fatto innamorare della sua estetica punk rock, dei suoi riferimenti ricercati e della sua ironia spiccata. Dai tributi a figure iconiche come Princess Julia ai look vittoriani, fino alle caricature esilaranti di Katie Price, non abbiamo potuto far altro che ammirarla a bocca spalancata. Poi però c’è stato il momento in cui, in occasione della sfilata a tema Preistoria, Bimini ci ha offerto un look ispirato niente meno che la madre di ogni forma vivente: un organismo unicellulare. Mentre fluttuava sulla passerella, i volant dell’abito ondeggiavano sinuosamente—un palese tributo alla moda di Iris Van Herpen—, rendendo questo momento uno dei più sognanti e onirici dell’intera serie.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Tagged:
DRAG
DRAG QUEEN
RuPaul's Drag Race
look iconici