Fotografia di Paolo Testa

10 voci italiane per capire meglio che cosa diavolo sta succedendo nel mondo

E cioè 10 profili Instagram di cui attivare le notifiche per capirci qualcosa nel marasma di informazioni da cui siamo inondati ogni giorno.

di Sumaia Saiboub
|
05 giugno 2020, 10:19am

Fotografia di Paolo Testa

Sono giorni carichi di tensione. Lo sentiamo ovunque, sui social, nei notiziari e per le strade.

La morte di George Floyd è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Dal 25 maggio le proteste innescate dalla sua morte si sono diffuse in tutta l'America e si sono estese anche oltreoceano, arrivando in tutte le parti d'Europa, inclusa l'Italia. Perché il razzismo sistematico non è un problema che riguarda solo gli Stati Uniti, ma l'intera cultura Occidentale, dove le voci della comunità di colore vengono silenziata da secoli. È il momento di farle sentire tutte, di ribaltare un sistema che ha interiorizzato meccanismi discriminatori, di sradicare uno a uno i bias che ci hanno portati fino all'estremo.

Per farlo bisogna agire tutti insieme, a livello di comunità: scendere in piazza a protestare -- con le dovute precauzioni generali e specifiche per via della pandemia in corso --, donare se possiamo e, ancora prima di tutto questo, informarsi, condividere il sapere e farlo circolare. Perché acquisire un background culturale solido significa acquisire consapevolezza e lucidità nello sguardo, significa saper mettere le cose in prospettiva tra passato e presente, significa porre le basi per la costruzione di un futuro equo, paritario e libero.

Quindi studiate, studiate, studiate. Ma è di cruciale importanza come e dove scegliete di farlo. Affidarsi a fonti autorevoli e interne alla comunità che vogliamo sostenere è fondamentale per essere un ally solidale e supportante, trasformando il proprio privilegio da arma d'oppressione a cassa di risonanza di una battaglia che non è di tutti ma che riguarda tutti, che ha bisogno di tutti. Un cambio di paradigma radicale e globale.

Rimanere informati sulla storia del razzismo e sull'attualità del razzismo in tutto il mondo non è scontato, soprattutto se la miccia di questa rivolta è scattata oltreoceano, da dove ci arrivano spesso notizie tramite canali non affidabili, intrise di bias e deformate da un filtro edulcorante. A queste si accosta il materiale grezzo che circola direttamente in rete e diventa virale, all'interno di un ambiente informe di materiali foto e video, dove immergersi senza avere gli strumenti critici per vagliare i contenuti potrebbe essere altrettanto deleterio.

Se vi sentite travolti da tutta questa situazione, è normale. Trasformate questo sentimento in energia, fate ordine tra le notizie e agite. Per questo abbiamo deciso di consigliarvi 10 profili Instagram italiani da seguire, dove acquisire informazioni affidabili e capire meglio che cosa diavolo sta succedendo nel mondo.

Bellamy

Bellamy, in arte Dark Choccolate Creature, è una content creator di fashion, make-up e lifestyle impegnata nella divulgazione di informazioni e riflessioni che riguardano la comunità afroitaliana -- e ha anche fondato una piattaforma digitale dedicata all'argomento, Afroitalian Souls. Seguirla ci ha fatto capire che l'antirazzismo è una battaglia da combattere ogni giorno e in ogni aspetto delle nostre vite, in piazza ma anche nel nostro intimo. Il rapporto con noi stessi e con gli altri passa infatti attraverso una serie di concetti che è arrivato il momento di smantellare, come le discriminazioni implicite nell'ideale di bellezza dominante, fino agli episodi di emarginazione e violenza istituzionalizzate. Sul profilo di Bellamy troverete questo tipo di notizie e riflessioni, affrontate da un punto di vista internazionale in rapporto dialettico con uno sguardo specificatamente italiano. In questi giorni il suo profilo è fondamentale per capire meglio che cosa sta succedendo in America e nel resto del mondo e in che e modo riguarda anche noi.

Nadeesha D. Uyangoda V.

Nadeesha Uyangoda è una giornalista freelance di origine srilankese. Scrive di identità, immigrazione e seconde generazioni. Quindi, per capire come e dove informarsi, questo è il profilo giusto. Negli highlights del suo profilo Instagram troverete intere sezioni dedicate a materiale per ampliare la vostra conoscenza della storia del razzismo da diversi punti di vista e attraverso diversi medium, tra libri, documentari, serie tv. Ma nel feed di Nadeesha ci sono anche pagine della sua vita privata, perché per lei è importante offrire uno sguardo intimo e personale, di chi sa davvero che cosa vuol dire vivere in una società discriminatoria. Le sue riflessioni aiutano infatti a capire che cosa significhi essere una persona di colore oggi e come il razzismo si sviluppi in modo silenzioso all'interno della quotidianità e della cultura, come spiega bene in questo articolo.

Igiaba Scego

Igiaba Scego è una scrittrice afroitaliana esperta di comparativismo culturale e transculturalità. Questo è il profilo definitivo se volete ripartire dal giorno 0 del razzismo e ripercorrerlo tutto fino a oggi, acquisendo conoscenze storicamente fondate e prospettive dal respiro globale. Perché il significato di razzismo è uno solo, ma si manifesta in una moltitudine di modi a seconda del contesto storico, politico, sociale, culturale e geografico in cui si innesta. Se è importante conoscere la propria specifica situazione, lo è altrettanto informarsi anche su quelle lontane da noi, così da comprendere in che modo possiamo imparare dalle conquiste e dagli errori degli altri, agendo in un'ottica comunitaria per rendere il mondo un posti migliore facendo ognuno la propria parte. Tra foto d'archivio e lunghe didascalie, il feed di Instagram di Igiaba racconta tutto questo attraverso le storie di uomini e donne ner* del passato e del presente, dell'Italia e di ogni parte del mondo. Vi consigliamo vivamente di leggere il suo ultimo libro, La Linea di Colore: "Un romanzo di formazione dalle tonalità ottocentesche, nel quale innesta vivide schegge di testimonianza sul presente, e ci racconta di un mondo nel quale almeno sulla carta tutti erano liberi di viaggiare: perché fare memoria della storia è sempre il primo passo verso il futuro che vogliamo costruire."

Espérance Hakuzwimana

Espérance Hakuzwimana è una scrittrice e attivista culturale. Per imparare l'ABC del razzismo e delle problematiche quotidiane della vita degli afroamericani e degli afroitaliani, attivate subito le notifiche dei suoi post. In questi giorni sta parlando della situazione condividendo informazioni utili per rimanere aggiornati e offrendo la sua personale prospettiva, perché è importante dare valore a ogni singolo individuo di questa battaglia, portatore della propria storia. Un altro motivo per seguirla? In quanto scrittrice, consiglia una quantità di libri sul razzismo e sull'attivismo che vi basteranno per un bel po', a partire da questo articolo. Ma se il suo feed non vi basta e volete leggere altre cose di lei per approfondire determinati topic, qui trovate tutte le piattaforme in cui scrive e questo è il suo libro E poi basta. Manifesto di una donna nera italiana.

Victoria Oluboyo

Victoria Oluboyo è attivista per i diritti della comunità nera, femminista, autrice di un suo blog in cui scrive tutto quello che pensa senza peli sulla lingua e co-fondatrice del progetto antirazzismo I'm Still Alive -- insieme ad Abril. Se volete un'informazione che sia schietta, diretta e senza edulcoranti, siete sul profilo giusto. In questi giorni in particolare si sta dedicando a che cosa sta succedendo negli Stati Uniti e a come si stanno sviluppando le proteste, quindi se volete fare un recap degli ultimi giorni e tenervi aggiornati quotidianamente, vi basta andare negli highlights del suo profilo Instagram e guardarvi le sue storie. Ma, prima ancora della morte di George Floyd, si è sempre occupata di razzismo e dei suoi meccanismi, di politica estera, attualità e immigrazione, quindi tra i suoi scritti sulle varie piattaforme troverete molti contenuti anche su questi temi -- come questo articolo che vi consigliamo --, così da avere una visione a 360° della questione. Se volete approfondire ulteriormente, andate sul suo blog o affidatevi alla selezione di libri che vi consiglia in queste Instagram stories.

Abril K. Muvumbi

Abril Muvumbi si occupa di diplomazia e relazioni internazionali, e lo fa nel lavoro, nella vita di tutti i giorni e anche sul suo profilo Instagram, dove riversa le sue competenze altamente specializzate nel settore. A proposito di fondi autorevoli e strutturate, lei è decisamente una di queste. Ma non aspettatevi di trovare post fluviali in linguaggio giuridico pieno di tecnicismi: sul suo profilo Instagram si impegna nella divulgazione di informazioni chiare, complete e accessibili. Il suo focus è da sempre l'antirazzismo -- come in queste Instagram stories --, spiegando come essere un buon ally -- che non è scontato -- e come educare la nostra comunità in questo senso. Per questo è la co-fondatrice, insieme a Victoria, di I'm Still Alive . Negli ultimi giorni, anche lei si è concentrata a spiegare la complessa rete di dinamiche interne e internazionali in cui si inserisce il razzismo negli Stati Uniti. Insomma: scrollare le sue storie è come avere una panoramica completa della questione.

Oiza Q. Obasuyi

Oiza Obasuyi è una studentessa di Global Politics che si dedica ad approfondire la storia e gli sviluppi presenti del razzismo e anche dell'immigrazione. Per questo il suo profilo ha uno sguardo d'insieme che tiene conto del modo in cui le specifiche situazioni locali si influenzano, si legano e si rapportano, studiando le tipologie di dinamiche che si innestano. Tranquilli, non troverete post di difficile lettura, anzi, Oiza si dedica a una divulgazione facilmente accessibile, spesso accompagnata da materiale foto e video. Così i suoi studi diventano uno spunto per capire quali sono i temi di cui c'è ancora bisogno di parlare e i bias su cui lavorare, trasformando le sue nozioni accademiche in strumenti per agire concretamente nella società. Quando siete sul suo profilo, preparatevi ad aprire decine di tab, perché è una fonte continua di risorse sul razzismo, tra cui libri, piattaforme, profili e siti -- li trovate tutti qui.

Elide Lattuca

Elide Lattuca scrive, racconta e documenta la storia e la quotidianità della comunità afroamericana. Lo fa da tempo, da molto prima che la morte di George Floyd desse una scossa al mondo intero facendolo finalmente scendere in piazza a protestare. Per acquisire la consapevolezza necessaria a manifestare in modo efficace, in quanto membri della comunità specifica o ally, il suo profilo vi darà tutte le info che vi servono. Inoltre, conoscere tanto i traguardi quanto le ferite del passato passato della lotta contro il razzismo è importante per capire quali sono le conquiste da difendere e quelle ancora da ottenere. Sul suo feed di Instagram Elide racconta le storie degli attivisti impegnati in prima linea negli anni Sessanta, da cui prende le mosse per ripercorrere come la lotta per i diritti delle persone nere è cambiata nel corso del tempo, nelle modalità e negli obiettivi, fino a oggi.

Afroitalian Souls

Afroitalian Souls è una webzine dedicata ai figli della diaspora africana in Italia. Questo profilo è come un mosaico composto da tanti tasselli di singole storie e voci personali, che insieme vanno a formare una comunità in cui riconoscersi, in cui ciascuno può trovare il proprio spazio e venire valorizzato. Il taglio del progetto è quindi principalmente sociale culturale, per educare la community sul concetto di appropriazione culturale e sulla cultura afro in toto, liberandola dei soliti pregiudizi e facendoci scoprire aspetti che rimangono ancora marginali. E è assurdo che sia così in un mondo in cui le informazioni circolano apparentemente ovunque con estrema facilità -- ma a quanto pare non è davvero così, e la millantata democrazia della rete sembra essere solo un'illusione. Seguite questo profilo per conoscere vicende personali ed esperienze condivise, com'è la quotidianità spesso difficile dei giovani afroitaliani e proposte di visione diverse dalle solite che predominano sui social media. Trovate tutto questo anche sul loro canale YouTube.

#ImStillAlive

Creata da tre amici a poche ore di distanza dall’uccisione di George Floyd, questa pagina vuole ricordare tutte le persone che sono state uccise in circostanze simili e con l'unica colpa di avere la pelle di un colore diverso. A queste storie si accompagnano riflessioni sui meccanismi del razzismo di ieri e di oggi, con un punto di vista globale, inclusivo e storicamente consapevole. In questo momento è infatti importante ricordare che quello di Minneapolis non è stato un caso isolato, ma l'ennesimo episodio di una violenza che si protrae da da secoli e in tutto il mondo, e che ora dobbiamo impegnarci tutti per fermare.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Ecco altre cose che puoi fare: