Bottega Veneta alla conquista di Londra e Detroit!

La maison italiana ha realizzato una serie di iniziative in entrambe le città, tra shop, sfilate esclusive e il nuovo spazio creativo "Bottega Firehouse".

di Mahoro Seward, e Osman Ahmed; traduzione di Diletta Culla
|
25 ottobre 2021, 11:06am

A Londra c’è una nuova destinazione per lo shopping di lusso. Se Selfridges, Browns e la boutique di Gucci non fossero già abbastanza, sicuramente il nuovo progetto firmato Bottega Veneta vi convincerà a prenotare un weekend nella capitale inglese. Questa settimana, infatti, la maison italiana è atterrata sul suolo londinese occupando uno spazio industriale presso 6 Redchurch Street.

Con un offerta ampia, che va dalla gamma completa di accessori e scarpe alle nuove uscite del prêt-à-porter, i fan del brand dell'East London—che sono numerosi, come vi confermerà anche solo una veloce passeggiata a London Fields—non dovranno più andare in centro per comprare un nuovo paio di stivali Puddle o sbirciare le tanto amate Cassette bag. E se ufficialmente la nuova boutique della maison resterà aperta fino a Natale, la sua permanenza potrebbe prolungarsi nel caso questa iniziativa si rivelerà di successo. Dunque sapete già cosa fare: se vi trovate a Londra in questi giorni, preparatevi per una sessione di shopping sfrenato!

Ma le novità non finiscono qui. Pochi giorni fa, la maison milanese ha allestito l'ultima delle sue sfilate itineranti in una delle capitali culturali più significative degli Stati Uniti (spoiler: non è New York). Stiamo parlando di Detroit, la patria spirituale dei veicoli a motore, della Motown anni ‘70, della techno e luogo in cui si sono diretti Daniel Lee e il team del brand per organizzare l'ultima puntata della loro serie di sfilate itineranti che hanno avuto luogo prima a Londra e poi a Berlino. Assistiti da un cast di celebrità prevedibilmente d’eccezione—tra cui Mary J. Blige in una stola cremisi di finta coda di volpe e Lil' Kim in un ensamble porpora ricamato con piume—gli abiti presentati nello storico teatro del Michigan hanno rappresentato un'ode a un futuro progressista e gioioso (di cui abbiamo decisamente bisogno).  

La collezione ha puntato molto sulla giocosità e versatilità dei tessuti, con parka comfy intrecciati con fili metallici—una tecnica che consente a chi li indossa di schiacciare e manipolare il tessuto in forme inaspettate—, abiti intrecciati con perline, conchiglie e filati di gomma che conferiscono al tatto la sensazione di avere tra le mani un giocattolo, e sottovesti con orli slavati suggeriscono una sensualità sportiva, contrapposta ai completi in maglia per i look maschili. Il brand ha proposto anche una serie di look eccentrici, in linea con l’immaginario che caratterizza da sempre la maison, come scintillanti abiti in paillette ed enormi cappotti in pelliccia sintetica. Nel complesso, la collezione ha reinterpretato l’abbigliamento luxury attraverso una proposta innovativa e funzionale, mantenendo quel glamour e quella raffinatezza del brand che ci conquista sempre più, collezione dopo collezione.

Tuttavia, è il caso che prolunghiate la vostra permanenza a Detroit per un po’, perché Bottega presiederà la città più grande del Michigan fino al 22 gennaio 2022. Perché? Per il nuovo progetto creativo Bottega Firehouse, uno spazio commerciale posto nel centro del distretto di Corktown. Ma non si tratta solamente di un luogo dove fare shopping: la struttura infatti diventerà anche l’epicentro della storica comunità creativa che anima la città, ospitando un negozio di dischi della Underground Music Academy, una sala di lettura di Asmaa Walton, le opere di design di Chris Schanck e Aratani Fay, i tessuti di Substudio, gli arredi di Donut Shop, le ceramiche di Hamtramck Ceramck, alcune sculture in rilievo di Sophie Eisner e, tra le altre cose, una selezione di stampe curate da Ruben Cardenas

Questo articolo è comparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Tagged:
Detroit
Luxury
londra
Moda
bottega veneta