La maison Dior in 7 iconici look

Heritage, rivoluzioni ed evoluzioni: come la casa di moda francese ha plasmato alcuni dei movimenti più leggendari della moda dell'ultimo secolo.

di Zoë Kendall
|
21 gennaio 2022, 11:37am

Sono poche le case di moda che possono vantare un heritage così influente come quello Dior. Fondata a Parigi nel 1946 dal designer e couturier Christian Dior, la casa di moda di lusso ha rivoluzionato il vestiario femminile fin dalla sua prima epocale collezione del 1947. Il debutto, avvenuto a Parigi per la stagione S/S 1947, ha infatti segnato l’avvento dell’iconico stile “New Look” di Dior, una silhouette a clessidra che incarnava lo spirito di rinascita che dominava sul periodo post-bellico francese—notoriamente simboleggiata dalla “Bar” suit. Look così definito dalla editor di Harper’s Bazaar del tempo, Carmel Snow, il “New Look” parlava della moda Parigina come hub privilegiato per le nuove generazioni, il glam e le più elevate manifestazioni della moda, un processo che ha presto proiettato il concetto di haute couture francese nella cultura collettiva internazionale.

Ma Monsieur Dior è stato solamente il primo capitolo di una storia ormai secolare. Dalla sua morte nel 1957, il brand è stato capeggiato da sei designer, dall’inimitabile Yves Saint Laurent al visionario John Galliano, fino al modernista belga Raf Simons e, oggi, dalla prima direttrice creativa donna, Maria Grazia Chiuri. Fondato nel 1987 e ufficialmente intitolato Dior Heritage nel 2013, l’archivio del brand conta più di 70 anni di storia, conservando dai primi sketch dell’insuperabile designer alle note di sfilata delle ultime collezioni.

Per immensità e contenuto, Dior Heritage ha ispirato generazioni di designer nella creazione delle proprie visionarie collezioni. Per onorare il retaggio storico e l’eredità culturale di questa maison, abbiamo fatto degli affondi nell’archivio del brand per stilare una selezione dei look più iconici Dior.

7 iconici look Dior che sono passati alla storia

Lauren Hutton in un abito custom Christian Dior in Tout feu tout flamme, 1982

LAUREN HUTTON.jpg

Durante i suoi 30 anni di carriera da Christian Dior, Marc Bohan ha vestito icone del cinema, come Brigitte Bardot e Elizabeth Taylor, e dell’opera, come l’imparagonabile Maria Callas. Ma il look più cinematografico del designer parigino appartiene a Lauren Hutton. Nel 1982, Bohan è stato assoldato per la creazione di due abiti per la commedia francese Tout feu tout flamme. Per la protagonista, Isabelle Adjani, il designer ha progettato un classico abito da sera senza spalline, perfettamente in linea con i codici del marchio. Per Lauren Hutton, invece, Bohan ha ideato un abito in lamé dorato con uno scollo vertiginoso, gettando un ponte che unisse direttamente l’estetica disco degli anni ‘70 all’opulenza tipica di inizio anni ‘80.

La Principessa Diana in un abito Haute Couture Dior al Met Gala, 1996

LADY_DIANA.jpg

Sapevate che la Principessa Diana ha rischiato di non poter indossare l’iconico abito Christian Dior per il Met Gala del 1996? Attingendo dal mondo della lingerie, l’abito—uno slip dress blu rifinito di pizzi disegnato per la prima collezione Couture firmata John Galliano—era considerato troppo osé e provocante per essere indossato da un membro della monarchia inglese, e Diana aveva paura che il look avrebbe scatenato un caso internazionale.

Alla fine, però, la principessa ha deciso di indossarlo in quello che è passato alla storia come uno dei momenti di moda più decisivi degli ultimi decenni. Indossato solamente qualche mese dopo la sua famosa intervista per Panorama, e qualche mese prima che il suo divorzio fosse ufficializzato, il look ha segnato la fine della relazione tra Diana e lo stampo conservatore della monarchia ed era emblematico del suo stile moderno, innovativo e consapevole. La ciliegina sulla torta è stata la scelta di abbinare il look alla borsa Lady Dior. Nel 1996, infatti, il brand ha onorato la principessa rinominando la borsa Lady Diana Spencer.

Nicole Kidman in un abito Haute Couture Dior agli Academy Awards, 1997

NICOLE_KIDMAN.jpg

Nel 1997, Nicole Kidman—e la maison Christian Dior—ha rivoluzionato lo stile da red carpet per sempre. Per la cerimonia degli Academy Awards, l’attrice australiana—accompagnata da Tom Cruise, allora suo marito—ha indossato un abito colore chartreuse ideato dal direttore creativo del tempo, John Galliano. Paragonato ai look eleganti e classici degli Oscar, questo abito era un enorme rischio, che però è riuscito a sconfiggere il passare del tempo rimanendo negli annali dell’evento. La presentatrice dei pre-oscar Melissa Rivers ha descritto questa creazione Dior come il “primo vero abito couture” a solcare il red carpet della cerimonia. Da allora, questo look si è guadagnato il podio come uno degli abiti più influenti di tutta la storia dei red carpet degli Academy Awards.

Sarah Jessica Parker in un abito Christian Dior Fall 2000 in Sex and the City 2, 2010

SARAH_JESSICA_PARKER.jpg

Possiamo dirlo senza esitazione: Carrie Bradshaw di Sex and the City è certamente uno dei personaggi più influenti in fatto di moda ad aver graziato il piccolo schermo. Con un guardaroba che conta tra i suoi appendiabiti nomi come Donna Karan e Prada, è difficile individuare quale sia il suo look più iconico, quello che è diventato sinonimo sia del suo stile che del personaggio in sé. Noi pensiamo che sia il look Dior indossato nell’episodio 17 della terza stagione della serie. In quella puntata, Carrie indossa l’abito tagliato in sbieco stampato con inserti di giornale (sì, hai capito quale), disegnato da niente meno che John Galliano per la collezione Fall 2000 del brand. Anticonvenzionale—e immediatamente replicato ovunque—l’abito ha attirato e continua ad attirare attorno a sé una marea di fan e devoti di questo look. Il look è stato tlamente d’impatto che Carrie e la stylist di SATC Patricia Field hanno deciso di rivisitarlo anche per il secondo film di Sex and the City una decade più tardi.

Jennifer Lawrence in un abito Dior Haute Couture agli Academy Awards, 2013

JENNIFER_LAWRENCE.jpg

In uno dei momenti più memorabili della storia degli Oscar fino ad oggi, vediamo Jennifer inciampare sull'orlo del voluminoso abito couture Christian Dior mentre sale sul palco del Dolby Theatre per accettare il suo Oscar come migliore attrice protagonista. La caduta, e il vestito, hanno fatto il giro del mondo. Lo splendido abito a vita bassa è stato disegnato dal designer belga Raf Simons per la sua seconda collezione Couture. Durante il suo periodo da Dior, Raf, noto per i suoi design giovanili e all'avanguardia, ha modernizzato i codici della maison calandoli nella contemporaneità. Questo vestito—e questo momento—incarnava completamente la visione di Raf per la casa francese: un abito realmente moderno indossato da una stella del cinema millennial.

Rihanna in un abito Dior Couture al Festival di Cannes, 2017

RIHANNA.jpg

Mentre partecipava alla prima di Okja, Rihanna ha reso omaggio ai look da Old Hollywood del passato indossando un look stravagante disegnato dalla direttrice creativa di Dior Maria Grazia Chiuri. Realizzato in taffetà di seta nell'atelier parigino della maison, l'ensemble era composta da un abito a gonna ampia e senza spalline, abbinato a un cappotto con spalle scoperte. Ovviamente, da icona della moda quale è, Rihanna ha accessoriato il look senza tempo con occhiali ultra-futuristici, perfetti per bloccare i raggi tropicali della Riviera. Per quanto recente, il look si è già guadagnato un posto tra gli abiti da red carpet più iconici di sempre del Festival di Cannes.

Elle Fanning in un abito Dior Couture al Festival di Cannes, 2019

ELLE FANNING.jpg

Nel 2019 Elle Fanning è stata nominata membro della prestigiosa giuria del Festival di Cannes, il comitato incaricato di decidere quali film porteranno a casa i premi del festival, inclusa la prestigiosa Palma d'Oro. Come giurata (la più giovane di tutti i tempi) Elle ha partecipato a tutte le sue numerose anteprime e relativi red carpet. Tra la miriade di look indossati dalle star, l'ensemble Dior personalizzato per Elle è stato il più memorabile. E per una buona ragione: il look incarnava il passato e il presente di Dior Haute Couture, mettendo in risalto sia l'artigianato che l’heritage della maison. Tratto dagli archivi della maison e progettato dalla direttrice creativa Maria Grazia Chiuri, l'ensemble è stato fortemente ispirato dal “New Look” del 1947. Il look completo—camicia in organza e gonna in tulle integrale sormontata da un cappello effetto cannage—ha richiesto più di 450 ore per essere creato. Il look si è guadagnato un posto non solo nella hall of fame del red carpet di Cannes, ma anche nei libri di storia di Dior Heritage, fondendo il leggendario passato Dior con la sua evoluzione moderna, guidata da Maria Grazia Chiuri.

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Tagged:
Dior
Moda
Dior Heritage