Quantcast

grammy 2018: per la prima volta non ci sono uomini bianchi nella categoria 'album of the year'

Tra di loro Jay-Z, Kendrick Lamar e Childish Gambino.

Frankie Dunn

Per una premiazione che non può certo vantare una storia di inclusività e diversità (24 di Adele meritava davvero di vincere il premio 'Album Of The Year' quando nello stesso anno è uscito Lemonade di Beyonce? E nel 2016 il disco 1989 di Taylor Swift ha davvero avuto un impatto culturale maggiore di To Pimp A Butterfly di Kendrick Lamar?) le nomination di quest'anno sembrano un cambiamento epocale e necessario. Nella categoria Album Dell'Anno troviamo infatti: Awaken, My Love! di Childish Gambino, Melodrama di Lorde, 4:44 di Jay-Z, Damn di Kendrick Lamar e, beh, 24K Magic di Bruno Mars. E ci sembra proprio un bell'elenco. Abbastanza, dai. Sistemare i punti deboli (così evidenti) di un'istituzione (così importante) è difficile, ma questa 60esima edizione dei Grammy sono l'esempio perfetto che è un passo assolutamente possibile, oltre che fondamentale.

PS: l'ultima volta in cui la categoria Album Dell'Anno ha visto zero uomini in lizza è stato nel 1999, quando le nomination sono andate a Garbage, Lauryn Hill, Madonna, Sheryl Crow e Shania Twain. Che anno quell'anno.