David Bowie, Madison Square Garden, 1978

bowie e lou reed scattati da un adolescente newyorkese negli anni '70

Golden Years riunisce gli scatti di un adolescente degli anni '70 fan del rock'n'roll che ha immortalato i migliori concerti al Palladium, al CBGB e al Madison Square Garden.

di Emily Manning
|
27 ottobre 2016, 2:45pm

David Bowie, Madison Square Garden, 1978

New York City era un posto peculiare nel 1977. La crisi economica gravava sul Paese, ma la Grande Mela se la passava peggio di altre città. Se contiamo anche l'alto tasso di criminalità e la violenza dilagante (gli omicidi del Figlio di Sam, seguiti da un blackout di 25 ore dopo un violento temporale di luglio) è facile intuire che si trattava di una città al limite. Eppure, mente NY crollava sotto i loro occhi, i giovani newyorkesi davano vita a scene artistiche fiorenti e movimenti musicali. I ballerini e i rapper del Bronx gettavano le basi dell'hip hop, mentre i punk conquistavano le aree del centro. Il mondo era a ferro e fuoco, ma almeno la musica spaccava. Ed Rosenbaum compiva 17 anni nel '77, e catturava alcuni dei musicisti più talentuosi della città in alcune delle venues più iconiche. 

Lou Reed, Capitol Theater, 1978

Rosenbaum ha deciso di portare con se ai concerti la Pentax che il suo fratellastro gli aveva dato in prestito. Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80 Rosenbaum ha scattato così David Bowie, Lou Reed, Elvis Costello, Blondie, Bruce Springsteen, gli AC/DC, The Pretenders e molti altri in locali oramai chiusi come il CBGB e il Palladium (il club sulla East 14th Street dove i Rolling Stones hanno fatto tappa durante il loro primo tour americano, ora diventato un dormitorio) e, ovviamente, il Madison Square Garden. Rosenbaum non aveva i pass per la stampa né accesso al backstage; scattava dal parterre, in mezzo alla folla, o nei posti sugli spalti più lontani dal palco. Era prima di tutto un fan. 

Freddie Mercury, Madison Square Garden, 1977

A metà anni '80, però, Rosenbaum ha smesso di scattare ai concerti e ottenne un lavoro come portiere in un palazzo in centro, dove ha lavorato per decenni. Di recente ha ritrovato i negativi delle sue foto ai concerti e li ha mostrati ad una delle locatarie del palazzo, studentessa all'Università di New York. Quando l'editor di Esopus Magazine Tod Lippy, ha fatto lezione all'università, la ragazza gli ha parlato delle foto di Rosenbaum. Le immagini fanno ora parte di Golden Years, un libro presto in uscita curato da Esopus.

Peter Gabriel, The Palladium, 1978

Per celebrare il lancio di Golden Years Lippy ha curato una mostra con le immagini rock'n'roll di Rosenbaum, visibile al Pioneer Works a Red Hook. Golden Years è un omaggio all'energia dei giovani e alla loro passione per la musica. Ciò che per Rosenbaum era inizialmente solo "un modo per ricordare i concerti a cui era stato" è diventato oggi un importante documento sulla storia di NYC.

Golden Years è in mostra al Pioneer Works fino al 13 novembre, ulteriori informazioni qui.

The Jam, CBGB, 1978

Blue Öyster Cult, The Palladium, 1979

Crediti


Testo Emily Manning
Foto © 2016 Ed Rosenbaum / Artists Rights Society (ARS) New York

Tagged:
Lou Reed
Bowie
Ed Rosenbaum