mentre l'uscita di #R8 si avvicina noi ricapitoliamo le grandi hit di rihanna

Mentre noi siamo sulle spine per l'uscita del nuovo album di Rihanna, facciamo un viaggio nella sua musica.

di Nick Levine
|
09 aprile 2015, 9:02am

Il nuovo album di Rihanna è il più atteso dei dischi della sua carriera. Dopo aver realizzato sette LP tra il 2005 e il 2012, oggi è da quasi due anni e mezzo che stiamo aspettando R8, come la cantante chiama in modo misterioso su Instagram il suo ottavo album. Stando alle voci, potrebbe pubblicarlo a momenti, e i-D si è immersa nei testi della cantante per un "Ri-cap", un tempestivo album fatto di album.

Music of the Sun
Pubblicato quando aveva solo 17 anni, l'album di debutto di Rihanna mostra in modo evidente le sue origini dalle Barbados - il titolo del primo brano è  Pon de Replay che significa "suonala ancora" in lingua Bajan, uno dei due dialetti ufficiali. Con i suoi ammalianti gesti pop e la sua luminosa pista da ballo, Pon de Replay è il suo scintillante punto di inizio, ma le rilassate canzoni pop-reggae di Music of the Sun risultano ancora oggi assolutamente orecchiabili. Tra i singoli incisi quelli che meritano di essere menzionati comprendono il sottovalutato If It's Lovin' that You Want, la rilassata cover di Ri del pezzo di Dawn Penn You Don't Love Me (No No No) There's a Thug In My Life, una patinata ballata R&B con un titolo tipico nei suoi  successivi album. 

A Girl Like Me
Arrivato dopo 8 mesi dal suo debutto, il secondo album di Rihanna ha cavalcato l'onda della sua rapida e crescente carriera. Tenuto a galla dalla sua intelligente anticipazione con Tainted Love, il ballo electro-pop di SOS è diventato la sua prima hit negli USA, mentre l'altro importante pezzo, una ballata melodrammatica, Unfaithful, mostra l'estensione vocale di Rihanna. In A Girl Like Me affina la forum di Music of the Sun alternandosi tra mid-tempo, pop-reggae e commoventi ballate R&B, ma con un paio di melodie memorabili. Ri fa coppia con Sean Paul nel contagioso pezzo da discoteca Break It Off, Kisses Don't Lie è una dei suoi migliori brani dal sapore caraibico anche se all'epoca non divenne una grande hit, We Ride oggi suona come un classico pezzo da spiaggia. 

Good Girl Gone Bad
Il terzo album di Rihanna ha dimostrato quanto in questi anni la sua musica si sia evoluta, lasciando da parte parole superflue e rendendola una superstar del mondo del pop. Il suo primo singolo Umbrella ha passato dieci settimane alla numero uno in Inghilterra e potrebbe aver oscurato una serie di tracce un po' deboli, ma quello che è certo è che Good Girl Gone Bad possiede una forza ancora maggiore. Il singolo prodotto da Timbaland Rehab, il duetto con Ne-Yo Hate that I Love You, il pezzo da club Don't Stop the Music e il doppio senso di Shut Up and Drive sono tutte diventate hit, mentre l'impetuoso inno di vendetta Breakin' Dishes è il più bel brano mai fatto da Rihanna. L'album è stato ripubblicato l'anno seguente come Good Girl Gone Bad: Reloaded con l'aggiunta di tre nuove canzoni: Disturbia, Take a Bow If I Never See Your Face Again. Da questo momento, Rihanna è stata inarrestabile e anche questi ultimi singoli sono diventati tre successi. 

Rated R
Rihanna ha cominciato a registrare il suo successivo Good Girl Gone Bad poco dopo essere stata aggredita dal suo ragazzo Chris Brown poco prima dei Grammy Awards del 2009. Ancora oggi, è difficile non vedere Rated R come una risposta, magari anche parziale, allo shock dell'accaduto. Il quarto album della cantante è ancor più tagliente e minaccioso di qualsiasi altro lavoro abbia fatto prima, caratterizzato dal duro R&B, da ritmi hip hop che si uniscono ad aggressivi riff di chitarra, e da testi di cui è assolutamente lecito vantarsi. Quando Rihanna ha dichiarato " Non ho mai fatto la vittima, preferirei essere una stalker," su Rockstar 101, sembrava proprio convinta. Intanto Rude Boy, un pezzo super-accattivante e provocante, si è rivelato un assaggio dei suoi successivi lavori. Se Good Girl Gone Bad è stata la svolta commerciale di Rihanna, l'aggressivo ed elettrizzante Rated R è stata quella artistica. 

Loud
Dopo il cupo e ribelle Rated R, il quinto album album vede Rihanna prendersi una pausa dai suoi capelli - almeno dopo averli colorati di rosso brillante per la sua copertina del disco.  Loud è più accessibile e meno omogeneo del precedente ma  Rihanna è sempre abilissima a convincere, mostrando il melodioso dance-pop di Only Girl (in the World), il reggae unito all'R&B del duetto con Drake What's My Name? e la citazione pop-rock dal brano di Avril con Cheers (Drink to That). E nemmeno questa volta cerca di nascondere il suo lato provocante: S&M venne ritenuto talmente scandaloso che Radio 1 censurò strofe come "Sex in the air - I like the smell of it" e il pezzo preferito dei fan Man Down la immortala nel ruolo di un'assassina in fuga. L'ultimo comprende anche una delle sue più chiassose performance in dialetto Bajan - state a sentire come pronuncia "altercation".

Talk That Talk
Rihanna col suo sesto album ha continuato l'inarrestabile serie di successi. Questa volta passa senza sforzo dai due brani da discoteca prodotti da Calvin Harris We Found Love Where Have You Been? al patinato pop da città come nel luminoso pezzo R&B You Da One, e il superficiale ma trionfante Watch 'n Learn, col supporto di Jay Z per il titolo della traccia.  Drunk on Love mostra anche un assaggio dal The XX's Intro. Talk That Talk è sicuramente il più sensuale e aggressivo album mai pubblicato da Miss Fenty - Birthday Cake ovviamente non riguarda certamente una torta glassata e con la candelina sulla cima, e Cockiness (I Love It) include i versi "suck my cockiness, lick my persuasion" e, anche, "I love it when you eat it".

Unapologetic
Il settimo e più recente degli album di Rihanna unisce sonorità dubstep, dance, pop, hip-hop e R&B così come Talk That Talk, ma lo fa spesso al limite e in modo molto audace.  Le ballate oscillano dal sorprendentemente sobrio Stay e dal gloriosamente eccessivo What Now, Love Without Tragedy/Mother Mary sono sette minuti di electro-R&B da urlo influenzati dai Police, la  vecchia band di Sting, e l'inno allo strip club di Rihanna Pour It Up appare come un canzone stranamente sovversiva poiché cantata da una donna. Anche l'ultimo singolo Diamonds è fortemente sovversivo, ed era dai tempi di Good Girl Gone Bad che non lo faceva in modo così chiaro. E forse per sottolineare il itolo dell'album, Rihanna ha realizzato anche un irresistibile e orecchiabilissimo duetto con Chris Brown, Nobody's Business.

"R8"
Il primo singolo pubblicato dal nuovo album di Rihanna, il rilassato FourFiveSeconds, non ha niente a che vedere col secondo, il duro e agguerrito pezzo Bitch Better Have My Money. Durante il fine settimana Rihanna ha diffuso un'altra delle sue canzoni, una ballata dal titolo American Oxygen che suona assolutamente diversa dalle prime due. "Ho fatto un sacco di canzoni che sono diventate delle hit... e sono semplicemente esplosie" Rihanna ha detto recentemente a MTV, aggiungendo che avrebbe voluto registrare un brano che "sento davvero, che sento profondamente, che sento per sempre". Ciliegina sulla torta, Kanye West è il produttore esecutivo dell'album e R8 si appresta ad essere il più audace dei suoi LP. 

Crediti


Testo Nick Levine
Foto Paolo Roversi
Moda Alastair McKimm

Tagged:
Rihanna
R8