parliamo di femminismo con alcune delle modelle più cool del momento

Molly, Fredrikke, Greta, Dilone e le altre ci parlano di donne e uguaglianza nel backstage della sfilata di Kenzo.

|
14 marzo 2016, 11:45am

Ispirata alla giovane eroina di Sailor Moon, l'energica Bunny, la sfilata di Kenzo a Parigi ha celebrato la forza delle donne e noi per l'occasione abbiamo incontrato nel backstage alcune delle top del momento per discutere con loro di femminismo, uguaglianza tra i genere e dell'essere donna nel 2016.

Frederikke Sofie, 19 anni 

La sfilata di Kenzo è un inno alla femminilità. Quanto è importante celebrare la donna nel 2016 ?
Moltissimo! Questo dibattito riguardo all'importanza del femminismo oggi è fondamentale. Il femminismo dà voce alle donne, è importante portare avanti questo movimento.

Ti consideri femminista?
Sì, ma comprendo anche il punto di vista degli uomini che non lo vedono più come un movimento per l'uguaglianza tra i sessi, quanto piuttosto un modo per prevaricarli. Perciò sì sono femminista, ma sono dalla parte dell'uguaglianza prima di tutto. 

Questa stagione Kenzo ha mostrato una donna saggia e audace allo stesso tempo. Ti ci ritrovi?
Molto. Una donna può avere molti volti, è una cosa fantastica. Tutte le donne ci si possono ritrovare. 

Che consiglio daresti alla nuova generazione?
Siate sicuri di voi stessi! 

 Dilone Janiece, 21 anni 

Cosa rappresenta per te l'uguaglianza tra i sessi?
Significa che le donne debbano essere pagate tanto quanto gli uomini. È assurdo che si faccia ancora distinzione tra il salario di un uomo e quello di una donna nel 2016. Nel mondo della moda siamo fortunate da questo punto di vista, ma sembra essere l'unica industria in cui le donne vengono pagate quanto gli uomini.

Credi che la moda possa dare il suo contributo nella lotta all'uguaglianza?
Credo gli stilisti debbano seguire il loro istinto e non soffermarsi sugli stereotipi femminili. La cosa bella della moda è che ogni stilista propone una visione nuova della donna. La moda ti dà la libertà di essere ciò che vuoi, è stupendo. 

Questa stagione Kenzo ha mostrato una donna saggia e audace allo stesso tempo...
Si ed è fantastico! Se tutte le camicie saranno sparite dopo la sfilata sarà colpa mia! No scherzo. 

Che consiglio daresti alla nuova generazione?
Gli direi di esprimersi al meglio, di non aver paura di mostrare ciò che sono. Gli direi di seguire le loro emozioni, di viverle fino in fondo se sono belle, e se sono brutte di non dargli importanza. I social ci richiedono di essere sempre felici ma non è questa la realtà. Vivete al massimo, dimenticatevi del resto.

Molly Bair, 18 anni 

Com'è essere donna nel 2016 ?
È fantastico. C'è molto da fare ancora per i diritti delle donne ma mi sembra che le cose stiano migliorando. Il femminismo sta andando incontro ad una fase di rinascita e molte persone stanno combattendo per la causa. È una cosa davvero ottima. 

Credi che la moda possa dare il suo contributo nella lotta all'uguaglianza?
Certo e su più livelli. In quanto modella, incarno ogni giorno un nuovo tipo di femminilità. Ogni volta è un'esperienza, e la moda è la prova che possiamo essere donne in mille modi diversi. 

Che consiglio daresti alla nuova generazione?
Se avete un sogno non lasciate che nessuno lo faccia svanire.

Odette e Lia Pavlova, 21 anni

Oggi sfilate assieme, com'è lavorare assieme alla propria sorella?
Odette : È molto carino. Avere qualcuno della propria famiglia con te al lavoro ti rassicura in qualche modo.

Lia : Non succede spesso perciò quanto accade siamo molto contente.

Cosa deve cambiare ancora per le donne oggi?
Odette : Le donne devono essere considerate al pari degli uomini. È una cosa così semplice. 

Che consiglio daresti alla nuova generazione?
Lia : State vicino alla vostra famiglia. Le vostre radici dimorano lì. A volte ce ne dimentichiamo al giorno d'oggi. 

Greta Varlese, 17 anni

Nel mondo della moda c'è più eguaglianza tra uomini e donne rispetto ad altri ambienti, non è così?
Sì, è vero. Le donne vengono tratte meglio che in altri contesti lavorativi.

Ti consideri femminista?
No, non mi rispecchia come definizione. Tuttavia è una causa che mi interessa.

La moda ti ha permesso di emanciparti come donna?
Mi ha permesso di essere molte donne in realtà. Mi trasformo in una donna nuova durante ogni sfilata. In alcune sfilate sono una donna super dark, in altre sono più intellettuale, in altre più sexy. Esploro tutti i volti della mia personalità. 

Credi che la moda debba mostrare i vari volti della femminilità? 
Si certamente, tutti dovrebbero affrontare definizioni diverse di femminilità e la moda dovrebbe liberarsi degli stereotipi femminili. 

Katherine Moore, 18 anni 

Cosa ne pensi del femminismo nel 2016?
Sono femminista ma ci sono cose del femminismo che non mi piacciono del tutto. Credo sia importante difendere sempre l'uguaglianza, mentre in certi casi il femminismo incita le donne a prevaricare gli uomini e questo per me è un controsenso.

Credi che le donne oggi siano più libere?
Si le donne lo sono sempre di più e credo che le nuove generazioni avranno ancora più libertà. 

Damaris Goddrie, 18 anni

Cosa deve cambiare ancora per le donne oggi?
Molte cose. È ancora difficile essere donna in certi Paesi. L'uguaglianza tra uomini e donne dovrebbe essere una cosa scontata ormai. 

Ti definisci femminista?
Si e no, sono per l'uguaglianza. 

Questa stagione Kenzo ha mostrato una donna saggia e audace allo stesso tempo. Ti ci ritrovi?
Si è ciò che sono anche io. In questa collezione ci sono capi molto kawaii e irriverenti, un'immagine duale della donna che rispecchia una femmina libera.

Qual è la cosa più bella dell'essere donna?
Dare la vita! È incredibile, no?

Crediti


Foto Léon Prost
Produzione Xenia May Settel
Testo Micha Barban-Dangerfield