jonas mekas a venezia

"The Internet Saga" presenta l'opera poetica e visionaria del leggendario regista lituano durante la 56a Biennale d'Arte.

|
mag 9 2015, 6:35pm

Chi ama il cinema indipendente conosce sicuramente Jonas Mekas, figura leggendaria che in questi giorni si trova a Venezia in occasione di "The Internet Saga", progetto a cura del duo Francesco Urbano Ragazzi in collaborazione con Zuecca Project.

Lo incontriamo ed è ancora attivissimo a più di 90 anni - è nato in Lituania nel 1922. Facciamo una piccola premessa: dopo una claustrofobia esperienza nei campi nazisti prima e nei campi profughi poi, Mekas arriva a Brooklyn nel 1949. Con i primi soldi avuti in prestito compra una macchina Bolex 16mm ormai entrata nella leggenda, e comincia a filmare la sua vita, le persone che incontra nella New York della factory warholiana, i figli e chiunque lo ispiri. Nel 1960 Jonas Mekas fonda "Film Culture" e guida il movimento d'avanguardia del New American Cinema Group, diffondendo e sostenendo il cinema indipendente come forma d'arte.

I film di Mekas sono spontanei, senza una sceneggiatura prefissata, con i personaggi che si definiscono nel corso del girato, e vengono creati durante le riprese.

Questo tipo di cinematografia artistica underground e d'avanguardia si concentra più sul personaggio e sulla sua interiorità che sull'azione. Un cinema che rifiuta sia la morale borghese, sia i codici formali dell'arte. Mekas è il padre di un cinema sotterraneo, diaristico, di ricerca, e antropologico.

È possibile vedere il lavoro di Mekas in occasione della 56esima Biennale D'Arte di Venezia, in due sedi: il Burger King di Palazzo Foscari Contarini (sì, proprio il fast food) e presso Spazio Ridotto.

Palazzo Foscari Contarini, dimora storica sul Canal Grande e oggi sede del Burger King, ospita dei nuovi video realizzati da Mekas in digitale, e grandi vetrate completamente rivestite di fotogrammi in cui ritroviamo momenti intimi del regista, immagini di vita quotidiana, frammenti di bellezza e felicità, le estati passate con la famiglia e i bambini di Jackie Kennedy, Yoko Ono e John Lennon, momenti bizzarri con Dali' e molti altri personaggi.

Seguiamo Mekas al suo arrivo a Palazzo Foscari Contarini in un video dell'artista Claudio Cassano.

Spazio Ridotto ospita invece l'opera "Birth of a Nation", composta da quattro proiezioni simultanee che raccontano 160 ritratti degli amici di Mekas, personaggi vicini al regista che hanno fondato la storia del cinema indipendente a New York. Questi ritratti sono brevi riprese astratte, sono girate con diverse velocità che creano distorsioni nel colore e nella messa a fuoco, sovrimpressioni e continui movimenti dell'immagine, ma lo stile è precisissimo. Qui sotto potete vederne un estratto. 

internetsaga.com

spazioridotto.com

jonasmekas.com

Crediti


Testo Gloria Maria Cappelletti
Foto di Giulio Favotto / Otium
Video dell'opening di "The Internet Saga" di Claudio Cassano