date un primo sguardo al nuovo numero di i-D “The Acting Up Issue”!

Nel 1970 gli Scott-Heron cantavano “The Revolution Won’t Be Televised” (La rivoluzione non sarà trasmessa in TV). E avevano ragione: sarà in diretta streaming. All'alba di un’era nuova nel mondo cinematografico, i-D sceglie di guardare a Los Angeles...

|
ago 2 2017, 2:10pm

Cosa fa di te una star nel 2017? È questa la domanda che ci siamo fatti creando il numero The Acting Up Issue. Partiamo dalla copertina, per cui abbiamo scelto tre dei nomi più prestigiosi nell'industria della moda: Mathilde Henning in Céline, fotografata da David Sims; Selena Forrest in Dior, fotografata da Zoë Ghertner; Paris Jackson in Calvin Klein, fotografata da Willy Vanderperre.

Apriamo The Acting Up Issue per scoprire che i-D in questo numero guarda a Los Angeles, la città di chi sogna in grande e dove, a volte, i sogni più irrealizzabili diventano realtà. Siamo all'alba di un'era nuova nel mondo cinematografico, in cui le vecchie regole stanno per essere messe in subbuglio e poi distrutte. Il pubblico vuole conoscere le storie fin ora taciute; intanto, la nuova generazione di talenti è sempre più determinata a sfruttare la sua crescente fama per nobili scopi. La strada da percorrere è ancora lunga prima di vedere la vera diversità sugli schermi. Quindi oggi è più importante che mai dare spazio a chi lotta per il cambiamento. Celebriamo le star di domani, raccontiamo le loro storie e affrontiamo temi significativi: identità sessuale, razza, salute mentale, povertà e appropriazione culturale.

Fotografia Willy Vanderperre. Styling Olivier Rizzo. Paris indossa CALVIN KLEIN 205W39NYC.

In questo numero puntiamo i riflettori di i-D sulla nuova generazione di Hollywood: Danielle Macdonald e Mamoudou Athie, al comando del gruppo hip-hop Patti Cake$; l'attivista della non-binarietà, Asia Kate Dillon di Orange Is The New Black; Miles Heizer, protagonista di 13, la serie TV più chiacchierata del 2017; l'inglese Harris Dickinson, luminosa stella di Beach Rats, pellicola drammatica che parlerà di amore gay, nudità maschile e scoperta dell'identità sessuale con uno sguardo crudo e risoluto.

Certo, Hollywood non sarebbe Hollywood senza un bel blockbuster all'antica, ed è quindi il momento di un primo piano su Finn Wolfhard, mentre tutti attendiamo con ansia il ritorno di Stranger Things in ottobre. E se non riuscite proprio ad aspettare fino ad Halloween, non c'è ragione di scomporsi perché Finn recita anche nell'adattamento cinematografico del romanzo horror di Stephen King, IT, in compagnia della 15enne Sophia Lillis, che ci ha svelato cosa la fa rabbrividire. Intanto, l'attore Fionn Whitehead, che debutterà sul grande schermo nel nuovo successo di Christopher Nolan, rischia di diventare tanto famoso quanto la sua co-star in Dunkirk, Harry Styles.

Fotografia Zoë Ghertner. Styling Julia Sarr-Jamois. Selena indossa salopette Dior.

Non è un colpo di scena scoprire che l'attrice basata a LA Yara Shahidi sia entrata ad Harvard; dopo aver ottenuto una parte in Black-ish, questa giovane e intelligentissima donna si serve della sua notorietà per affrontare temi di rilievo. In un saggio scritto per i-D, Yara ci spiega perché vuole che la creatività veicoli discussioni e conversazioni impegnate.

Cinema e televisione sfidano continuamente la tradizione, proprio come fa la moda: allontanandosi dai limiti di genere, i brand losangelini No Sesso e 69 US ridefiniscono il concetto d'identità grazie a una visione più fluida del futuro. La Città degli Angeli è animata da una nuova generazione di stilisti, professionisti dello skateboard, cantanti, attivisti, attori e rapper. Lasciate che la nostra guida a LA v'ispiri; c'è anche Dexter Navy a farvi da Cicerone tra i mille business lanciati da chi appartiene alla nuova generazione.

E chi poteva concludere meglio il The Acting Up Issue dell'incredibilmente perfetta regina dell'identità trans, Amanda Lepore? Insieme a lei, celebriamo i 50 anni della decriminalizzazione dell'omosessualità in Gran Bretagna.

Ricordate, il mondo è il nostro palcoscenico, e tutti noi non siamo che attori alla ribalta. Vivete il sogno, vivete il vostro sogno, siate il sogno.